Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come nasce l’alimentazione nel ciclismo: dietro le quinte della scienza nello sport

Come nasce l’alimentazione nel ciclismo: dietro le quinte della scienza nello sport

Ogni ciclista vuole evitare il temuto incidente, quel momento in cui i livelli di energia raggiungono lo zero e le gambe diventano gelatina. Per farlo è necessario fare rifornimento con attenzione, il che può essere difficile sui voli lunghi quando trasportare il cibo diventa di per sé un dilemma.

È qui che entrano in gioco i prodotti energetici personalizzati e Science in Sport (SiS) è uno dei marchi più grandi in questo ambito. L’azienda britannica produce prodotti nutrizionali dal 1992 e ora supporta 320 atleti in tutto il mondo, tra cui Ineos Grenadiers.

I suoi prodotti sono stati utilizzati nelle gare più importanti del mondo, supportando i vincitori del Tour de France e i campioni del mondo, ma sono utilizzati anche dai ciclisti amatoriali di tutto il mondo.

Questo ci ha fatto riflettere, come vengono creati i prodotti SiS e qual è la loro formula vincente? Abbiamo mandato Connor Dunne alla fabbrica dell’azienda per scoprirlo. Mentre era lì ha incontrato Rob Mellor, il nuovo Direttore dello sviluppo prodotto, che ha fornito ulteriori approfondimenti su come SiS crea i suoi prodotti.

Guarda il tour completo della fabbrica nel video qui sopra, oppure guarda l’intervista qui sotto.

Connor: Come crei una ricetta per il gel?

Rapinare: Un modo è imparare lezioni dallo sport di alto livello. Osserviamo gli ingredienti che i ragazzi utilizzano in termini di dosaggi, come proteine, carboidrati e cose del genere. Poi lo portiamo in laboratorio e esaminiamo diverse forme come gel, polveri, bevande e anche compresse, e pensiamo al modo migliore per introdurre quegli ingredienti nel sistema dei ciclisti.

Successivamente, realizziamo alcuni campioni in laboratorio. Testiamo le cose. Li mandiamo ad assaggiare i piatti e ottenere feedback. Ci assicuriamo di realizzare il miglior prodotto possibile.

READ  PODCAST. Sixième science, episodio 78 : innover pour décarboner

SiS ha una gamma di gel. Quali sono le principali differenze tra i gel isotonici e quelli beta-fuel?

Con il gel isotonico è un’unica fonte di carboidrati, quindi è solo maltodestrina standard con acqua e le cose che ho menzionato prima.

Per quanto riguarda Beta Fuel Gel, è stato formulato per una condizione più duratura. Pertanto, è un carboidrato a doppia fonte. E al suo interno hai maltodestrina, più fruttosio, e questo ovviamente ti consente di assorbire più di quel carburante.

Quanto tempo e impegno sono necessari per sviluppare una ricetta Beta Fuel?

Beta Fuel è strano perché in realtà proviene dal livello più alto. È stato creato in collaborazione con Ineos Grenadiers nel 2018. Originariamente era una polvere e abbiamo utilizzato ciò che abbiamo imparato da essa; L’uomo stesso, Sir Dave Brailsford, ha detto che il Giro d’Italia è incentrato sul rifornimento di carburante. Abbiamo esaminato la scienza, imparato da essa e quindi creato la gamma. E abbiamo detto qual è il formato migliore per metterlo?

Quindi l’abbiamo rivalutato, riavviato e realizzato i gel. Quindi abbiamo un nuovo gel tropicale, il gel Beta Fuel standard e abbiamo masticato anche quello.

Come hai deciso il rapporto della ricetta per i gel Beta Fuel?

Anche questo viene dai ragazzi della soluzione prestazionale. Questa è l’idea di come progrediscono la scienza e la letteratura.

Originariamente quando abbiamo creato Beta Fuel in passato ed era una polvere, il rapporto tra glucosio e fruttosio era di due a uno. Ciò è andato avanti e la scienza è cambiata. Abbiamo scoperto che con un rapporto tra glucosio e fruttosio di 1 a 0,8, non solo sarai in grado di caricare più carboidrati, ma otterrai anche un aumento delle prestazioni rispetto a un rapporto di due a uno.

READ  Soffri di mal di testa dopo aver bevuto alcolici? La scienza ha appena scoperto il perché!

Allo stesso tempo riceverai anche un GI [gastrointestinal] Lo stress. Hai detto che hai già mangiato qualcosa e che hai avuto disturbi intestinali e cose del genere. Con questo rapporto, i nostri studi interni hanno dimostrato che infatti, a seconda di quale prodotto Beta Fuel si utilizza, che sia masticabile, gel o polvere, si verifica una riduzione completa di questo [gut distress].

Lavori ancora con i team per sviluppare prodotti?

Sì, questa è una parte importante della nostra evoluzione. Questo è ciò che chiamiamo soluzioni di performance interna.

Usciamo e otteniamo partnership con molti team di professionisti. Ineos Grenadiers è stata una grande azienda per noi e una delle nostre partnership pionieristiche.

Parte dello sviluppo che facciamo è principalmente riservato alle élite. Questo è ciò che chiamiamo ambito SiS Lab. Queste sono cose che potrebbero non essere finanziariamente sostenibili e a cui il ciclista medio potrebbe non essere interessato perché è troppo ricco di carboidrati o proteine ​​e non si sottoporrebbe mai a tali stress. [to require it].

Questa tecnologia verrà trasferita ad altri prodotti?

Sì, naturalmente. Il più importante e migliore di questi è Beta Fuel. È iniziato come un concetto completamente elitario, per poi diffondersi gradualmente. Poi abbiamo fatto il lancio commerciale.

Sapevamo di avere la scienza, sapevamo che funzionava e avevamo persone fantastiche nel team che potevano uscire e spiegare come avrebbe potuto migliorare le prestazioni. Per me è probabilmente il miglior prodotto in gel sul mercato.

Rimani aggiornato con le ultime novità tecnologiche e le funzionalità su GCN Sito web, linkato qui.