Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La massiccia frana ha provocato almeno duemila morti, secondo le autorità locali

La massiccia frana ha provocato almeno duemila morti, secondo le autorità locali

Si tratta di un pedaggio nuovo, molto più pesante. Secondo una lettera inviata dalle autorità del paese dell’Oceania alle Nazioni Unite, visionata dall’Agence France-Presse, più di duemila persone sono rimaste sepolte la settimana scorsa in un’enorme frana in un remoto villaggio della Papua Nuova Guinea.

“La frana ha seppellito vive più di duemila persone e ha causato grandi distruzioni”.Lo ha riferito il Centro nazionale per i disastri nazionali all’ufficio delle Nazioni Unite nella capitale, Port Moresby. Il disastro è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì, intorno alle tre del mattino. Nella provincia di Inga, nel centro del paeseCon sorpresa degli abitanti del villaggio, che mentre dormivano furono sepolti sotto cumuli di fango e macerie.

Inizialmente le organizzazioni umanitarie e le autorità locali avevano espresso il timore che nel disastro sarebbero rimaste uccise tra le cento e le trecento persone. Il numero stimato delle vittime era già salito a 670 questo fine settimana, quando i soccorritori si sono accorti che il villaggio dove si è verificata la frana aveva una popolazione più numerosa del previsto.

Causa flusso “Grandi distruzioni di edifici e orti, che hanno avuto un forte impatto sull’economia del paese”.Rapporti del Centro gestione disastri. “La situazione rimane instabile poiché la frana continua a muoversi lentamente, rappresentando un pericolo continuo per le squadre di soccorso e i sopravvissuti”.Ha avvertito le autorità nella loro lettera.

La dimensione del disastro richiesto “Azione immediata e coordinata da parte di tutti i soggetti interessati”Comprese le autorità militari, nazionali e regionali. L’agenzia ha chiesto assistenza alla comunità internazionale e ha chiesto alle Nazioni Unite di informare i partner per lo sviluppo della Papua Nuova Guinea “E altri amici internazionali” Dipende dalla situazione.

READ  L'FBI ha sparato a un uomo che ha minacciato Joe Biden, durante il suo tentativo di arresto

Serhan Oktrak, capo dell’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione a Port Moresby, ha detto in precedenza che i soccorritori stavano partecipando alla missione. “Corsa contro il tempo” Per trovare sopravvissuti. I servizi di emergenza lavorano in condizioni pericolose, soprattutto a causa… “Pietre [qui] “Continua a cadere e a muovere la terra.”seleziona Mr. Actorbrack.

“Ciò che peggiora le cose è che le acque sotterranee scorrono sotto le macerie, trasformando la superficie del terreno in un pendio scivoloso”.Ha aggiunto. “Ciò potrebbe portare alla nascita di un nuovo segmento”.Il funzionario dell’ONU, rappresentato dall’avv. A “Grave pericolo” Per bagnini e residenti. Ha aggiunto che circa 250 case vicine sono state evacuate a scopo precauzionale.

Gli aiuti sono stati ritardati a causa della violenza tribale

Oktoberak ha affermato che nella zona del disastro sarebbero dovuti arrivare attrezzature pesanti ed escavatori, ma il loro arrivo è stato ritardato a causa della violenza tribale scoppiata lungo l’unica strada di accesso. “Molte case stanno bruciando e altre emettono fumo. Donne e bambini sono stati sfollati, e tutti i giovani uomini e donne della zona sono armati di coltelli da caccia”.Ha aggiunto, citando un rapporto su un convoglio umanitario che cercava di raggiungere il luogo del disastro. Tuttavia, questa violenza non è il caso “Relativo alle frane”Lui ha spiegato.

Applicazione universale

Buongiorno mondo

Ogni mattina trovi la nostra selezione di 20 articoli da non perdere

Scarica l’applicazione

I residenti dei villaggi vicini aiutano a recuperare i corpi utilizzando pale e attrezzi agricoli. La vicina società mineraria New Porgera Ltd. ha accettato di fornire escavatori meccanici per assistere i soccorritori e liberare le strade.

READ  Il Belgio sta indagando sulla presenza di una nave spia russa nel Mare del Nord

Per i residenti nelle vicinanze lo smottamento sarebbe stato causato dalle forti piogge cadute sulla zona nelle ultime settimane. Secondo la Banca Mondiale, la Papua Nuova Guinea ha uno dei climi più umidi del mondo e forti piogge cadono regolarmente nelle zone umide degli altipiani.

Secondo gli scienziati, la variazione dell’andamento delle precipitazioni dovuta ai cambiamenti climatici aumenta il rischio di frane nel paese. A marzo, almeno 23 persone sono morte in una frana in una provincia vicina.

Il mondo con l’Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto