Settembre 30, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Aerei militari prendono fuoco dopo un attacco notturno di droni all’aeroporto di Pskov, in Russia

Aerei militari prendono fuoco dopo un attacco notturno di droni all’aeroporto di Pskov, in Russia

Un attacco di droni ha preso di mira l’aeroporto di Pskov, nella Russia nordoccidentale, nella notte tra martedì 29 agosto e mercoledì 30 agosto, danneggiando o distruggendo diversi aerei, secondo le autorità russe. Il ministero della Difesa russo, che ha elencato gli attacchi notturni di droni attribuiti all’Ucraina, finora non ha menzionato l’attacco a Pskov, che ha portato alla chiusura dell’aeroporto. Questa trasmissione in diretta è ormai terminata.

Sono morte due persone Lo ha annunciato tramite l’applicazione Telegram il sindaco della capitale ucraina, Vitaliy Klitschko, in seguito all’attacco missilistico a Kiev. Questo è il più offensivo Forte dalla primaverastimato Sul telegramma del capo del dipartimento militare di Kiev Sergei Popko. “28 missili da crociera e 15 droni d’attacco sono stati distrutti”.Lo ha riferito l’aeronautica ucraina.

La Russia afferma di aver distrutto quattro lanciatori ucraini. Mercoledì la Russia ha dichiarato di aver distrutto quattro motoscafi nel Mar Nero con a bordo fino a 50 membri delle forze speciali ucraine. La Russia sostiene che questi soldati stavano effettuando attacchi con droni sul suo territorio.

Attacco di droni a un aeroporto russo. Mosca ha dichiarato oggi, mercoledì, che un attacco notturno di droni ha preso di mira l’aeroporto di Pskov, nel nord-ovest della Russia, ed è stato respinto senza causare vittime. Si sta chiarindo l’entità dei danni., secondo il governatore distrettuale. Tutti i voli dall’aeroporto sono stati cancellati.

Nuovi aiuti militari Usa Martedì gli Stati Uniti hanno annunciato nuovi aiuti militari all’Ucraina per un ammontare di 250 milioni di dollari. Tale assistenza comprende attrezzature per la rimozione di mine ed esplosivi, nonché munizioni, in particolare sistemi di difesa antiaerea, proiettili di artiglieria e missili anticarro.

READ  La protezione cala bruscamente dopo sei mesi, secondo uno studio britannico