Luglio 23, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ecco le tariffe punitive imposte dall’Europa

Ecco le tariffe punitive imposte dall’Europa

Sono finiti i tempi in cui i produttori cinesi riuscivano a inondare l’Europa con auto elettriche a basso costo. L’Unione Europea ha appena inferto un duro colpo imponendo pesanti tariffe su queste importazioni. Si tratta di una misura che di fatto ha fatto retrocedere Pechino.

Potenza MG4X

E ‘fatto. L’Unione Europea ha appena inferto un duro colpo al mondo delle auto elettriche. Il 4 luglio 2024, La Commissione Europea ha annunciato l’imposizione di dazi doganali punitivi (208 pagine in formato PDF) Sulle auto elettriche importate dalla Cina. La decisione, arrivata dopo un’indagine durata nove mesi, rischia di destabilizzare il mercato europeo delle auto elettriche.

Tasse che fanno male al portafoglio

Sono finiti i tempi in cui i produttori cinesi riuscivano a inondare l’Europa con auto elettriche a prezzi imbattibili. I nuovi dazi doganali vanno dal 17,4% al 37,6%, a seconda del produttore. BYD, una delle principali società elettriche cinesi, deve far fronte a un’imposta del 17,4%. Geely, proprietario di Volvo, Polestar, Lync & Co, nonché di Lotus e Zyker, dovrà pagare una commissione aggiuntiva del 19,9%. SAIC, la società madre di MG e Maxus, è una doccia fredda con il 37,6% di tasse.

Xpeng G6 // Fonte: Xpeng

Stiamo parlando anche di startup cinesi che vendono auto elettriche, come Nio, Leapmotor, Aiways, Seres e persino Xpeng. Oltre a Tesla, anche i modelli lasciano la fabbrica di Shanghai. Altri gruppi come Great Wall Motor (Ora), Chery o anche Dongfeng (Dongfeng e Voyah), JAC (JAC e DR) sono menzionati nel documento. Questi marchi e aziende, grazie alla loro collaborazione nell’inchiesta, saranno soggetti a tasse con un’aliquota del 20,8%.

Ma attenzione, questi numeri non sono scolpiti nella pietra. Per ora si tratta di misure temporanee. Gli importatori devono semplicemente fornire una garanzia bancaria. La decisione finale verrà presa entro quattro mesi, ovvero all’inizio di novembre 2024. Fino ad allora, le lobby funzioneranno a pieno ritmo da entrambe le parti!

READ  La scelta - I miliardari francesi sono diventati più ricchi dopo la crisi sanitaria?

Perché una tale decisione?

La Commissione europea non è timida al riguardo: accusa apertamente la Cina di sovvenzionare ingiustamente la sua industria delle auto elettriche. Secondo Bruxelles, questo sussidio minaccia direttamente l’industria automobilistica europea.

studio Centro di Studi Strategici e Internazionali Ha sollevato il velo sull’entità del sostegno che Pechino offre all’industria automobilistica. 230,8 miliardi di dollari. Il che dà, in totale, al momento in cui scriviamo, 216 miliardi di euro.

I suddetti “aiuti” costituiscono un vero e proprio arsenale di sostegno statale all’industria automobilistica cinese, e vanno oltre i semplici sussidi diretti. Questa combinazione di benefici include l’accesso privilegiato alle risorse e ai finanziamenti pubblici, garanzie statali, agevolazioni fiscali e persino riduzioni sui costi di produzione come energia o terra. Esistono anche meccanismi più subdoli, come le restrizioni alle esportazioni che possono favorire l’industria nazionale, o anche i prestiti a condizioni agevolate da parte delle banche statali.

Le auto elettriche cinesi rappresentano oggi il 22% del mercato europeo delle auto elettriche. Un progresso folgorante che fa tremare i costruttori dell’antico continente.

Ma non ci inganniamo: questa decisione non è solo economica, ma anche geopolitica. L’Europa sta cercando di ridurre la propria dipendenza dalla Cina, sia nel campo delle batterie, delle terre rare o delle automobili finite.

Conseguenze sul mercato

Vedremo aumentare i prezzi delle auto elettriche da un giorno all’altro? Non così in fretta! Inizialmente, l’impatto sui prezzi dovrebbe essere limitato. Perché ? Semplicemente perché attualmente in Europa esiste un ampio stock di auto elettriche cinesi.

Inoltre, i produttori probabilmente assorbiranno parte dell’aumento per rimanere competitivi. Interagendo con i rivenditori BYD, il brand cinese ci ha assicurato di essere in grado di assorbire questi costi aggiuntivi.

READ  In quale criptovaluta investire a settembre?
Leone marino BYD // Fonte: BYD

Va detto che i produttori cinesi hanno un margine: a parità di modello elettrico venduto in Cina e Francia, I prezzi possono variare dal semplice al doppio o addirittura al triplo, a differenza dei clienti francesi.

Ma nel medio termine è un’altra storia. Se queste tariffe venissero confermate a novembre, potremmo assistere a vere e proprie turbolenze sul mercato.

I produttori cinesi dovranno rivedere la loro strategia. Alcuni potrebbero decidere di creare fabbriche in Europa per evitare queste tasse. Altri potrebbero concentrarsi su altri mercati più accoglienti.

Risposta cinese

È chiaro che la Cina non intende restare a guardare questa decisione. Pechino ha già avviato un’indagine sulle importazioni europee di vino, liquori, latticini e persino auto sportive. Un modo per dire all’Europa: ” Se tocchi le nostre auto, prenderemo i tuoi beni di lusso“.

Pertanto, siamo probabilmente all’inizio di una guerra commerciale che potrebbe avere conseguenze oltre il settore automobilistico. Nelle prossime settimane saranno necessari negoziati tra UE e Cina per evitare un’escalation.