Giugno 14, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Hubble potrebbe aver scoperto il buco nero intermedio conosciuto più vicino

Hubble potrebbe aver scoperto il buco nero intermedio conosciuto più vicino

Ricordiamo che nel 2020 l’Accademia Svedese ha conferito il Premio Nobel per la Fisica ad Andrea Ghez e Reinhard Genzel” Per scoprire un oggetto massiccio e compatto al centro della nostra galassia La formulazione esatta è importante, perché mentre la maggior parte di AstrofisiciAstrofisici Penso che questo oggetto lo sia già Buco nero giganteBuco nero giganteil che non contraddiceva, anzi, le osservazioni della collaborazione Telescopio dell’orizzonte degli eventiNon abbiamo ancora una prova definitiva, ma è abbastanza vicina. In generale, è ragionevole credere che questa prova verrà dallo studio delle onde gravitazionali.

I due ricercatori e il loro team sono giunti alla scoperta di questo oggetto compatto attraverso uno studio durato più di un decennio movimentimovimenti Le stelle sono vicine al centro via Latteavia LatteaRuota attorno a una misteriosa fonte di onde RadioRadio Si chiama Sgr A*. Quindi questa fonte sembra essere associata a una distribuzione collettivocollettivo compatto dentro quantitàquantità da secondo a equazioniequazioni da relatività generalerelatività generale Fai uno Buco neroBuco nero Poco più di 4 milioni di masse solari. In effetti, questo oggetto non si irradia da solo e Onde elettromagneticheOnde elettromagnetiche da cui scopriamo da dove viene TemaTema a questo proposito una stellauna stella compatto.

Questa simulazione mostra le orbite di un piccolo gruppo di stelle situate vicino al buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea. Nel corso del 2018 una di queste stelle, chiamata S2, è passata molto vicino al buco nero ed è stata oggetto di un’intensa campagna di osservazioni utilizzando i telescopi dell’ESO. Il suo comportamento era coerente con le previsioni della teoria della relatività generale di Einstein, ma incoerente con la teoria della gravità di Newton. © ESO, L. Calçada, spaceengine.org

READ  Disney Dreamlight Valley: aggiornamento, personaggi, multiplayer... Gameloft annuncia cose importanti per il futuro!

Legge universale per le dimensioni dei buchi neri?

Infatti, fin dalla fine degli anni ’60 si è creduto, e le osservazioni hanno solo rafforzato questa ipotesi, che ci siano buchi neri supermassicci nei nuclei di tutte le grandi galassie contenenti almeno un milione di masse solari. Notiamo anche che la massa dei buchi neri rilevati è spesso proporzionale alla massa dei buchi neri galassiagalassia host.

Sappiamo anche che nella Via Lattea ci sono molti buchi neri del peso di circa dieci masse solari ciascuno, per la maggior parte. Pertanto, alcuni ricercatori si sono chiesti se la legge di proporzionalità osservata nelle grandi galassie non potesse valere anche per le galassie nane e gli ammassi globulari.

Se è così, devono esserci i cosiddetti buchi neri di massa intermedia contenenti circa un centinaio di masse solari e un milione di masse solari. Stiamo monitorando questi oggetti e conosciamo alcuni candidati extragalattici come 3XMM J215022.4−055108, telescopiotelescopio Hubble scoperto nel 2020 e HLX-1, identificato nel 2009. Risiedono in densi ammassi stellari ai margini di altre galassie. Ciascuno di questi potenziali buchi neri ha una massa di decine di migliaia di solisoli e alcuni ammassi, dove sono stati osservati, potrebbero essere stati i nuclei di galassie nane ormai estinte, che sono state dislocate forze di mareaforze di marea delle galassie passavano a distanza molto ravvicinata.

Oggi, come riporta un articolo pubblicato su Avvisi mensili della Royal Astronomical Society Guidato da un team di ricercatoriastronomoastronomo Eduardo Vitral per te Istituto di scienze del telescopio spaziale Da Baltimora, Maryland negli Stati Uniti, il telescopio rimane HubbleHubble che fornisce osservazioni sull’esistenza di buchi neri intermedi. Soprattutto, queste osservazioni si riferiscono alla Via Lattea così come si riferiscono ai moti delle stelle nella Via Latteaammasso globulareammasso globulare Messier 4 (M4) che è solo circa 7.000 anni luceanni luce IL sistema solaresistema solare.

READ  Radeon RX 6750XT : seulement 2% de mieux ?

Questo video inizia con un’ampia veduta delle magnifiche parti centrali della Via Lattea. Ci stiamo avvicinando alla costellazione dello Scorpione. Vicino alla sua stella più vicina, Antares, si trova l’ammasso globulare Messier 4, uno di quei sistemi stellari più vicini alla Terra. Le immagini dettagliate dell’ammasso alla fine di questo video provengono dalla fotocamera WFI del telescopio da 2,2 metri dell’MPG/ESO all’Osservatorio di La Silla dell’ESO in Cile, con un primo piano della centrale nucleare prodotta dalla NASA/ESA Telescopio spaziale Hubble. © ESO-ESA-Nasa, Digitized Sky Survey 2, Nick Risinger (skysurvey.org)

L’ammasso globulare più vicino al Sole

chiamare di nuovo NGCNGC 6121 e sito al n Costellazione dello ScorpioneCostellazione dello ScorpioneM4 è in realtà l’ammasso globulare più vicino al Sole. Fu scoperto dall’astronomo svizzero Jean-Philippe Louise de Chiseau nel 1746. Eduardo Vitral ei suoi collaboratori suggeriscono ora che contenga un oggetto compatto con circa 800 masse solari. Ancora una volta, a causa del moto delle stelle attorno ad esso, deve trattarsi di un buco nero e in questo caso di massa intermedia.

Dopo più di 12 anni di osservazioni, gli astrofisici sono giunti a questa conclusione escludendo altre ipotesi alternative per una stella compatta, come la concentrazione diStelle di neutroniStelle di neutroni o chi Buchi neri stellariBuchi neri stellari che ha prodottoCrollaCrolla stelle. quanto sopra PrecisionePrecisione Poiché le immagini scattate da Hubble sono state essenziali per realizzare questa impresa, consentendo l’osservazione di stelle puntiformi in orbita e misurazioni accurate delle loro posizioni e ingranaggiingranaggi Mentre l’ammasso contiene un gran numero di stelle in una dimensione con un raggio di soli 35 anni luce.

READ  Ça y est, Huawei a compris que vous n'achèterez plus ses smartphones

In una dichiarazione di NASANASAEduardo Vitral spiega su questo argomento: Siamo convinti di avere un’area molto piccola con molta massa concentrata. È circa tre volte più piccola della massa nera più densa che abbiamo trovato in altri ammassi globulari. L’area è molto più compatta di quella con cui possiamo allevare Simulazione numericaSimulazione numerica Quando pensiamo a un gruppo di buchi neri e stelle di neutroni e nane bianchenane bianche separati al centro del grappolo. Non sono in grado di formare un fuoco di massa così compatto. »

Lo stesso comunicato stampa afferma inoltre: Il raggruppamento dinamico di oggetti strettamente correlati può essere instabile. Se l’oggetto non fosse un singolo buco nero di massa intermedia, ci vorrebbero circa 40 buchi neri più piccoli in appena un decimo di un’area di luce per produrre i moti stellari osservati. Le conseguenze sono che verranno risucchiati e/o espulsi in una partita di flipper interstellare. »

Presentazione della scoperta fatta da Hubble di M4. Per una traduzione francese più o meno accurata, clicca sul rettangolo bianco in basso a destra. Dovrebbe apparire la traduzione inglese. Quindi fai clic sul dado a destra del rettangolo, quindi fai clic su Sottotitoli e infine Sottotitoli automaticamente. Scegli “Francese”. © Il Goddard Space Flight Center della NASA. Produttore principale: Paul Morris. Rappresentazione al computer dei moti stellari al centro di M4: Mattia Libralato (AURA/STScI per ESA)