Maggio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“I tassi ipotecari continueranno a salire”: come spiegare questo aumento senza fine?

“I tassi ipotecari continueranno a salire”: come spiegare questo aumento senza fine?

I tassi di interesse sui prestiti sono saliti, nel giro di pochi mesi, dall’1% al 5% circa annunciato per la fine dell’anno. Ecco il meccanismo alla base di questo aumento, spiegato da Fanny Ducros, direttrice dello sviluppo del settore bancario al dettaglio presso la Cassa di risparmio Languedoc-Roussillon.

Se i tassi di interesse salgono, non è necessariamente (sempre) colpa delle banche. “I tassi di credito sono determinati principalmente sulla base di due fattori. Il primo è l’andamento dei tassi di rifinanziamento delle banche. Questo dipende dall’andamento dei tassi di interesse di riferimento della Banca Centrale dell’Unione Europea, da cui le banche rifinanziano”, spiega Fanny Ducros .

Questa settimana, la Banca Centrale Europea ha nuovamente aumentato il tasso di interesse di riferimento dello 0,25%. “Lo fa perché c’è l’inflazione, al fine di sopprimerla”. Da ricordare: l’inflazione arriva dopo la ripresa dell’attività economica dopo il periodo Covid, che ne ha paralizzato e interrotto il normale funzionamento.

“Dobbiamo fare i conti con l’aumento dei tassi di rifinanziamento”.

“Dopo la crisi del Covid, da parte dei francesi c’è stata molta domanda di beni di consumo. Tuttavia, l’offerta non è stata in grado di coprire queste esigenze perché la produzione di un certo numero di aziende è stata colpita dalla mancanza di finanziamenti. La pandemia. ” A ciò si aggiungono “elementi esterni”, come la guerra in Ucraina e la crisi energetica.

“Noi banche dipendiamo dall’evoluzione dei tassi di interesse di riferimento della banca centrale e dai relativi tassi di rifinanziamento”. Ciò “ha un impatto sui tassi offerti ai mutuatari”. Alla Cassa di risparmio della Linguadoca-Rossiglione fissiamo poi i livelli dei prezzi del credito in base a questo sviluppo, “tenendo conto anche dell’andamento dei prezzi di mercato”.

READ  L'inflazione ha superato il 10% e ha raggiunto un nuovo massimo in ottobre

Un periodo di attesa e di vedere da parte dei mutuatari

Fanny Ducros ci ricorda, quando si tratta di immobili, che se c’è un calo della domanda e delle transazioni, non è a causa dei prezzi. “Negli ultimi anni i clienti si sono abituati a contrarre prestiti a tassi di interesse bassi. Oggi aspettano e si dicono che i tassi di interesse scenderanno.”

Tuttavia, il direttore dello sviluppo dell’attività bancaria al dettaglio della Cassa di risparmio Languedoc-Roussillon insiste: “Se guardiamo alla storia dell’evoluzione dei tassi debitori, il periodo insolito è stato il periodo dei bassi tassi di interesse. Non il periodo di oggi.” Oggi siamo “tornati alla normalità”.

“I prezzi continueranno a salire”

Oggi le tariffe variano a seconda del periodo, tra il 4% e il 4,5%. Ma ha osservato: “Siamo di fronte ad un atteggiamento di attesa da parte degli acquirenti, poiché ci sono molte proprietà in vendita”. Solo che i tassi difficilmente scenderanno. Almeno non subito. “La Banca Centrale Europea ha alzato i tassi di interesse dello 0,5%. Ciò significa che anche i tassi applicati dalle banche continueranno ad aumentare.”

In altre parole, non dovremmo aspettarci un taglio dei tassi nelle prossime settimane o mesi, con le banche, come ricordiamo, che continueranno ad aumentare il tasso di interesse di riferimento della BCE. Dobbiamo quindi abituarci a tassi di interesse intorno al 5%, che, come concordano molti operatori, rappresenta un livello “normale”, dopo i tassi “anomali” praticati negli ultimi anni, che oscillavano tra lo 0% e l’1%.