Aprile 16, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Explainer – Perché l’Italia è in stallo sui fondi di salvataggio dell’UE

Explainer – Perché l’Italia è in stallo sui fondi di salvataggio dell’UE

L’Italia, uno dei principali beneficiari del fondo per la ripresa post-pandemica (PRF) dell’UE da 724 miliardi di euro (797 miliardi di dollari), sta lottando per raggiungere gli obiettivi fissati da Bruxelles per accedere al denaro ed è in ritardo nell’attuazione dei suoi piani.

Mercoledì la Commissione europea ha espresso preoccupazione per i ritardi e ha chiesto all’Italia di agire rapidamente per risolvere i problemi con il piano finanziario, che scade nel 2026.

Cosa vuole l’Italia?

Nel 2021 l’allora presidente del Consiglio Mario Draghi, seguendo un piano elaborato dal suo predecessore Giuseppe Conte, ottenne da Bruxelles il via libera per ricevere 68,9 miliardi di euro in contributi a fondo perduto e 122,6 miliardi di euro in finanziamenti agevolati, per un totale di 191,5 miliardi di euro – circa 191,5 miliardi di euro. 50 miliardi in più di qualsiasi altro paese.

Il suo governo ha realizzato 138.640 progetti in sei aree di investimento: digitalizzazione, trasformazione ecologica, infrastrutture, istruzione, equità sociale e sanità.

L’Italia ha finora ricevuto prefinanziamenti e due tranche per un totale di 67 miliardi di euro.

Una terza tranche di 19 miliardi di euro doveva essere rilasciata alla fine del 2022, ma è stata bloccata dopo che l’UE ha chiesto chiarimenti sugli sforzi di Roma per raggiungere gli “obiettivi e le tappe fondamentali” richiesti per il rilascio dei fondi. Il governo afferma di aver risposto a tutte le domande della Commissione europea e si aspetta che i soldi vengano presto sbloccati.

Qual è il problema?

Il primo ministro Giorgia Meloni, che si è insediato lo scorso ottobre, ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina e l’elevata inflazione hanno reso necessarie revisioni del piano originale e ha ottenuto il via libera da Bruxelles per presentare il piano aggiornato.

READ  Italia: scoperto a Firenze il "Campione dei segreti" di Michelangelo

I funzionari governativi affermano che è assurdo pensare che l’Italia sarà in grado di spendere così tanti soldi prima della scadenza del 2026, che ha uno dei peggiori record quando si tratta di spesa negli ultimi decenni. fondi europei. Il governo vuole la garanzia scritta che ogni iniziativa FRR sarà completata in tempo. In caso contrario, verranno sostituiti.

I governi locali stanno lottando per rispettare le scadenze, esacerbate da anni di misure di austerità che hanno lasciato regioni e comuni con una carenza di lavoratori qualificati. Anche molti microprogetti stanno bloccando il sistema, affermano gli esperti. Un rapporto dell’Università Bocconi di Milano sottolinea che 76.000 di questi progetti valgono meno di 70.000 euro ciascuno, e si chiede se non sia il caso di destinarli alla liberazione dei dirigenti.

I funzionari governativi affermano che il deficit del progetto sta anche creando una carenza di manodopera, che rischia di ritardare alcuni progetti infrastrutturali chiave oltre la scadenza del 2026.

Il nuovo governo è responsabile?

Meloni ha cambiato il modo in cui FRR è stato supervisionato e ha nominato il ministro per gli Affari europei Raffaele Fito ad assumersi la responsabilità generale. Quest’ultimo sta ancora costruendo la sua squadra e mancano ancora appuntamenti importanti. Questa riorganizzazione ha fatto perdere tempo utile all’Italia. C’è stata anche trasparenza senza annunci sullo stato dei progetti da quando il governo si è insediato.

Il signor Fito ha promesso di presentare un piano rivisto a Bruxelles entro la fine di agosto, ma i critici affermano che la sua revisione richiede troppo tempo e solleva dubbi sulla possibilità di spendere i soldi entro il 2026.

READ  Giro d'Italia - Il Giro d'Italia ha svelato la sua nuova maglia rosa!

Il governo afferma che la revisione non può essere affrettata perché deve consegnare a Bruxelles un documento concreto e inattaccabile. Un funzionario ha affermato che le promesse fatte dalle precedenti amministrazioni non erano realistiche.

Quali sono le opzioni?

È facile ammettere che l’Italia ha superato i propri limiti e abbassato il FRR. Tuttavia, i ministri insistono affinché l’Italia utilizzi tutti i fondi stanziati.

I leader aziendali hanno esortato il governo a reindirizzare i fondi al settore privato sotto forma di agevolazioni fiscali. Con questo in mente, un alto funzionario ha dichiarato questo mese che Roma prevede di investire parte dei fondi per aiutare le aziende nazionali con vari progetti, tra cui la ristrutturazione ecologica degli impianti industriali.

Il governo ha anche indicato di voler utilizzare il FRR per nuovi progetti energetici strategici, in particolare per costruire un collegamento per il trasporto del gas e dell’idrogeno prodotti in Nord Africa verso l’Europa.

Tuttavia, l’UE ritiene che l’FRR debba essere applicato ai cambiamenti ambientali, il che significa che potrebbe rifiutare tali sforzi.

(1 dollaro = 0,9084 euro)