Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

4 piante che ti aiutano a dormire meglio

4 piante che ti aiutano a dormire meglio

Conti le pecore da ore, ma purtroppo il sonno non ti disturba… Con l'aiuto di Brigitte Magnat, esperta in fitoterapia della marca Douceur Cerise, 20 minuti Ti dà una piccola spinta naturale che ti aiuterà ad addormentarti più facilmente.

Tre piante da portare per addormentarsi più facilmente

1. Fiore della passione. È l'ideale per chi ha “sonno disturbato”, afferma Brigitte Magnat. Con questo professionista si intende “stanchezza” o “stanchezza intellettuale” che può impedirti di dormire più leggero del solito. L'esperto in erboristeria consiglia l'uso della passiflora anche se si ha difficoltà a riaddormentarsi durante la notte. La passiflora, invece, non è consigliata alle donne incinte perché può provocare contrazioni. Per la sua attività sedativa è da evitare anche se si assumono già sonniferi o antidepressivi. Può anche ridurre gli effetti della pillola anticoncezionale.

2. Valeriana. Questo bravo ragazzo della passiflora è un “sostegno” per tutte le persone che hanno difficoltà a dormire normalmente la sera. Attenzione, è una pianta “volubile”, avverte Brigitte Magnat. Con la valeriana fa il doppio o niente, a volte per alcuni funziona subito, per altri niente. “Non insistere se per te non funziona”, prevede l'esperto.

3. Fiori di tiglio. “È un bellissimo gioco classico di rilassamento che in genere è adatto a tutti, anche ai bambini”, afferma l'esperto. Se siete un po' emozionati ed è ora di andare a letto, sentitevi liberi di mescolare i fiori di tiglio con la melissa per una miscela dalle proprietà lenitive. Tuttavia, assicurati di gestire attentamente le dosi. Troppo tiglio uccide il tiglio. Invece di rilassarti, può diventare eccitante.

READ  I tassi di cancro sono significativamente più alti tra gli adulti di età inferiore ai 50 anni

4. Biancospino. Brigitte Magnat la descrive come “un'amica del cuore”. Lo consiglia se soffri di palpitazioni cardiache, ansia o qualsiasi forma di stress che provoca “affaticamento cardiaco”. Questa pianta può anche calmarti e facilitare il sonno.

Piante naturali, sì, ma con moderazione

Solo perché queste piante sono naturali non significa che debbano essere abusate o assunte quotidianamente. L'esperto in fitoterapia avverte: «Non bisogna assumere la dose in modo eccessivo», e prenderla tutte le sere senza fermarsi. “Nel Medioevo si diceva che le piante fossero farmaci, e non era invano. Ognuna di esse ha una funzione ben specifica e deve essere usata con saggezza”, continua l'esperto.

Come tisana, se ne possono bere una o due tazze al giorno per una settimana, consiglia Brigitte Magnat. Sotto forma di gocce, questo sarà un trattamento solo di tre settimane. Negli integratori, infatti, le dosi saranno più concentrate perché il succo proviene da piante fresche. A differenza delle tisane fatte in casa dove le piante spesso sono secche e hanno perso la loro vitalità.

Oltre ad assumere tisane o integratori, l'esperto consiglia comunque di cercare di individuare la causa dei propri disturbi del sonno per sentirsi bene a lungo termine.