Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Clorofilla dove meno te l’aspetti

Sezione trasversale di un piccolo fusto di pochi millimetri di acero di monte, osservato al microscopio in epifluorescenza. La foto è stata scattata da Romain Le Bars sulla piattaforma imagery-Gif. Introduzione dell’autore

Vicino all’albero, maneggio un potatore. “Clap”, viene preso il campione. In laboratorio, Chantal lo taglia molto finemente con un microtomo e lo monta tra il vetrino e il coperchio… Dopo alcuni aggiustamenti, Romain mette tutto sul palco di un microscopio a epifluorescenza. Pochi istanti di suspense, e sullo schermo nero scopriamo, come sempre con gioia e stupore, la bellezza interiore dei rami… Ecco, davanti ai vostri occhi, uno spaccato di un giovane tronco tratto da un acero di monte .

Dove si nasconde la clorofilla nei fusti degli alberi?

In queste sezioni ci interessa la localizzazione del colore rosso, che qui riflette la presenza della clorofilla, un pigmento vegetale che permette la fotosintesi, cioè l’assorbimento dell’energia luminosa e la sua conversione in energia chimica.

Anche se di solito è verde, la clorofilla è una molecola che ha la proprietà di “auto-fluorescente” ed emette luce rossa quando illuminata da… blu. Questo colore rosso, che altrimenti passerebbe inosservato sotto la luminosità del sole e l’intensità del verde riflesso, è chiaramente visibile qui sotto un microscopio a epifluorescenza, che invia solo una lunghezza d’onda di eccitazione della clorofilla nel campione.

Distinguiamo i diversi tessuti che compongono il fusto, disposti concentricamente: alla periferia l’epidermide diventerà il floema e al centro (ovale scuro), il parenchima midollare. Tra i due vediamo dei raggi rossi corrispondenti ai raggi grossolani che raccolgono le cellule vive del legno, circondate dai vasi (che assicurano il trasporto della linfa grezza) e dalle fibre (le cellule morte responsabili della durezza del legno) mostrato qui in verde.

READ  78,5% della popolazione vaccinata, 4 à 5 milioni di Français pourraient perdre leur pass vaccinal au 15 février

Tuttavia, la disposizione della clorofilla osservata nell’acero non è unica Varia notevolmente tra le specie Alcune specie come il faggio o l’ontano contengono clorofilla nel nucleo del fusto, mentre questo non è il caso della quercia. Per produrre clorofilla, la cellula deve ricevere almeno un po’ di luce: bastano pochi fotoni. Nel faggio, la cui corteccia rimane sottile e lascia penetrare poca luce, la clorofilla viene prodotta anche dai tronchi degli alberi adulti.

Finora non abbiamo trovato nessun tipo di albero senza clorofilla negli steli. Perché allora un albero conserva nei suoi fusti la capacità di produrre clorofilla, che ha un “costo energetico”, mentre le sue foglie, che sono organi specializzati nella fotosintesi, sono in genere sufficienti a garantire la sua “autoalimentazione”, cioè la sua capacità di sintetizzare tutta la sua materia organica da elementi minerali?

La canna ricicla il proprio carbonio

Gli steli assorbono il carbonio attraverso la fotosintesi. Sorprendentemente, questo proviene non solo dall’aria circostante, ma anche dall’anidride carbonica2 Dal respirare le cellule viventi all’interno dello stelo… e talvolta anche l’anidride carbonica2 dalle radici e trasportato in forma disciolta dalla linfa grezza. Oltre a riciclare l’anidride carbonica2Il La fotosintesi degli steli assicura il rilascio di ossigenoche impedisce ai rami di soffrire di ipossia.

[Près de 80 000 lecteurs font confiance à la newsletter de The Conversation pour mieux comprendre les grands enjeux du monde. Abonnez-vous aujourd’hui]

Inoltre, è probabile che la presenza di clorofilla nei rami sia molto benefica nelle specie che hanno meno foglie (ad esempio per alberi del genere acacia), o in certi periodi dell’anno in cui le foglie sono assenti o gli aghi sono meno attivi.

READ  Covid : più dell'80% dei pazienti admis en réanimation souffrent de comorbidités

Di recente è venuta fuori un’idea Il ruolo della clorofilla può essere cruciale anche durante le estati calde e secche, dove le foglie chiudono gli stomi per limitare la perdita d’acqua, limitando così anche l’apporto di carbonio. La fotosintesi avviene riciclando l’anidride carbonica2 L’interno può compensare parzialmente il fabbisogno di carbonio, evitando la “fame” e garantendo la crescita o lo stoccaggio.

Può anche arginare la fotosintesi Svolge un ruolo nel mantenimento dell’integrità idraulica e/o riparare i danni causati dalla disidratazione ed evitare così la “morte per sete”.

In effetti, quand peu d’eau è disponible, il functionnement di bois (xylème) peut être perturbé da l’apparition de bulles d’air nelle colonnes d’eau de la sève brute, stoppant sa circolazione et l’approvisionnement in eau Foglie. Producendo zuccheri in particolare nei raggi molli, la fotosintesi dei fusti può permettere la riparazione locale dei vasi “puntini”, restituendo così la linfa alla circolazione.

Comprendere i meccanismi di azione degli alberi nel loro ambiente, un campo della fisiologia vegetale, è essenziale per caratterizzare i loro adattamenti a un ambiente che cambia. Per quanto riguarda la clorofilla nei ramoscelli e la relativa fotosintesi, ricordiamo che “ciò che sembra essere trascurato” non va trascurato. Anche se il suo ruolo generalmente quantitativo è nel bilancio del carbonio di alberi e foreste Forse moderatoil loro ruolo specifico può essere molto vantaggioso in caso di frequenti battute d’arresto riducendo la mortalità e il degrado forestale.

La versione originale di questo articolo non era & # 233; t & # 233; diffuso a sud nessuna conversazione, sito di notizie & # 224; d & # 233; de & # 233; Per scambiare idee tra esperti accademici e il pubblico in generale.

READ  Questi sette segni possono verificarsi fino a un mese prima di un attacco

leggi di più:

  • Immagini scientifiche: nel 1919 si verificò l’eclissi che dimostrò la relatività generale

  • Immagini scientifiche: il metano fuoriesce (anche) naturalmente dai fondali marini