Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Decisione in appello lunedì a favore della banca svizzera UBS

Inserito il 25 settembre 2021 alle 12:45

Dopo una multa record in primo grado, la Corte d’appello di Parigi ha deciso lunedì il destino di UBS, sospettata di aver perquisito illegalmente clienti in Francia tra il 2004 e il 2012 per investire miliardi di euro in un paradiso fiscale svizzero.

Durante un secondo processo a marzo a Parigi, il leader del settore bancario svizzero ha cercato di modificare le carte del caso, due anni dopo essere stato multato di 3,7 miliardi di euro, la più grande multa non ancora applicata in Francia in caso di evasione fiscale.

Il tribunale aveva incriminato UBS il 20 febbraio 2019 per riciclaggio aggravato di frode fiscale e direttiva bancaria illegale, sanzionando errori “estremamente gravi”. Immediato ricorso la banca, che ha sempre negato di oltrepassare la linea rossa della legalità.

Il peso massimo del Wealth Management è accusato di aver inviato venditori svizzeri in Francia a “cacciare” clienti facoltosi della sua filiale francese, che sono stati avvistati in particolare durante ricevimenti, concerti o tornei di golf, aprendo conti svizzeri non divulgati.

UBS France è stata citata in giudizio per collusione, insieme a sei ex CEO.

A fine giugno, la Corte d’appello di Parigi ha respinto una questione procedurale in questo caso, aprendo la strada alla decisione nel merito prevista per lunedì alle 13:30.

I pubblici ministeri hanno affermato che UPS “ha gestito consapevolmente i conti degli evasori fiscali francesi” e in appello ha chiesto una nuova condanna per una “parte della storia di UPS” sinonimo di massiccia evasione fiscale.

Tuttavia, la Procura ha chiesto una multa di “non meno di due miliardi di euro”, che è significativamente inferiore alla sentenza del tribunale di primo grado.

READ  Lagardère, l'ultimo trofeo sulla tavola da pesca Bolloré الصيد

Tra i processi, la Corte di Cassazione, la più alta corte dell’ingiunzione francese, ha in realtà emesso diverse decisioni che potrebbero modificare la sentenza UBS. Secondo una di queste disposizioni, la sanzione massima dovrebbe essere calcolata sulla base dell’importo delle presunte imposte evase e non sul totale dei fondi occulti. In questo caso, 2,2 miliardi, secondo il conto del procuratore generale.

Quest’ultimo ha anche chiesto la conferma di una sanzione di 15 milioni di euro per UBS France, oltre a pene detentive e multe sospese per i sei ex dirigenti.

– “Aspirapolvere” –

La difesa si è battuta per la scarcerazione affermando che “non c’era stato alcun inizio per provare” che gli imputati avessero violato le norme in vigore all’epoca dei fatti.

“Niente” dimostra un “atto illegale di voto”, ha dichiarato l’avvocato della filiale francese Denis Chemla, denunciando “la delirante teoria secondo cui UPS France (era) un aspirapolvere per i risparmi francesi per il profitto di UPS Svizzera”.

Nell'”era passata” dei presunti fatti, tra il 2004 e il 2012, UBS ha fornito solo servizi legati al segreto bancario, poi “protetti” da un accordo tra Svizzera e Unione Europea, ha affermato il legale della casa madre, Hervé Temime. Ha insistito sul fatto che UPS “rispettasse scrupolosamente le disposizioni del diritto nazionale ed europeo”.

Dal 2017 è stato progressivamente implementato il sistema di scambio automatico dei dati, firmando, sulla carta, la fine del segreto bancario svizzero. Ogni Paese deve ora segnalare al proprio Paese di origine l’esistenza di un conto intestato a un cittadino straniero.

Lo stato francese, parte civile, ha chiesto un risarcimento di 1 miliardo di euro – ha ricevuto 800 milioni di euro in prima istanza.

READ  L'NFT del popolare meme "Side Eyeing Chloe" è stato venduto per $ 74.000

A fine 2015, circa 4.000 clienti UBS si sono accordati attraverso un’unità dedicata aperta al Ministero dell’Economia francese, per recuperare 3,7 miliardi, la cifra scelta per punire in primis la banca.

L’avvocato dello stato francese ha detto durante il processo che questi contribuenti pentiti ora sono 17.000.

In altri paesi, UBS ha scelto di negoziare e pagare. Negli Stati Uniti, dove è stata accusata in particolare di aver permesso a più di 17.000 americani di evadere il fisco, nel 2009 è stata pagata 780 milioni di dollari.

Interrogata contemporaneamente in Francia, la filiale svizzera della banca britannica HSBC ha evitato una causa pagando 300 milioni di euro al fisco nel 2017.