Agosto 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

20 anni all’euro: i prezzi sono davvero aumentati con l’abbandono del franco?

primario
I francesi sono convinti che l’euro abbia scosso i manifesti. E che i prezzi generalmente sono aumentati quando il franco è stato abbandonato il 1 gennaio 2002. È vero? Spedire fare il punto di qualcosa.

La famosa baguette di pane! I francesi si sono aggrappati a questo mantra per misurare l’aumento dei prezzi. Convinto che l’euro abbia scosso le etichette, il consumatore associa l’introduzione dell’euro all’inflazione, in particolare sul pane. E con la baguette che si avvicina all’euro nel 2021, i prezzi non sono esplosi. Nel 2002, quando è arrivato l’euro, una baguette non costava un franco come qualcuno pensava, ma costava 4,41 franchi, ovvero 67 centesimi di euro.

Dal 2002, il prezzo delle baguette ha tenuto il passo con l’inflazione del 30%, mentre i prezzi al consumo sono aumentati del 26% tra il 2002 e il 2020, secondo l’INSEE. Il salario minimo è aumentato del 50%! “Non abbiamo assistito a un’accelerazione generale dei prezzi dopo il passaggio all’euro”, ha affermato Sebastian Pfeffer, responsabile dei prezzi al consumo presso l’INSEE. Questa sensazione di costo della vita più elevato, nei primi anni dell’introduzione dell’euro, può essere spiegata con l’arrotondamento dei prezzi all’unità superiore praticata dai commercianti.

Sfiducia permanente nell’euro

Questa pratica ha destato forti sospetti sull’euro, oggi difficile da controllare. “L’effetto arrotondamento è stato chiaramente rialzista per i prodotti acquistati di frequente (pane, pasticcini, caffè)”, conferma l’INSEE. Significativamente inferiore per beni strumentali come grandi elettrodomestici, automobili, immobili, ecc. Tuttavia, questa preoccupazione per un aumento troppo forte dei prezzi è stata misurata solo tra i consumatori fino al 2013. Da allora, questo sentimento ha continuato a diminuire.

READ  da 23.150 €

A Tolosa, le differenze tra l’euro rispetto al dollaro sono attentamente esaminate da Airbus. Infatti, nel 2014, quando l’euro forte è aumentato rispetto al dollaro, Louis Gallois, l’allora presidente di Airbus, ha affermato: “Un aumento di un centesimo dell’euro rispetto al dollaro costa 1 miliardo di euro di reddito operativo per EADS*. ” Da allora, le società emittenti hanno fatto ricorso alla copertura valutaria, che è un’assicurazione per proteggersi dalle fluttuazioni valutarie.

* EADS ora Airbus