Giugno 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ci sono due leggi energetiche in cantiere

Ci sono due leggi energetiche in cantiere

Il Ministro della Transizione Energetica, Agnes Pannier-Runacher Ludovic Marin/AFP

La presentazione dei due testi è prevista “entro la fine dell’anno”, secondo quanto precisato dall’entourage del ministro della Transizione energetica.

Il governo intende introdurre due leggi sull’energia entro la fine del 2023: una relativa alla sicurezza nucleare, e l’altra che dovrebbe risolvere la questione del prezzo dell’elettricità e adattare la produzione di energia agli impegni climatici del Paese. “Nei prossimi mesi presenterò due progetti di legge per riformare la governance del nostro sistema di sicurezza nucleare e riprendere il controllo dei prezzi dell’elettricità e, più in generale, dell’energia e del clima.“, ha indicato martedì alla stampa la ministra Agnes Pannier-Runacher.

Si intende presentare i due testi.Prima della fine dell’anno», seleziona il suo ufficio. Nel primo caso, si tratta del completamento di un progetto, molto contestato, avviato dal governo per integrare l’Istituto per la protezione dalle radiazioni e la sicurezza nucleare (IRSN), esperto nel campo della sicurezza nucleare, nell’Autorità per la sicurezza nucleare (ASN). che è deciso. Il destino delle centrali elettriche. Nell’ottica del rilancio del programma nucleare si punta a “Interruttore elettrico“E un altro”Diluire“Decidere creando”Uno dei più grandi organismi di sicurezza nucleare al mondo“, ma i suoi critici temono una perdita di indipendenza, qualità delle competenze e una diminuzione della trasparenza nei confronti del pubblico.

Per quanto riguarda la seconda legge, Agnès Pannier-Runacher desidera stabilire “Un sistema permanente che ci consente di mantenere i prezzi più bassi in Europa prevenendo al contempo gli aumenti dei prezzi che abbiamo visto negli ultimi mesiEmmanuel Macron ha annunciato lunedì che il governo annuncerà i prezzi dell’elettricità il prossimo ottobre.armonico“con requisiti”Competitività“che dà”La visione è per le famiglie e gli industriali», grazie alla flotta nucleare che la Francia possiede.

La questione è al centro di aspre discussioni a Bruxelles a causa dei disaccordi tra i paesi su dove fornire l’energia nucleare francese. Divide anche lo stato e la gestione delle forze di difesa etiopi. Lo Stato, che è azionista al 100% del FES, vuole che i prezzi dell’elettricità siano il più vicino possibile ai costi di produzione per sostenere i consumatori e la competitività industriale. Da parte sua, EDF, gravata da un debito record, reclama il diritto di fissare i suoi prezzi più liberamente grazie ai contratti conclusi sui mercati con grandi clienti.

“Investimenti significativi”

Questa seconda legge dovrà tenere conto anche degli obiettivi climatici della Francia e determinare la programmazione della produzione energetica settore per settore. “Se la Francia vuole raggiungere i suoi obiettivi climatici, dovrà raddoppiare il tasso di riduzione delle emissioni portandolo al -5% annuo entro il 2030.Il climatologo Jean Guzel, che martedì ha partecipato alla conferenza dell’Unione delle energie rinnovabili a Parigi, ha sottolineato il ruolo essenziale di queste risorse, prima di qualsiasi altra soluzione, per rimuovere il carbonio dal paese.

Il documento dovrà essere sottoposto a consultazione”.Nelle prossime settimane“L’obiettivo è che la legge arrivi al Consiglio dei ministri”.Prima della fine dell’anno“La legge sulla programmazione energetica e climatica inizialmente prevista per l’inizio del 2023 non è stata ancora inserita nel calendario parlamentare”.Dopo l’estate più calda di sempre», un gruppo di rappresentanti trasparenti chiede che venga inserito nell’agenda di questo ritorno, in un articolo da me pubblicato il mondo.

«Mi auguro che questa sia davvero una legge di programmazione perché è essenziale che il Parlamento, con il suo voto, possa impostare il percorso in modo irreversibile.“, ha annunciato martedì Jules Nissen, presidente dell’Associazione per le energie rinnovabili.Parliamo di investimenti importanti, di questioni che vanno oltre l’orizzonte del 2035, e abbiamo bisogno di una visione chiara“, ha insistito.

Non ci sono obiettivi esagerati

Per questa programmazione, il ministro ha detto:Si prevede di raddoppiare la produzione di fotovoltaico e biogas” ogni anno, “Il percorso delle turbine eoliche onshore si stabilizza al ritmo del 2022“, e un altro “Sull’accelerazione delle turbine eoliche offshore per poter lanciare un importante bando di gara tra la fine del 2024 e l’inizio del 2025“Per quanto riguarda il biogas, dobbiamo aumentare la capacità di produzione da 11 a 44 TWh, oppure installare circa 5,5 TWh aggiuntivi all’anno invece degli attuali poco meno di 3 TWh”, ha affermato il suo ufficio.

Anche Agnès Pannier-Runacher vuole “Aumentare gli investimenti nello stoccaggio di tipo batteria o STEP», centrali idroelettriche di pompaggio. “Integreremo il rilancio del nucleare con EDF, che ha un obiettivo gestionale di 400 TWh di produzioneHa aggiunto, spiegando che il governo manterrà360 terawattora alla pari” legalmente.

Stesso discorso per le rinnovabili, il governo vuole mantenere gli obiettivi di produzione”.Più cauto“Da quelli promessi dall’industria. “Non voglio che mettiamo in pericolo il regime con obiettivi esagerati“, ha affermato. Per quanto riguarda l’energia eolica offshore, AGrande discussione per sei mesi» L’apertura è prevista per novembre su ciascuno dei quattro waterfront.


” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

READ  Qatar Airways pubblica un video che mostra i difetti dell'Airbus A350