Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I coltivatori di grano francesi chiedono una revisione delle regole del commercio internazionale

I coltivatori di grano francesi chiedono una revisione delle regole del commercio internazionale

I coltivatori di grano francesi credono di dover affrontare questo problema “Un profondo cambio di paradigma nel commercio internazionale” Dopo la guerra in Ucraina, giovedì hanno chiesto al governo di riconsiderare il suo approccio ai mercati. “Trent’anni fa siamo entrati in un sistema di globalizzazione globale, dove i mercati dei futures di Chicago e l’Organizzazione Mondiale del Commercio imponevano sanzioni agli operatori che non rispettavano le regole”. Lo spiega all’AFP Eric Theron, presidente dell’Associazione generale dei produttori di grano e altri cereali.

“La globalizzazione è superata”

Aggiunge che l’Organizzazione Mondiale del Commercio è diventata molto meno attiva e la globalizzazione si è frammentata, mentre la Russia è diventata più attiva sulla scena internazionale, promettendo, ad esempio, di fornire cereali gratuitamente a sei paesi africani. da allora, “Il mercato mondiale e la globalizzazione sono obsoleti”., lui pensa. I coltivatori di cereali soffrono: in un anno il prezzo del grano è sceso da 410 euro la tonnellata a 225 euro alla fine di maggio, mentre le spese sono aumentate, in particolare il costo dei fertilizzanti, secondo l’AGPB.

“I prezzi attuali quindi non copriranno i costi di produzione, il che potrebbe avere un impatto potenzialmente devastante su molte aziende agricole”.Lo conferma l’organizzazione in un comunicato stampa. E anche coltivatori di grano “Chiediamo al governo francese di riconsiderare la situazione e trovare soluzioni”.“, sottolinea Eric Theronin. “Dobbiamo sederci attorno a un tavolo e chiederci come possiamo adattare le regole del commercio internazionale e ottenere maggiore flessibilità”.

READ  Per l'OMS, una dose di richiamo non è la soluzione miracolosa | CNEWS