Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

5 miti sull’azione per il clima


Questo articolo fa parte di una rubrica rilevatore di vociClicca qui per altri testi.


Fin dall’inizio, il fatto che questi preconcetti circolino non ha nulla a che fare con il fatto che la maggior parte degli studi e dei ritratti si basano su sondaggi di opinione: dovremmo quindi fidarci di ciò che le persone dicono di fare, piuttosto che di ciò che dicono. Inoltre, le domande poste variano notevolmente da sondaggio a sondaggio: potrebbero ruotare intorno alla percezione delle persone del cambiamento climatico e delle sue cause, o sulle azioni quotidiane o sulle attività attive.

Mythe no 1: I giovani sono i più sensibili alle sfide climatiche.

Sempre più sano. Lui cammina per il clima, preoccupazione ambientaleSciopero per il clima nelle scuole, iniziate le cause Inversione governi… Gioventù Sembra già più sensibile alla lotta ai cambiamenti climatici. molti di studi Nei paesi di lingua inglese specificato A tal fine, i giovani – così come le donne e le persone meno religiose. orientamento politico Può anche avere un impatto sulla loro attività e opinioni, nonché sul livello di istruzione.

Mito 2: i giovani agiscono di più.

Fu. In Quebec, secondo Scala di azione per il clima 2019, un sondaggio nato da una collaborazione tra Unpointcinq E un team di ricerca della Laval University, saranno le generazioni più anziane a essere maggiormente coinvolte: il 74% dei giovani di 18-24 anni afferma di intraprendere azioni quotidiane per ridurre la propria impronta di carbonio mentre il 92% dei 60-69 anni vede di farlo. . secondo Barometro 2020In generale, le donne, le persone di età pari o superiore a 55 anni e coloro che hanno figli hanno maggiori probabilità di adottare misure per ridurre il loro impatto sul clima.

READ  Laboratorio del Dr. Reno | Scienza e natura al servizio della pelle

A quali gesti stiamo pensando? Il Barometro 2020 Rivela la necessità dell’istruzione pubblica, quando la maggior parte degli intervistati dice “fai la sua parte”, ma meno della metà del compost, mangia meno carne, riduce l’uso dell’auto e riduce i viaggi aerei, ovvero quali azioni potrebbero avere il maggiore impatto .

un studi recenti Condotto in Nuova Zelanda e pubblicato in Comunicazioni sulla natura Sottolinea che le persone in generale sono sempre più consapevoli e preoccupate dei cambiamenti climatici, indipendentemente dalla loro generazione. La consapevolezza può essere importante, sapendo che persone anziane è per lo più Maggiore impronta di carbonio dal più piccolo.

Mythe no 3: persone della zona loro sentono Meno preoccupato per le sfide climatiche.

Fu. Il Barometro 2019 Indica che quasi tre quarti delle persone che vivono fuori dai principali centri di Montreal e Quebec ritengono necessario agire contro il cambiamento climatico e che quasi il 90% di queste persone afferma di agire, una proporzione simile alla media del Quebec. Senza contare che un file Le Regioni saranno tra le prime risentono degli effetti dei cambiamenti climatici.

Il Barometro 2020 E fa anche notare che le persone delle regioni sono sovrarappresentate nella fascia “disturbante”, quella fascia di popolazione che trova urgente agire, ma forse è meno coinvolta negli affari rispetto alle “altre classi di cittadini”.

Inoltre, pensare alle azioni intraprese – o meno – dalle persone nelle regioni non deve far dimenticare l’importanza delle azioni intraprese da attori diversi dai singoli: “quando i comuni nelle regioni erodono le coste, o le comunità Inuit cementano le infrastrutture che gli sono dovute allo scongelamento del permafrost, che non è incluso in esso”, osserva Hugues Asselin, coordinatore del Centro di ricerca sull’istruzione e la formazione relative all’ambiente e alla cittadinanza ambientale presso l’UQAM. “L’adattamento fa parte dell’azione per il clima”, spiega.

READ  # FDS2021 Festival della scienza alla stazione biologica di Brocéliande Paimpont venerdì 1 ottobre 2021

Mythe no 4: Le donne si sentono più interessate e più coinvolte

vero. La donna è sana e davvero Altro Condividi sulla questione climatica. Più uomini la pensano così urgente Recitazione (80% contro 68% a seconda di Barometro 2019) ed è più probabile che agiscano e vogliano fare di più (76% contro 65%). NS Numerosi studi l’avevo detto anche io tendenza, incluso il file studio francese A proposito di attivisti per il clima, secondo cui la maggioranza delle donne partecipa al movimento. Va detto che nel mondo, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, Donne essere Più probabilmente Cambiamento climatico: molti di loro dipendono dalle risorse locali (cibo, acqua e carburante) per garantire il proprio sostentamento e quello dei propri figli. nei paesi ricchiSono, ancora oggi, più numerosi a sopportare il peso delle responsabilità familiari e una minore presenza negli ambiti decisionali.

Mythe no 5: I quebecchesi trovano difficile lavorare per il clima.

Fu. Il 59% dei quebecchesi afferma che agire per il clima non è prendere l’iniziativa a Papineau. Tuttavia, non tutti i gesti sono facili. Mentre il riciclaggio o l’uso di prodotti riutilizzabili è adottato dalla stragrande maggioranza, diminuire o diminuire il consumo di carne è considerato più difficile.

Catherine Couturier e O’Reilly Lago Belloin

La prima versione di questo testo è stata prodotta nel 2020 da Unpointcinq, il media per l’azione per il clima in Quebec. Possiamo leggerlo qui.

Foto: SmartCitiesWorld