Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo Mayotte, un’epidemia di colera potrebbe raggiungere la Francia continentale?

Dopo Mayotte, un’epidemia di colera potrebbe raggiungere la Francia continentale?

Il colera fece una seconda vittima sull’isola di Mayotte. Dopo la morte di una bambina di 3 anni l’8 maggio, una donna di 62 anni è morta sabato a Mamoudzou. L’epidemia si diffonde mentre l’agenzia sanitaria regionale sta valutando 122 casi di colera nella regione La sua ultima valutazione Il 27 maggio.

Ancora più preoccupanti: i casi “locali”, diagnosticati in pazienti che non hanno lasciato l’isola francese e sono comparsi dalla fine di aprile. Spiega che si riferisce alla “trasmissione locale in un certo numero di quartieri”. 20 minuti Renaud Piarot, capo dipartimento della Pitié-Salpêtrière (AP-HP) e specialista in epidemiologia.

Le condizioni non sono soddisfatte nella Francia continentale

“Di questo passo, il colera rischia di diffondersi alla Francia metropolitana”, ha avvertito Madi Velo, vicepresidente responsabile della sanità presso il Consiglio provinciale di Mayotte, in un’intervista al quotidiano britannico “Daily Mail”. lancio Lo scorso 10 maggio. Tuttavia, secondo Renaud Piarot, il rischio che un’epidemia del genere si diffonda nella Francia metropolitana è minimo, se non addirittura nullo. Possono esserci ancora casi importati di questa o quella malattia, ma non esistono le condizioni di contaminazione.

“C’è il colera fuori dalla Francia da decenni, e finché decine di milioni di stranieri arrivano in Francia ogni anno, non c’è mai stata un’epidemia di colera perché abbiamo accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici. Sono poche le persone che bevono”. spiega Renaud Piarot. Acqua dai ruscelli, e meno in città.” “Finché vengono rispettate le norme igieniche di base, non c’è nulla di cui preoccuparsi”, afferma Eric Cooms, specialista in malattie infettive presso la Divisione di malattie infettive e tropicali dell’Università. AP-HP.

READ  Gli scienziati hanno sviluppato un sensore ottico fragile e pieghevole

Interi quartieri senza acqua potabile

L’osservazione è la stessa per quanto riguarda gli altri dipartimenti francesi all’estero. Se oggi il colera si trasmette a Mayotte, ciò è dovuto al peggioramento delle condizioni di vita degli abitanti delle baraccopoli sovraffollate. “Quartieri in cui le case sono in lamiera sono molto densi, con poca o nessuna fornitura di acqua potabile e dove le persone sono costrette a raccogliere l’acqua da corsi d’acqua o bacini idrografici completamente non protetti”, insiste Rino Piaro.

Queste migliaia di persone vivono nello stesso posto e condividono acqua potenzialmente contaminata. “Il colera – spiega lo specialista – è una malattia contagiosa, ma si trasmette principalmente attraverso l’ambiente, un ambiente in cui i malati possono contaminare un corso d’acqua mentre altre persone bevono l’acqua dello stesso corso d’acqua”. Eric Caums afferma che la malattia della “povertà e della promiscuità sessuale” nell’isola di Mayotte “sull’isola di Mayotte “tutte le condizioni necessarie per la sua continuazione sono state soddisfatte”.

Problema politico

“Questo è qualcosa che non dovrebbe esistere a Mayotte e in nessun altro posto in Francia”, afferma Renaud Piarot. Ma è quello che sta succedendo lì, dice il professore specializzato in epidemiologia.

Perché questa crisi sanitaria non è direttamente collegata alla crisi idrica dell’isola di Mayotte, che soffre di una grave siccità. “Il problema deriva da una parte della popolazione delle Comore che fa pressioni per la mancanza di acqua potabile nelle baraccopoli dove si stabiliscono i migranti delle Comore, ed è quindi legato a problemi politici locali”, afferma Renaud Piaro. Sottolinea che d’ora in poi l’epidemia di colera evidenzia un contesto sanitario che “si rivolta contro tutti”.

READ  Di seguito sono riportati gli alimenti che causano più gas, esclusi i fagioli