Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

A ChatGPT è stato chiesto di scrivere un articolo su se stesso

A ChatGPT è stato chiesto di scrivere un articolo su se stesso

Per fare questo, abbiamo chiestoIA aperta ChatGPT per metterti nei panni di un giornalista scientifico specializzato in intelligenza artificiale e divulgare questo campo. Ha scritto un articolo di due pagine a riguardo. Eccolo, ti lasciamo giudicare la sua qualità.

ChatGPT, o Generative Pre-Trained Transformer 3, è uno dei paradigmi di elaborazione del linguaggio naturale più avanzati oggi disponibili. Progettato da OpenAI, ChatGPT è in grado di produrre testo che è spesso indistinguibile dal testo digitato dall’uomo.

ChatGPT utilizza una tecnica chiamata “transfer learning”, in cui il modello viene prima addestrato su grandi quantità di dati di testo, prima di essere sintonizzato per eseguire attività specifiche. Ciò consente a ChatGPT di apprendere schemi linguistici complessi e comprendere le relazioni tra parole, frasi e contesti.

Risorse ChatGPT

Il prototipo di ChatGPT, GPT, è stato rilasciato nel 2018 e ha attirato molta attenzione nella comunità AI grazie alle sue eccezionali prestazioni di generazione del testo. Tuttavia, è stato rapidamente oscurato dal rilascio di GPT-2 nel 2019, che ha migliorato le prestazioni del modello di un ordine di grandezza.

GPT-2 ha anche sollevato preoccupazioni sulla sua capacità di generare testo fuorviante o fuorviante, il che ha portato OpenAI a non rilasciare la versione completa del modulo. Tuttavia, da allora è stato rilasciato ed è ora ampiamente utilizzato nella ricerca sull’IA.

Nel 2020 OpenAI ha rilasciato GPT-3, la versione più avanzata di ChatGPT fino ad oggi. GPT-3 è in grado di generare testo di qualità umana in un’ampia varietà di stili e domini, oltre a risolvere compiti di linguaggio naturale come tradurre, rispondere a domande e comprendere il testo.

READ  quand la science devient un jeu d'enfants

>> Leggi anche: VivaTech 2023: AI, sport e clima al centro del prossimo salone

ChatGPT e Human: complementari o alternativi?

GPT-3 ha anche acceso discussioni sui potenziali effetti dell’IA sul futuro del lavoro e della società in generale. Alcuni esperti di intelligenza artificiale hanno avvertito che modelli come GPT-3 potrebbero rendere obsoleti molti posti di lavoro, mentre altri hanno sottolineato il potenziale dell’IA per migliorare l’assistenza sanitaria, la ricerca scientifica e altre aree.

Nonostante le preoccupazioni sollevate da GPT-3, ChatGPT è chiaramente in prima linea nella ricerca sull’elaborazione del linguaggio naturale. I progressi dell’intelligenza artificiale in questo settore hanno il potenziale per cambiare il modo in cui comunichiamo e interagiamo con il mondo digitale e ChatGPT è sicuramente uno degli strumenti più avanzati per raggiungere questo obiettivo.

In definitiva, ChatGPT è un esempio di come l’intelligenza artificiale può trasformare il modo in cui comprendiamo e usiamo il linguaggio. Sebbene ciò sollevi legittime preoccupazioni, è anche entusiasmante considerare il suo utilizzo nel prossimo futuro in vari campi.

Sebbene ChatGPT sia molto promettente, ha anche dei limiti. Ad esempio, può essere influenzato da bias di dati. Se i dati di addestramento contengono pregiudizi, ChatGPT può riprodurli negli script generati.

>>Leggi anche: Quali sono le promesse dell’intelligenza artificiale?

Inoltre, mentre ChatGPT è in grado di produrre un testo coerente e ben strutturato, non comprende realmente il significato di parole o frasi. Non è in grado di comprendere il contesto o di avere una profonda comprensione degli argomenti in discussione.

Infine, è importante notare che ChatGPT non può sostituire completamente gli esseri umani.

ChatGPT ha smesso di scrivere l’articolo. È così che possiamo davvero vedere i limiti dell’IA: possiamo vedere che ChatGPT non è ancora pronto per sostituire i giornalisti!

READ  A due mesi dal parto, il 16,7% delle donne presenta sintomi di depressione postpartum