Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I CEO prevedono di recuperare il ritardo quest’anno dopo i tagli salariali nel 2020

Come sarebbe allora? Il datore di lavoro meno pagato su 120 principali società francesi quotate è… una donna. Stéphane Balise, CEO di Française des Jeux (FDJ), ha ricevuto questo premio per un importo di € 380.000 dovuti per il 2020, secondo un rapporto sulla remunerazione dei gestori di indici SBF 120 pubblicato mercoledì 10 novembre da Proxinvest, una società di consulenza .

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Aumentano gli stipendi dei dirigenti

Come tutti i capi delle aziende pubbliche, Mr.io Pallez è vincolato dal limite di 450mila euro fissato dallo Stato. Inoltre, all’inizio dell’epidemia, ha fatto una donazione equivalente a un mese del suo stipendio fisso per conto di “simbiosi”. Non è l’unica. In un anno segnato da crisi sanitaria, lavoro ridotto e aiuti di Stato, il 58% delle aziende, secondo Proxinvest, ha tagliato gli stipendi dei propri dipendenti, volontariamente o per obiettivi che fissano i bonus. non soddisfatta. Il 6% dei gruppi ha anche differito gli aumenti salariali previsti.

Di conseguenza, la retribuzione media totale dei capi SBF 120 per il 2020, ovvero stipendio fisso, parte variabile, quote di performance e altri benefici in natura, rappresenta un calo storico del 14%, a 3,2 milioni di euro.: anche durante la finanziaria 2008 crisi, no Tale adeguamento viene effettuato.

Ancora più entusiasmante, i bonus annuali per i capi SBF 120 sono diminuiti del 27%.

“Siamo tornati ai livelli osservati nel 2014-2015”, osserva Loïc Dessaint, CEO di Proxinvest. Per le multinazionali CAC 40 il calo medio è meno pronunciato: l’amministratore delegato, amministratore delegato o direttore di una società nell’indice principale della Borsa di Parigi riceverà uno stipendio lordo medio di 4,6 milioni di dollari, in calo dell’11%.

READ  Dietro il crollo di Facebook, la dipendenza dei media dal monopolio

Ancora più entusiasmante, i bonus annuali per i capi SBF 120 sono diminuiti del 27%. “Non abbiamo visto un calo di questa portata di anno in anno”., conferma il signor Dessen. Quindici su 120 non hanno ricevuto alcun bonus nel 2020. Alcuni volontariamente, come François-Henri Pinault (Kering) e Benjamin Smith (Air France – KLM) hanno annunciato all’inizio della pandemia di rinunciare a qualsiasi compenso variabile.

“La riduzione dei bonus avrebbe potuto essere più elevata se le aziende avessero implementato i criteri di conto stabiliti prima della pandemia”.Segue il direttore generale dell’agenzia di sondaggi. Molte aziende, infatti, hanno chiesto ai propri azionisti di rivedere la propria politica retributiva lungo il percorso in modo da poter premiare i propri team di gestione, soprattutto quando le scarse performance del 2020 hanno impedito il successo dei loro piani triennali. “Ciò che ci ha scioccato di più è stato quando Accor e Pierre & Vacances hanno cambiato le regole del gioco senza nemmeno chiedere un’assemblea generale”.

Non tutti i grandi presidenti stringono la cinghia

Ma non tutti i grandi capi hanno stretto la cinghia. Alexandre Bombard, CEO di Carrefour, ha ricevuto la retribuzione variabile più alta a SBF 120 per il 2020, un budget di 2,5 milioni di euro. Daniel Julian, CEO di Teleperformance, ha avuto l’aumento maggiore, con a ” Affare “ 17 milioni di euro, con un incremento di quasi 4 milioni rispetto al 2019.

Il capo del colosso dei call center non è però il più pagato: nel 2020, come l’anno precedente, è stato Bernard Charles, ceo di Dassault Systèmes, a fare il primo passo sulla piattaforma, con un bonus di 20,6 milioni. Euro, 4 milioni in meno rispetto al 2019: il consigliere, secondo la relazione annuale, beneficia di un “Partnership progressiva con Capital con l’obiettivo di darle una partecipazione azionaria a lungo termine in linea con le sue società tecnologiche peer in tutto il mondo”. Nota che se Dassault Systèmes e Teleperformance hanno fatto molto bene in borsa dal mini-crash di marzo 2020, questo è stato anche il caso di FDJ…

READ  “Non ho più tempo da perdere con un progetto danneggiato dall'interno da Gafams” (Yann Lechelle, CEO)
Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Remunerazione dei presidenti, un altro argomento che turba le riunioni dell’assemblea generale degli azionisti

Per il resto, c’è un po’ di suspense: il calo di stipendio che abbiamo visto nel 2020 non durerà. “Ci sarà una qualche forma di recupero”, avverte il signor Dessen. In particolare, anche se in assemblea vengono sempre più contestati “pacchetti” più elevati, molte aziende come Vivendi o Essilor Luxottica hanno già votato nelle assemblee del 2021 per aumentare gli stipendi fissi dei propri dirigenti.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Con la pandemia di Covid-19, gli stipendi degli alti presidenti britannici sono diminuiti