Giugno 14, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Costi del nucleare: lo strano silenzio dello Stato

Costi del nucleare: lo strano silenzio dello Stato

[Article mis à jour le 15/09/2023 à 23:35]

Silenzio radiofonico al capo dello Stato. Anche se mercoledì 13 settembre la Commissione per la Regolazione dell’Energia (CRE) ha presentato all’Esecutivo un rapporto sui costi reali della produzione di elettricità nucleare da parte di EDF, non è stata annunciata alcuna conclusione. Interrogato, il poliziotto dell’energia punta il dito sul governo… che semplicemente non risponde alle richieste.

Tuttavia, originariamente, la Commissione per l’uguaglianza razziale avrebbe dovuto presentare una sintesi di questo rapporto durante l’incontro di rientro a scuola. Ma ciò è accaduto giovedì e sull’argomento regnava il silenzio più completo. ” Abbiamo restituito questo lavoro al governo. Non posso andare oltre oggi », ha sbottato il suo presidente, Emmanuel Wargon. Questo mentre la Francia sta attualmente negoziando, a Bruxelles e Strasburgo, l’attuale futuro modello di regolamentazione nucleare, che dovrà essere deciso in termini generali entro la fine dell’anno.

Il prezzo di vendita si avvicina ai 100 euro al megawattora

Perché per lo Stato francese, come per EDF e i consumatori altrove, i rischi sono enormi. Si tratta infatti di trovare un successore all’ARENH (Accesso regolamentato all’elettricità nucleare storica), un meccanismo che dal 2011 impone a EDF di vendere parte della sua produzione a 42 euro per megawattora (MWh). Per permettere ai francesi di beneficiare della “rendita” dell’energia nucleare. Ma ormai non è più un segreto: negli ultimi anni i costi di produzione del complesso nucleare sono aumentati notevolmente, arrivando a livelli ben superiori ai 42 euro per megawattora. Ma a che livello esattamente?

“Nel bel mezzo del dibattito sul futuro di ARENH, il governo potrebbe non volere che le stime dei costi di produzione di CRE trapelano e che i nuovi numeri susciti polemiche”, ha stimato una persona a conoscenza della questione.

Secondo le nostre informazioni EDF, che non intende vendere MWh al costo per liberare margini di investimento nell’ampliamento e nel rinnovamento del proprio parco macchine, punta comunque su un prezzo di vendita inferiore a 100 euro a MWh, ma vicino a questo importo. Tuttavia, senza giungere alle conclusioni della Commissione Energia, è difficile conoscere la quota dei costi di produzione nel prezzo totale proposto dalla società energetica.

READ  140.000 case potrebbero non rientrare nella categoria dello screening energetico

Soprattutto perché ci sono diversi modi per calcolarlo. In questo caso, il documento fornito dalla Commissione per l’uguaglianza razziale Si tratta di un aggiornamento di un rapporto top secret pubblicato nel settembre 2020, che valutava il costo di produzione Al prezzo di 48,36 euro al megawattora, Cioè cinque euro in meno rispetto alla cifra a suo tempo versata da EDF e poi denunciata Contesto.

Si trattava però del cosiddetto costo “contabile”, ovvero un costo che non teneva conto delle spese di investimento che sarebbero state effettuate durante la vita dei reattori. da parte sua, Stime dell’Ufficio di audit per l’anno 2013 Incorporando questi investimenti necessari nel costo medio di produzione delle 19 centrali nucleari francesi (il costo economico attuale), questo sale a 59,80 euro per megawattora. Si tratta di un dato superiore del 20,6% rispetto a quanto calcolato nel 2010 (49,5 euro per MWh). Nel settembre 2021, In un nuovo rapportoQuesta volta l’autorità finanziaria ha deciso che il costo di un megawattora rispetto alla produzione del 2019 ammonta a 64,8 euro per megawattora.

In termini di costi economici di produzione, dovrebbero aggirarsi intorno ai 60-70 euro per MWh e intorno ai 90 euro per MWh per il prezzo di vendita. », anticipa un ex dirigente dell’EDF che ha chiesto l’anonimato.

Prezzi del nucleare: corsa contro il tempo per EDF e lo Stato francese

Investimenti faraonici

Pertanto, se il costo dell’elettricità della flotta EDF è aumentato in modo significativo, è soprattutto perché ora è necessario includere i costi del Grand Carénage, questo vasto programma volto ad ampliare il più possibile gli impianti esistenti, che si stima a 100 miliardi di euro (75 miliardi di investimenti e 25 miliardi di operazioni).

“Quando ARENH è stata creata, più di dieci anni fa, la cifra di 42 euro per MWh si riferiva al costo contabile che l’energia nucleare aveva maturato su EDF, in assenza del Grand Carénage. Non ci sono stati nuovi investimenti al di fuori di Flamanville EPR, e quindi no Una ragione per il consolidamento dei margini e un forte aumento dei prezzi dell’elettricità nucleare.“Ma tutto questo è cambiato”, afferma l’economista Jacques Persebeau, membro della famosa Commissione Champseur nel 2009, che era all’origine della creazione di un accesso regolamentato all’energia nucleare. energia nucleare, dice La Tribune.

Tuttavia, nel rapporto dell’Audit Bureau pubblicato nel settembre 2021 sui costi del sistema energetico, la magistratura finanziaria stima che “ Il costo per allungare la vita [des centrales, ndlr] Si può stimare non meno di 35 euro (nel 2015) per megawattora Cioè, con l’inflazione, oggi circa 40 euro. Aggiungo che” Gli investimenti passati che non sono stati ancora completamente consumati devono essere sommati e devono essere ricompensati per ottenere l’intero costo futuro dell’attuale produzione di energia nucleare ».

READ  L'economia britannica precipita in recessione

Inoltre si pone la questione se una parte delle spese future per il rinnovo del parco veicoli sarà inclusa o meno nel prezzo di costo delle centrali storiche, mentre dovrebbero essere costruiti i primi 6 impianti EPR2 voluti da Emmanuel Macron. Costa Tra 52 e 56 miliardi di euroQuesto è secondo un rapporto pubblicato dal governo lo scorso anno. Questa è tuttavia l’opzione preferita da EDF, che si basa sul fatturato Flussi di cassa È stato lanciato con le sue strutture esistenti per prepararsi al futuro. Tanto più che l’elettricità generata dai futuri reattori sarà costosa, con stime che oscillano tra gli 80 e i 100 euro al megawattora.

Impatto dei tagli alla produzione

Infine, il basso livello di produzione nucleare osservato negli ultimi anni aumenta meccanicamente il prezzo di costo di questa fonte energetica. E per una buona ragione: mentre le centrali elettriche francesi nel 2015 hanno prodotto 420 terawattora, l’anno scorso sono state solo 279 terawattora e quest’anno al massimo 330 terawattora, secondo le previsioni della società energetica. Il motivo, in particolare: alla fine del 2021 è stato individuato un guasto di tensocorrosione in diversi reattori, costringendolo a prendere il controllo di tutti gli impianti, nonché un arresto prolungato delle unità legate ai controlli del Grand Carénage.

“Il costo di produzione dell’impianto è la somma delle spese divisa per la quantità di kilowattora prodotti. È logico che se questa quantità diminuisce, il costo aumenta. Quindi l’interesse dell’elettricista è che le sue centrali funzionino a pieno regime, distribuire i costi fissi su un gran numero di kilowattora”, spiega uno degli specialisti.

“Il prezzo dell’elettricità non aumenterà più del 10% il 1° febbraio”, conferma Agnès Pannier-Runacher.

READ  Qual è il vero obiettivo di un agente immobiliare quando acquista un appartamento?

Energia troppo cara?

Tutto ciò mette in discussione l’interesse economico dell’energia nucleare in Francia? Per confrontare il loro costo con quello delle energie rinnovabili è comunque meglio tenere conto dell’intero sistema. Perché se un megawattora di energia eolica e solare può a prima vista sembrare più economico, i costi sconcertanti associati alla gestione della sua intermittenza e della fornitura, in particolare, possono rapidamente ribaltare l’equazione. Al Direttore della Rete di Trasmissione dell’Energia Elettrica RTE,Ci saranno anche costi aggiuntivi Più importante in scenari con una quota molto elevata di energie rinnovabili ».

“Il costo totale del mix elettrico non risulta dalla semplice somma dei costi di produzione di ciascun settore esistente, ma deve integrare i costi del sistema elettrico nel suo complesso, e in particolare i costi legati alle dimensioni della rete elettrica o anche quelli legati alla necessità di un equilibrio permanente tra domanda e offerta (costi di stoccaggio, domanda di flessibilità, ecc.)”, osserva l’Audit Bureau nella sua relazione del 2021.

Rete elettrica: 96 miliardi di euro Sono questi i costi nascosti (ed enormi) della transizione energetica

Tuttavia, sembra ormai che l’aumento del costo dell’energia nucleare sia innegabile. In questi casi, ” Migliore identificazione delle spese associate [sa] L’espansione consentirà di tener conto dell’importanza di questa espansione in relazione allo sviluppo di nuovi mezzi di produzione », aggiunge l’Ufficio di controllo nella relazione summenzionata. Resta quindi da vedere cosa dirà la Commissione per l’uguaglianza razziale.

Perché il futuro mix elettrico sarà più conveniente grazie al riavvio dell’energia nucleare, secondo RTE