Giugno 23, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli sviluppatori stanno tagliando i prezzi per le nuove proprietà

Gli sviluppatori stanno tagliando i prezzi per le nuove proprietà

pubblicato


aggiornare


Durata del video: 2 minuti

Settore immobiliare: gli sviluppatori stanno riducendo i prezzi delle nuove proprietà
Settore immobiliare: gli sviluppatori stanno riducendo i prezzi delle nuove proprietà
(Francia 2)

In Francia i prezzi degli immobili nel Vecchio Continente scendono: -1,6% nel primo trimestre 2024. I promotori devono rivedere i prezzi per la vendita di nuovi appartamenti e aumentare anche il numero di offerte ai clienti.

Spese notarili fornite da uno sviluppatore, sconto di € 5.000 per camera da un altro sviluppatore. In un settore in crisi, i professionisti aumentano le offerte per vendere le proprie case. Per vendere un appartamento, Mathieu Boniac, direttore commerciale di Cogedim Paris Métropole, propone un’offerta per chi acquista per la prima volta: non è necessario alcun deposito o notaio, e i tassi di interesse sono negoziati tra l’1,5% e il 2%. Le sue vendite sono diminuite del 20% nel 2023.

Nell’Hauts-de-Seine verranno costruite 500 unità abitative entro tre anni. Junaid Muhammad è uno dei futuri acquirenti. Uno spazio di 40 metri quadrati gli costerà 200.000 euro, ovvero un risparmio di circa 15.000 euro grazie allo sconto. Tanto da permettergli, a 23 anni, di acquistare un appartamento con due camere da letto, anziché un monolocale. Un altro promotore offre sconti per camera a tutti gli acquirenti: da 2.500 a 5.000 euro a seconda del settore.

L’obiettivo in tutta la Francia è facilitare il finanziamento ai clienti. spiega Bernard Chanteau, direttore generale di Bouygues Immobilier “Valutare la situazione di ciascuno” per “consigliarlo sulle modalità di finanziamento”.

READ  Il petrolio continua a diminuire e mette sotto pressione l’OPEC