Dicembre 5, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gran Premio di Singapore – Singapore, Koh Lanta della F1: sauna, sudore e una pole decisiva per un viaggio all’inferno

Nel 2008 il Gran Premio di Singapore è diventato il primo evento nella storia del Campionato del Mondo di Formula 1 in programma nella notte. Da allora, il proliferare di contestati eventi sotto i riflettori – ce ne sono 1.600 sul circuito di Marina Bay – ha sminuito queste immagini di una striscia luminosa che serpeggia per le strade di una città del sud-est asiatico, su uno sfondo da cartolina, tra i vicoli di davanti al municipio, la cupola e la ruota panoramica installata poco prima della buca. Per non parlare del ponticello molto stretto che offre un altro punto privilegiato per i fotografi.

Per seguire la stagione tennistica iscriviti a Eurosport

La dissolutezza di Watts non è affatto verde, ma i regolatori di Singapore hanno una scusa per il jet lag. Le qualifiche iniziano alle 21:00 ora locale di sabato e la gara alle 20:00 di domenica, rispettivamente alle 15:00 e alle 14:00 per la Francia e alle 9:00 e alle 8:00 per la costa orientale degli Stati Uniti.

Gran Premio di Singapore

Verstappen: “Il titolo? Sarebbe più bello in Giappone”

16 ore fa

Tuttavia, l’evento ha mantenuto un altro carattere unico. Notato per essere fisicamente più duro per il corpo dei piloti da quando il Gran Premio della Malesia è scomparso nel 2018. Singapore è anche un clima di umidità record (84%), con caldo irrespirabile (30°C giorno e notte è la definizione di un’ondata di caldo), su un circuito composto da 23 curve (solo Jeddah ne ha di più), per la gara più lunga dell’anno da quando ha raggiunto il limite delle due ore.

Redditività in Formula 1: i grandi flop di Ricciardo e McLaren in questa stagione e Hamilton sopravvalutato

Sainz pensa a Singapore dall’inizio dell’anno

“E’ uno dei circuiti più fisici della stagione, fa caldo e gira tutto il tempo, non ci sono posti per respirare. In più ci sono molti dossi, è abbastanza rigido”ha osservato Nico Rosberg, nel 2008. “Devi davvero lottare al volante per fare un buon giro. Direi che a Monaco ci vuole il doppio delle energie per completare un giro”Ha aggiunto Lewis Hamilton. Da allora, le cose non sono cambiate e l’aumento del peso dei singoli sedili nel 2022 ha aumentato gli sforzi richiesti ai piloti.

Questi ultimi hanno eccezionalmente beneficiato quest’anno di una pausa di quasi tre settimane a causa della cancellazione del Gran Premio di Russia che per loro non è molto perché li aspetta l’inferno. Su 61 giri della gara, i 20 piloti sulla griglia dovrebbero vivere un’esperienza più estrema rispetto al Gran Premio di Miami all’inizio di maggio, che ha concluso Max Verstappen (Red Bull) in uno stato di stanchezza e rabbia.

Russell in vantaggio su Leclerc a fine stagione? La Mercedes sta tornando molto forte.

Singapore ha saltato i mondiali del 2020 e 2021 a causa dell’epidemia di Covid, e i piloti hanno ripreso gli allenamenti su ellittiche e altri pesi installati in bagni e saune, unico modo per riprodurre le condizioni del forno asiatico.

“Quando inizio ad allenarmi a gennaio e febbraio, non penso mai alla prima gara della stagione, ma a questa.Carlos Sainz (Ferrari) rivela. Perché è qui che affrontiamo le circostanze più difficili. Ci sono altre gare con temperature molto elevate, ma solo qui l’umidità è soffocante e questo, unito al fatto che la pista gira in senso antiorario, rende particolarmente affaticato il collo. Inoltre, la pista è piena di dossi e abbiamo il quadro completo. Non è solo fisico, è anche mentalmente impegnativo, perché nelle ultime dieci sessioni o giù di lì combatti con la mente tanto quanto combatti con i muscoli”.

Sauna, la perfetta combinazione di calore e umidità

“Si tratta di un circuito cittadino tradizionale le cui mura puniscono la più piccola mancanza di concentrazione, assicura Andrea Ferrari, allenatore fisico del suo compagno di squadra, Charles Leclerc. Inoltre non ci sono corsie lunghe, e quindi il pilota non può mai respirare, perché solo in una linea retta può rallentare Un po’ di battito cardiaco per dare una pausa all’atleta. Il clima di Singapore compromette la termoregolazione, la capacità del corpo di dissipare il calore, suda molto (tre litri a gara) e quindi perde sali minerali e calcio, che è essenziale per la funzione muscolare che a sua volta influisce sulle prestazioni fisiche in pista.Si chiama Il circolo vizioso…

“Alla distanza di gara, un pilota può perdere fino a tre chilogrammi e questo può portare a un calo significativo delle prestazioniAggiunge l’allenatore del Monaco. Per ovviare a questo, l’atleta deve rimanere idratato per tutta la gara. Per aiutarli a trascorrere il fine settimana nelle migliori condizioni possibili, l’obiettivo è arrivare il prima possibile a Singapore per adattarsi al clima e fare un po’ di allenamento in queste condizioni estreme, dopo aver iniziato questo programma nelle settimane precedenti, con l’aiuto di saune per simulare il caldo e l’umidità della città.”

La particolarità degli orari è che i piloti eviteranno gli effetti del jet lag. “È l’aspetto più semplice della corsa di un fine settimana: i programmi dei piloti li costringono a rimanere sull’ora europea, scendere in pista nel tardo pomeriggio e partire la mattina presto.Spiega Andrea Ferrari. Fisicamente e psicologicamente, questa gara è molto più facile della successiva gara del fine settimana in Giappone, dove i piloti devono tornare all’ora locale.

Charles Leclerc (Ferrari) durante le qualifiche del Gran Premio di Singapore 2019

Credito: Getty Images

ancora raddoppiando

Se si considera che ci sono 91 cambi di cambio nei 5.063 chilometri di Marina Bay, il giro di Singapore è di per sé una prestazione. “È importante fare una buona sessione di qualifiche qui, quindi ci concentreremo su quello”., conferma Max Verstappen. Questa osservazione può sembrare comune ma non lo è, sappiamo perché. E ancora di più perché il primo posto a Singapore è il più importante della stagione, con Montmelo. Otto dei 12 piloti che hanno preso il comando dall’inizio del Gran Premio hanno vinto, con un tasso di conversione del 66%.

Questa alta percentuale si spiega con l’assenza cronica di eccessi? Esattamente no. I numeri oscillano selvaggiamente di anno in anno. Dal 2018, la media è stata piuttosto bassa (12 per gara) ma ne ha rilasciati 49 nel 2012 e 3 nel 2009. Più di recente, nel 2019, ne ha realizzati 29, di cui 22 con il DRS. E le regolari neutralizzazioni (almeno una safety car all’anno) non sembravano mettere in discussione nemmeno la disposizione in atto nella parte anteriore del gruppo.

Con una media di 5 ritiri per gara, anche il Gran Premio di Singapore non è alto. Ciò significa che ogni pilota si sta preparando bene per questa scadenza.

Gran Premio di Singapore

Al culmine del suo secondo titolo, Verstappen ha ancora qualcosa da disgustare Leclerc

26/09/2022 alle 21:48

Gran Premio di Singapore

Verstappen è stato incoronato domenica se…

Ieri alle 09:08

READ  la partita XXL di Justin Kluivert