Aprile 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L'Agenzia spaziale europea ha annunciato che il satellite europeo ERS-2 è bruciato nell'atmosfera

L'Agenzia spaziale europea ha annunciato che il satellite europeo ERS-2 è bruciato nell'atmosfera

Il satellite ha completato la sua missione di osservazione della Terra tredici anni fa.

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha riferito che il satellite europeo ERS-2, che ha completato la sua missione di osservazione della Terra 13 anni fa, ha concluso la sua vita entrando nell’atmosfera mercoledì.

L'operazione di backup verso il nostro pianeta è iniziata nel 2011, per evitare che la distruzione accidentale di questo oggetto in orbita causasse la dispersione di detriti pericolosi per i satelliti attivi e per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Satellite pionieristico

“Abbiamo la conferma del rientro atmosferico di ERS-2 alle 17:17 GMT sull'Oceano Pacifico settentrionale tra l'Alaska e le Hawaii.”Annunciato il Centro Operativo dell'ESA su X (ex Twitter). La maggior parte delle 2,3 tonnellate di ERS-2 furono teoricamente consumate quando raggiunse gli strati più bassi dell'atmosfera ad un'altitudine di circa 80 chilometri. ERS-2, un satellite pionieristico per l'osservazione della Terra, è stato lanciato nel 1995 ed è stato posizionato ad un'altitudine di circa 800 km.

Al termine della sua missione, l'Agenzia spaziale europea lo ha riportato a circa 500 chilometri, dopodiché è disceso naturalmente e gradualmente verso la Terra in soli 13 anni, grazie alla sola forza di gravità. Invece dei 100-200 anni che ci sarebbero voluti se fosse rimasto alla sua altezza iniziale. Al momento della sua distruzione si trovava ancora ad un'altitudine di oltre 200 chilometri. In media, un oggetto con una massa simile a ERS-2 termina i suoi giorni nell’atmosfera una o due settimane, secondo l’Agenzia spaziale europea.

Privata della sua alimentazione interna (carburante, batterie, ecc.) dalla fine della sua missione, la macchina presentava un rischio significativo di esplosione e di creazione di detriti. Nel luglio 2023, il satellite europeo Aeolus è tornato sulla Terra in modo controllato, da un'orbita inferiore (300 km) a quella di ERS-2. Il relitto cadde nell'Oceano Atlantico. Nel caso dell’ERS-2, secondo un blog dell’ESA dedicato alla missione, la possibilità che uno dei suoi detriti colpisse una persona sulla Terra era inferiore a una su cento miliardi.

READ  Attenzione a questa nuova truffa che usurpa l'identità del tuo operatore

L’Agenzia spaziale europea lancia una carta nel 2023 “Zero detriti” Per missioni spaziali progettate a partire dal 2030. Dall'inizio dell'era spaziale si sono accumulati rifiuti di satelliti usati, parti di razzi e detriti di collisione. Questo è un problema che è peggiorato negli ultimi decenni. Secondo le stime dell’ESA, ci sono in orbita circa 1 milione di pezzi di detriti di satelliti o razzi più grandi di un centimetro, abbastanza grandi da poter essere distrutti. “Disabilitare un veicolo spaziale” In caso di shock.