Aprile 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Centro Oncopole sta sviluppando una nuova tecnologia per trattare meglio i glioblastomi, tumori cerebrali altamente aggressivi

Il Centro Oncopole sta sviluppando una nuova tecnologia per trattare meglio i glioblastomi, tumori cerebrali altamente aggressivi

Di base
Uno studio clinico condotto a Oncopole apre la strada a un protocollo che combina risonanza magnetica e spettroscopia magnetica per trattare i glioblastomi, tumori cerebrali altamente aggressivi.

La professoressa Elisabeth Moyal è professoressa presso l'Università di Tolosa III – Università Paul Sabatier e direttrice del Dipartimento di Radioterapia presso IUCT-Oncopole. Specializzata nello studio dei tumori cerebrali, ha condotto studi clinici a Oncopole, con il suo gruppo di ricerca presso il Centro di Ricerca sul Cancro di Tolosa (CRCT/Inserm/CNRS/UT3) in collaborazione con il Dipartimento di Neurochirurgia del Centre Hospitalier Universitaire (CHU ) di Tolosa. , su una nuova tecnica di imaging per colpire i gliomi. risultatiIl suo lavoro è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Leggi anche:
Tumori al cervello: l’intelligenza artificiale può sconfiggere il glioblastoma?

È stato dimostrato che la nuova tecnologia MRI può migliorare il trattamento dei glioblastomi. In che misura?

I glioblastomi sono tumori eterogenei e altamente infiltrativi. In lavori precedenti abbiamo mappato le regioni metabolicamente attive del tumore e abbiamo dimostrato che è proprio in questa sede che si verifica la recidiva della malattia. In questo esperimento, abbiamo ipotizzato che la concentrazione di CSC potesse spiegare la recidiva della malattia in questa regione. La sperimentazione clinica ci ha permesso di validarlo.

“Meglio dirigere le azioni del chirurgo”

Leggi anche:
Tumore al cervello: 580mila euro per la ricerca

Com'è andata la prova?

Lo studio è stato condotto su sedici pazienti affetti da glioblastoma. Sono stati operati e poi trattati con radioterapia e chemioterapia, seguiti da risonanza magnetica ogni due mesi. Hanno utilizzato la risonanza magnetica classica preoperatoria con spettroscopia di risonanza magnetica. Questa tecnica ha permesso di guidare le azioni del chirurgo durante la resezione del tumore. Ha eseguito una biopsia della zona metabolicamente attiva e della zona inattiva nel nucleo del tumore e nell'area di infiltrazione attorno a questo nucleo. Queste biopsie sono state inviate alla mia squadra Radobet o Cracket che hanno analizzato la percentuale di cellule staminali in base alla biopsia. Questo ci ha permesso di studiare la velocità di progressione del tumore, ma anche di confrontare diverse espressioni geniche a seconda della zona del tumore studiata. Tutto ciò ha quindi confermato che la regione metabolicamente attiva individuata mediante spettroscopia di risonanza magnetica nella parte infiltrante del tumore era arricchita di cellule staminali di glioblastoma e che queste esprimevano un pannello completo di geni aggressivi rispetto alle cellule staminali. .

READ  Covid: pourquoi le vaccin est inefficace chez les enfants de 5 à 11 ans face au variant Omicron?

Leggi anche:
Progressi nella chirurgia a cielo aperto dei tumori cerebrali

In che modo la combinazione di queste due tecnologie può migliorare la cura dei pazienti affetti da glioblastoma?

La combinazione di queste due tecniche di imaging (MRI e spettroscopia MR) prima dell’intervento chirurgico può consentire un migliore targeting di queste regioni metaboliche dove il tumore è più aggressivo. Tale targeting, sia chirurgico che radioterapico, potrebbe legarsi agli inibitori genetici identificati e migliorare la prognosi di questi tumori altamente aggressivi.