Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I paesaggi sottomarini dell'Australia testimoniano la presenza umana

I paesaggi sottomarini dell'Australia testimoniano la presenza umana

Antico paesaggio di Sahole, Australia

Una nuova ricerca condotta da un team di archeologi e geoscienziati ha fatto luce sugli antichi paesaggi della regione australiana di Sahole. Questo termine si riferisce all'enorme piattaforma continentale che ancora oggi comprende Australia, Tasmania e Nuova Guinea. Ma diverse migliaia di anni fa, il livello del mare era molto più basso di quanto lo sia oggi, e queste aree erano collegate da “ponti di terra”.

I ricercatori della Griffith University in Australia hanno pubblicato le loro scoperte su Recensioni sulla scienza del quaternario. Hanno prodotto una topografia del fondale marino utilizzando la batimetria ad alta risoluzione. Attraverso un'attenta analisi dei dati ottenuti, i ricercatori hanno scoperto che tra 71.000 e 59.000 anni fa, un abbassamento del livello del mare provocò l'emergere di un'area di terra lunga circa 500 chilometri. Questa regione che si estende verso l'isola indonesiana di Timor è rimasta stabile da circa 9.000 anni.

Grazie alla ricchezza dell'ecosistema, i ricercatori ritengono che le persone utilizzassero quest'area come punto di partenza per la migrazione dall'Indonesia all'Australia.

Tra 29.000 e 14.000 anni fa il livello del mare si abbassò di circa 120 metri. Quest'area lunga 500 km, che all'epoca era solo una “striscia di terra”, si trasformò successivamente in un vasto altopiano completamente esposto. Questa zona era costituita da diversi ambienti: c'era un mare interno costituito da acqua salata, e un lago adiacente costituito da acqua dolce. Queste zone d'acqua erano circondate da alte scogliere intervallate da profonde vallate.

>>Leggi anche: Un’analisi genomica completa rivela una nuova stirpe di europei dell’era glaciale

Questa regione dell'Australia è abitata da una grande popolazione

Diverse migliaia di anni fa questa costa australiana non esisteva. Faceva parte di una vasta piattaforma continentale (Fonte: Janelle Lugge/Shutterstock)

Gli archeologi hanno inoltre scoperto che quest’area, oggi completamente sommersa, avrebbe ospitato tra le 50.000 e le 500.000 persone negli ultimi 65.000 anni. Gli scienziati affermano inoltre che la popolazione di questa regione raggiunse il suo massimo circa 20.000 anni fa, durante l'ultima era glaciale. A quel tempo l’intero altopiano era completamente al di sopra dell’acqua. Questa conclusione sulla popolazione di questa regione durante questo periodo è stata confermata da nuove ricerche genetiche. Questa ricerca dimostra che gli abitanti delle Isole Tiwi, che si trovano appena al largo della zona ora sommersa, erano numerosi al culmine dell'ultima era glaciale.

READ  Perdre du poids: cet aliment décrié permettrait en réalité de perdre les kilos en trop, selon la Science

Vicino alla fine L'ultima era glaciale Circa 11.700 anni fa, il livello del mare cominciò a salire, provocando lo sprofondamento dell'altopiano. Quando il livello dell'acqua si alzò, i residenti furono costretti a ritirarsi e riorganizzarsi su ciò che restava della terra emergente.

È chiaro che questi eventi portarono al declino della popolazione di fronte all'avanzata della costa. Quest'epoca coincide anche con l'improvvisa comparsa di nuovi stili di arte rupestre, soprattutto nei siti archeologici di Kimberley e Arnhem.

>>Leggi anche: L'evoluzione umana è stata riconsiderata grazie alla sequenza completa del cromosoma Y finalmente svelata

Un grande lago e molti fiumi durante questo periodo

Le aspettative dei ricercatori mostrano che il Mare Interno esiste da almeno 10.000 anni, cioè tra 27.000 e 17.000 anni fa. Gli archeologi stimano che la sua superficie dovesse essere prossima ai 18.000 chilometri quadrati2.

In questa zona è stato rinvenuto anche un grande lago d'acqua dolce. Si trovava a circa 30 chilometri da quella che oggi è la Kimberley Coast, una vasta zona selvaggia scarsamente popolata nell'Australia occidentale. Secondo i ricercatori, questo lago copre un’area di poco meno di 5.000 chilometri quadrati2, Cioè due volte meno dell'attuale Lago Aria. Questo lago, chiamato anche Katti Thanda, è un lago costituito da acqua salata. La sua superficie è di circa 9.300 chilometri quadrati2Si trova a circa 13 metri sotto il livello del mare.

I ricercatori hanno anche scoperto tracce di antichi fiumi. In effetti, molti canali fluviali possono essere visti sulle mappe del fondale oceanico della zona. La maggior parte di questi fiumi sfocia nel mare interno e nel lago.

READ  L'albero più alto dell'Amazzonia raggiunto da una spedizione!

Questo studio evidenzia il ruolo essenziale di questi margini continentali, oggi completamente sommersi dalle prime espansioni umane. Questa ricerca rappresenta un passo fondamentale e importante nella comprensione della complessa interazione tra paesaggi antichi, popolazioni umane e cambiamenti ambientali.

È anche certo che, man mano che l’esplorazione e l’analisi dei siti sottomarini si sviluppano, promettono di rivelare ulteriori segreti della nostra storia umana condivisa.

>>Leggi anche: I ghiacciai più antichi del mondo scoperti in Sud Africa, rivelando il nostro clima passato

fonte :

Casey Norman, Corey J. A. Bradshaw, Frederic Saltry, Chris Clarkson, Tim J. Cohen, Peter Hiscock, Tristen Jones, Fabian Bussell, « L’innalzamento del livello del mare ha sommerso una vasta area abitabile nell’Australia nordoccidentale, portando a un cambiamento culturale a lungo termine »Recensioni sulla scienza del quaternario, volume 324, 2024, 108418, ISSN 0277-3791, https://doi.org/10.1016/j.quascirev.2023.108418