Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La dottoressa Ines Vaz-Louis, dell’ospedale Gustave Roussy di Villejuif, riceve un premio al più grande congresso mondiale sul cancro

La dottoressa Ines Vaz-Louis, dell’ospedale Gustave Roussy di Villejuif, riceve un premio al più grande congresso mondiale sul cancro

Un articolo che ha scritto

Informazioni sulla Francia – Florence Mirio, inviata speciale a Chicago (Stati Uniti)

Televisori Francia

pubblicato


Tempo di lettura: 3 minuti

Ines Vaz-Louis, medico e ricercatore presso il Gustave Roussy Hospital, di Chicago (USA), dopo aver ricevuto un prestigioso premio al World Cancer Congress, 1 giugno 2024. (Florence Mérieux)

Questa medica e ricercatrice portoghese, che esercita nella Val-de-Marne, si distingue per il suo lavoro pionieristico nel campo della qualità della vita dei pazienti.

Devi immaginare un enorme edificio di vetro. Corridoi infiniti. Sale riunioni a perdita d’occhio. A Chicago, 50.000 persone, tra cui 35.000 medici, stanno attraversando il Convention Center dove fino a martedì 4 giugno si terrà il Congresso dell’American Society of Clinical Oncology, il più grande raduno di oncologia al mondo. Ogni mattina, tutti prendono una scala mobile davanti a una foto in bianco e nero di una donna dal sorriso determinato: Ines Vaz Lewis, diventata il volto della guerra contro il cancro.

Se questi sono i riflettori è perché questo medico portoghese, che ha lavorato per dieci anni presso l’ospedale Gustave Roussy di Villejuif (Val-de-Marne), ha ricevuto sabato un prestigioso premio, il Mentorship Award for Women Who Have “Conquered Cancer “, che è designata in un modo What Woman of the Year in Oncology, che condivide con la sua controparte americana. “Questo premio qui è un po’ come il Pallone d’Oro nel calcio, il che è impressionante!”“Annuncia con orgoglio il professor Fabrice André, direttore della ricerca presso Gustave Roussy, che è venuto ad applaudire la ricercatrice all’ascesa sulla scena americana.

Ines Vaz Lewis è una specialista del cancro al seno di 44 anni che si distingue a livello internazionale per il suo lavoro sulla qualità della vita durante e dopo la malattia. Aspettarsi affaticamento durante il trattamento, ridurre tutti i tipi di tossine, iniziare a riprendere la vita sociale e professionale… Sono molti gli ambiti poco esplorati qualche anno fa che hanno fatto della sua specializzazione. “Non voglio solo curare il cancro, voglio curare il paziente nella sua interezza. Questo è ciò che mi spinge e mi spinge: aiutare le persone a superare questa situazione meglio.”Lo ha confermato a France Info. La fase post-cancro inizia con la diagnosi della malattia”..

In particolare, gli vengono attribuiti lavori sull’intelligenza artificiale per valutare lo stress nelle donne in cura per il cancro al seno e implementare strategie per evitarlo. Studi sugli ostacoli all’assunzione regolare di farmaci. Oppure il formato Cantu, una grande piattaforma per scoprire i meccanismi biologici coinvolti nello sviluppo di effetti collaterali nei pazienti affetti da cancro al seno e al polmone, con l’obiettivo di ridurre gli effetti successivi.

READ  Un efficace antibiotico e vaccino per prevenire le malattie sessualmente trasmissibili

“Oggi possiamo sfruttare le rivoluzioni tecnologiche e digitali per far avanzare il lato umano delle cure. Perché privarcene?”lei chiede. “Su questi temi lei è una leader”.Lo conferma Fabrice André. Una pioniera dei trasporti davvero: quando le parliamo di sé, risponde “Noi” Un gruppo di specialisti che guidi alla Gustave Rossi e di cui elogi il lavoro. Alla conferenza di Chicago furono notate molte delle loro pubblicazioni scientifiche. Uno di questi riguarda la diagnosi precoce dei sintomi della depressione nei pazienti, al fine di prevenire meglio questo rischio nel tempo. Un altro si è concentrato sulla disparità di accesso al monitoraggio remoto, anche se è una componente importante dell’assistenza.

“Tutto ciò può cambiare la vita dei pazienti” Ines insiste che Lewis abbia vinto. Oggi il sistema sanitario è molto patriarcale. “Deve essere sostituito da un modello più partecipativo, in cui il paziente è un attore chiave.”, supplica facendo un cenno al suo soprannome. Cosa ha ispirato questo Women’s Award? “Mi tocca perché mi premia essendo un mentore per altre donne.”. Quando l’ha ricevuto, ha pensato ai suoi colleghi, ai suoi pazienti, ai suoi due figli, e forse a poco più che a sua figlia di sette anni, che glielo avrebbe spiegato. “Non c’è niente di impossibile nella vita.”

Questo riconoscimento dovrebbe essere utile anche nella sua ricerca di finanziamenti per i progetti che sta valutando. Il suo sogno: condurre un ampio studio su 5mila donne per valutare la percentuale di coloro che possono fare a meno della chemioterapia e accontentarsi di cure meno rischiose. UN “Sedazione terapeutica” Per il cancro con una buona prognosi. Sempre con l’idea di migliorare la vita dei pazienti.

READ  Vergogna e scandalo questo pomeriggio a Sciences Po perché l'anfiteatro è stato occupato da studenti filo-palestinesi: ad una studentessa è stato negato l'ingresso perché... era ebrea! - video