Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I CDG di Marocco, Francia, Italia e Tunisia stanno rafforzando la loro cooperazione per affrontare le sfide del Mediterraneo.

I responsabili hanno approvato, da un lato, la creazione di un Quadro Consultivo Permanente (CPC) che promuova la condivisione di buone pratiche e competenze tra i fondi e, dall’altro, incoraggi l’implementazione di collegamenti con l’ecosistema finanziario mediterraneo per progetti concreti progetti che hanno un impatto diretto sulla popolazione”, si legge nel comunicato stampa della Caisse de dépôt et de gestion du Maroc

I membri del Forum delle Caisses de Dépôt, delle Caisses marocchine, francesi, italiane e tunisine intrattengono rapporti storici e ricchi basati sulla fiducia, sulla condivisione e sul rispetto reciproco, sottolinea il comunicato stampa, che è forte e consapevole delle questioni inerenti a questo dialogo. Nella regione euromediterranea, queste quattro organizzazioni hanno avviato una dinamica volta a rafforzare ulteriormente la loro cooperazione durante la 7a Conferenza del Forum des Caisses de Dépot ad Abidjan nel settembre 2023.

Questo primo incontro a Roma riflette l’ambizione comune dei quattro dirigenti del Cayce di sviluppare soluzioni congiunte alle principali sfide che il bacino del Mediterraneo deve affrontare a causa del riscaldamento globale, mentre la biodiversità marina e costiera del Mar Mediterraneo, unica al mondo, è in serio pericolo, osserviamo.

“L’erosione costiera, l’innalzamento del livello del mare, la desertificazione, lo stress idrico… molti di questi fenomeni sono già una realtà in molti paesi della regione. Insieme a queste sfide ambientali, le questioni sociali, economiche ed energetiche sono state esacerbate negli ultimi anni dalla pandemia di Covid-19 e dalla guerra in Ucraina”, continua la stessa fonte.

In tutti questi ambiti, i principali attori anticiclici hanno sviluppato “vere competenze attraverso l’applicazione di soluzioni innovative a livello nazionale” con un impegno per il bene comune.

READ  La Juve torna a due punti dall'Inter e il Milan batte il Sassuolo

In risposta a questa osservazione, le discussioni tra i direttori generali si sono concentrate su tre temi chiave che corrispondono alle priorità d’azione di ciascun Fondo: investimenti, clima e innovazione finanziaria al servizio della biodiversità e del potenziale umano.

Al termine delle discussioni, è stata registrata la creazione del CPC, che fornirà una piattaforma di discussione “flessibile e funzionale” tra le quattro istituzioni, consentendo lo scambio di buone pratiche in settori chiave come la pianificazione urbana, l’adattamento, ecc. Cambiamenti climatici, conservazione della biodiversità, sviluppo di infrastrutture sostenibili e finanziamento di progetti intrapresi da startup e PMI.

Per loro, il CPC è una struttura nazionale vicina al modello delle Caisses de Dépôts, ovvero della Banca per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), che promuove la comunicazione e l’integrazione con l’intero ambiente finanziario mediterraneo, le principali istituzioni finanziarie coinvolte nel Mediterraneo, come la Banca Europea La Banca per gli investimenti (BEI), le agenzie nazionali di sviluppo o una serie di reti di investitori, soprattutto quelle a lungo termine, possono garantire un adeguato coordinamento tra i diversi strumenti finanziari.

Hanno accolto con favore il ruolo e l’attività dell’Unione per il Mediterraneo (UpM) come quadro multilaterale per la cooperazione nel Mediterraneo, pienamente impegnato nello sviluppo economico sostenibile e inclusivo della regione.

Di fronte alle numerose sfide che la regione deve affrontare, in particolare al cambiamento climatico, i direttori generali hanno sottolineato che sono “pienamente mobilitati per continuare a mettere in atto risposte innovative e concrete a sostegno della protezione delle popolazioni e dell’ambiente”. .

Ha colto questa occasione per sottolineare la necessità di portare le Caisses de Dépôts sulla via dello sviluppo sostenibile.

Ha affermato: “Per avere un mondo migliore domani e al di là della Dichiarazione dei Principi, noi, Caisses de Dépôts, dobbiamo avere nuove ambizioni e pensare senza dubbio a nuovi modi di lavorare. Una nuova posizione, una nuova strategia, devono sostenere tutti. Per beneficio delle generazioni future.

READ  Nella classifica delle migliori cucine del mondo, la Francia è al terzo posto dopo Italia e Cina

Da parte sua, il sig. Lombard è stata lieta di avere le questioni climatiche e ambientali al centro dello scambio tra i fondi mediterranei. “Per rispondere alle sfide senza precedenti che la regione si trova ad affrontare, è essenziale un’azione collettiva e determinata, e questo è il significato di questo incontro e del nostro impegno con i miei colleghi italiani, marocchini e tunisini”, ha affermato.

Da parte sua, la Sig. Karbi, nel corso dell’incontro, ha affermato con forza la necessità di adottare misure su un percorso di sviluppo sostenibile. Ha affermato che per creare un futuro migliore è fondamentale adottare nuove ambizioni e ripensare il modo di fare le cose.

“Il nostro orizzonte deve essere rivolto a sostenere i cambiamenti necessari per il benessere delle generazioni future e come membri del Forum des Caisses de Dépot condividiamo l’impegno in questa azione. Le numerose sfide che la nostra regione deve affrontare”, ha aggiunto.

Al termine dei loro colloqui, i quattro dirigenti della Caisse hanno ricordato più in dettaglio l’importanza del modello della Caisse de Dépôt come istituzione che mobilita risorse nazionali per finanziare lo sviluppo economico, sociale e ambientale a lungo termine.

A questo proposito, i Direttori Generali hanno ribadito la loro disponibilità a contribuire pienamente alle discussioni in diversi forum internazionali sul finanziamento dello sviluppo e sulle transizioni ambientali e digitali, considerando che i fondi di deposito costituiscono uno strumento finanziario adeguato al servizio di questi obiettivi, concludendo. Comunicato stampa.