Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gaza: “un gran numero” di vittime dopo il raid israeliano su Rafah, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese

Gaza: “un gran numero” di vittime dopo il raid israeliano su Rafah, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese

Potrebbero esserci decine di morti. La Mezzaluna Rossa palestinese ha annunciato domenica che un raid israeliano ha lasciato un “gran numero” di morti e feriti in un’area designata per gli aiuti umanitari vicino alla città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza. L’esercito israeliano ha parlato di un attacco “contro obiettivi legittimi”.

Lo ha affermato la Mezzaluna Rossa Palestinese sul suo sito web L’occupazione israeliana l’ha classificata come zona umanitaria”.

Il raid è avvenuto, secondo la Mezzaluna Rossa, nel campo di Tal al-Sultan, a nord-ovest di Rafah. Le foto scattate dall’agenzia di stampa Reuters sul posto mostrano un’area distrutta dal fuoco.

Il Ministero della Salute di Hamas e il Comitato di Emergenza nel Governatorato di Rafah hanno anche riferito di un raid contro un centro per sfollati vicino a Rafah, che secondo loro ha provocato decine di morti e feriti. L’ufficio stampa del governo di Hamas ha affermato che almeno 35 persone sono state uccise e decine sono rimaste ferite.

La Difesa Civile di Gaza ha confermato i raid israeliani in quest’area, affermando che lì vivono circa 100.000 sfollati. Secondo la Protezione Civile, 50 persone sono state uccise o ferite.

Da parte sua, l’organizzazione non governativa Medici Senza Frontiere ha segnalato che “più di 15 morti” e “dozzine di feriti” sono stati trasferiti nel punto di stabilizzazione traumatologica da essa supportato. Ha aggiunto su Channel X: “Siamo inorriditi da questo evento mortale, che dimostra ancora una volta che nessun posto è sicuro”.

READ  La Germania afferma che l'Unione europea non raggiungerà l'obiettivo di un milione di munizioni per Kiev

Secondo l’esercito israeliano “l’incidente è sotto inchiesta”.

In serata, l’esercito israeliano ha affermato di aver colpito un “complesso di Hamas a Rafah”, dove operavano “alti terroristi” dell’organizzazione islamica palestinese. Ha aggiunto che due alti funzionari di Hamas nella Cisgiordania occupata sono stati uccisi nel raid che ha preso di mira l’area di Tal al-Sultan.

L’esercito ha confermato su Telegram che “l’attacco è stato effettuato contro obiettivi legittimi secondo il diritto internazionale, utilizzando munizioni di precisione e sulla base di accurate informazioni di intelligence”, aggiungendo di essere “a conoscenza di rapporti secondo cui, a seguito dell’attacco, l’esercito la sparatoria che ne seguì provocò il ferimento di un certo numero di civili nella regione. L’esercito israeliano ha confermato che “l’incidente è sotto inchiesta”.

La Presidenza palestinese ha ritenuto in una dichiarazione che “questo atroce massacro commesso dalle forze di occupazione israeliane costituisce una sfida a tutte le risoluzioni internazionali relative alla legittimità”, accusando Israele di “prendere deliberatamente di mira il campo degli sfollati”.

“Alla luce dell’orribile massacro sionista commesso stasera dall’esercito criminale di occupazione contro le tende degli sfollati, invitiamo le masse del nostro popolo in Cisgiordania e a Gerusalemme, nei territori occupati e all’estero a sollevarsi e marciare in rabbia”, ha scritto Hamas in una nota.

I razzi erano stati lanciati in precedenza da Rafah

L’attacco è avvenuto poche ore dopo che l’esercito israeliano aveva annunciato il lancio di otto razzi da Rafah, attivando le sirene a Tel Aviv e nel centro di Israele per la prima volta dopo mesi.

Nonostante la condanna internazionale, l’esercito israeliano ha lanciato il 7 maggio un’operazione in questa città situata nel sud della Striscia di Gaza per distruggere le ultime brigate di Hamas, contro le quali conduce una guerra da quasi otto mesi.

READ  Un uomo ubriaco si sveglia accanto a uno sconosciuto e chiama la polizia tedesca

Venerdì la Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di interrompere immediatamente le sue operazioni in questa città, dove si sono rifugiati 1,5 milioni di persone. Centinaia di migliaia di loro furono costretti a fuggire nuovamente quando le operazioni israeliane iniziarono il 7 maggio.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato domenica scorsa di “opporsi fermamente” alla fine della guerra.