Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

France Info, secondo le informazioni di Medici Senza Frontiere, l’esercito israeliano sarebbe responsabile dell’attacco contro uno di questi convogli, che ha provocato la morte di due persone.

France Info, secondo le informazioni di Medici Senza Frontiere, l’esercito israeliano sarebbe responsabile dell’attacco contro uno di questi convogli, che ha provocato la morte di due persone.

Il 18 novembre, due minibus di MSF sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco nelle strade di Gaza, mentre le équipe di MSF e le loro famiglie cercavano di fuggire nel sud del paese.

pubblicato


Tempo di lettura: 1 minuto

Palestinesi scoprono danni intorno all'ospedale Shifa a Gaza, dopo un attacco israeliano, il 26 novembre 2023. (OMAR EL-QATTAA / AFP)

Medici senza frontiere Si indica la responsabilità dell’esercito israeliano per la sparatoria che ha provocato la morte di due persone, il 18 novembre a Gaza, su un convoglio appartenente a un’organizzazione non governativa che cercava di fuggire verso il sud del Paese, come riferisce France Info lo ha rivelato venerdì attraverso un documento di Medici Senza Frontiere. La ONG chiede spiegazioni alle autorità israeliane, nonché un’indagine indipendente.

L’attacco è avvenuto il 18 novembre durante l’attacco israeliano all’ospedale Al-Shifa, situato nel nord della Striscia di Gaza. I soldati avevano ordinato di evacuarlo. Israele ha confermato che Hamas ha utilizzato questa istituzione come base militare.

MSF afferma che i veicoli sono stati “deliberatamente presi di mira dal fuoco”

Sul sito di MSF si legge un comunicato stampa datato 18 novembre che condanna la ONG “Un attacco deliberato a un convoglio che stava cercando di evacuare i suoi membri.”. Medici Senza Frontiere conferma che le auto lo erano “È chiaramente identificato dai loghi dell’organizzazione” E solo due di loro “Sono stati deliberatamente presi di mira dal fuoco”.

Secondo Medici Senza Frontiere, le testimonianze dell’équipe indicano che l’esercito israeliano è responsabile di questo attacco. Un membro della ONG afferma di aver visto carri armati e cecchini posizionati sul tetto di un edificio poco prima della sparatoria che ha ucciso un suo parente e un vicino. Afferma anche che gli hanno sparato.

READ  «Un jour vraiment historique», se réjouit Volodymyr Zelensky

MSF accusa anche l’esercito israeliano di aver deliberatamente distrutto i veicoli della ONG due giorni dopo, il 20 novembre, con un bulldozer e carri armati, nonostante costituissero prove del caso. Quel giorno, un membro di MSF ha fotografato l’incendio di cinque veicoli contraddistinti dagli uffici della ONG a Gaza.