Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Allarme sull’aumento dei casi di sifilide nei neonati

Allarme sull’aumento dei casi di sifilide nei neonati

Le autorità sanitarie hanno chiesto una forte mobilitazione contro l’aumento dei casi di questa malattia sessualmente trasmissibile tra i bambini, di cui nel 2022 sono stati registrati più di 3.700 casi.

Martedì 7 novembre le autorità sanitarie americane hanno chiesto una mobilitazione generale di fronte all’aumento dei casi di infezione da coronavirus Sifilide tra i neonati, che è più che raddoppiato in dieci anni, riflettendo una situazione più ampia e allarmante relativa alla recrudescenza delle malattie sessualmente trasmissibili nel Paese.

La sifilide nei neonati si sviluppa quando la madre stessa si infetta e non viene curata. In una donna incinta, la sifilide può portare ad aborto spontaneo, morte del neonato o complicazioni a lungo termine per il bambino, come perdita della vista o dell’udito, o persino deformità ossee.

Nel 2022 saranno colpiti 3.700 bambini

Inoltre, 3.700 bambini hanno figli con figli negli Stati Uniti nel 2022, quindi nasceranno più avanti nel 2012, nei nuovi centri di prevenzione e nel Paese contro le malattie (CDC), la principale agenzia sanitaria federale aux United State.

Tuttavia, l’agenzia sottolinea che 9 casi su 10 avrebbero potuto essere evitati grazie ad uno screening e ad un trattamento tempestivo durante la gravidanza. “La crisi della sifilide congenita negli Stati Uniti ha raggiunto un livello catastroficoDebra Houry, un alto funzionario del CDC, ha dichiarato in una dichiarazione:

L’epidemia di malattie sessualmente trasmissibili continua ad aumentare nel nostro PaeseHa aggiunto durante una conferenza stampa. Aumentano i casi di sifilideIn tutte le fasce d’età, comprese le donne in età riproduttiva e i loro partner sessuali.»

Il rischio di infezione è otto volte maggiore per i bambini neri, nativi americani o ispanici

Il CDC rileva che i bambini neri, nativi americani o ispanici avevano anche una probabilità fino a otto volte maggiore di nascere con la sifilide rispetto ai bambini con madri bianche nel 2021. Un’osservazione che l’agenzia attribuisce a “Decenni di determinanti sociali profondamente radicati», creando ulteriori ostacoli all’accesso alle cure. Secondo le autorità sanitarie, la mancanza di test e cure è legata a una serie di fattori individuali e sistemici.

READ  Morbo di Alzheimer: ecco 5 consigli per preservare la memoria

Gli ostacoli possono includere la mancanza di copertura sanitaria, vivere in un deserto di cure mediche o ginecologiche, difficoltà di accesso ai trasporti, difficoltà con l’abuso di sostanze, alloggi instabili, povertà e razzismo.», ha riferito Laura Bachmann, funzionaria del ramo dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie dedicato alla prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

L’Agenzia invita pertanto gli operatori sanitari a sfruttare ogni opportunità per effettuare lo screening delle donne incinte, anche quando vengono sottoposte a screening dai servizi di emergenza, o anche da programmi relativi al consumo di droga. Il CDC raccomanda inoltre di iniziare il trattamento quando una donna incinta risulta positiva al test rapido, anche se richiede conferma.