Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Vaccini nasali, speriamo di ridurre la trasmissione del virus

Inserito il venerdì 17 settembre 2021 alle 23:46

Sostituire l’ago del vaccino con una siringa nasale: la chiave per eliminare il Covid-19? Lavorando nel sito iniziale dell’infezione, diversi test mostrano risultati promettenti contro la malattia e la sua trasmissione, sebbene siano ancora confermati nell’uomo.

All’inizio di settembre, Inrae e l’Università di Tours hanno depositato un brevetto per un vaccino candidato per somministrazione nasale, dopo risultati promettenti negli animali.

Secondo Isabelle Demiere-Poisson, leader del gruppo di ricerca BioMAP, i test hanno mostrato una “sopravvivenza del 100%” nei topi vaccinati e poi infettati da Covid-19, rispetto a un “tasso di mortalità del 100%” per i topi non vaccinati.

Filippo ha anche sottolineato che “gli animali vaccinati sono protetti al 100% contro le forme sintomatiche ea fortiori da forme pericolose del virus. Hanno pochissimo virus quindi non sono più contagiosi, è una delle preoccupazioni della via nasale”. Mauguin, CEO di Inrae.

Come spieghiamo questi risultati incoraggianti? In un articolo pubblicato a luglio su Science, i ricercatori Frances Lund e Troy Randall ricordano che rispetto ai vaccini intramuscolari, i vaccini intranasali forniscono due ulteriori livelli di protezione.

Il primo è l’IgA, un tipo di anticorpo che svolge un ruolo importante nella funzione immunitaria delle mucose. Il secondo è la formazione di cellule B e T di “memoria” che si trovano nelle mucose delle vie respiratorie e formano una barriera contro l’infezione in queste aree.


“Quando il virus infetta qualcuno, generalmente entra nel naso e l’idea è quella di chiudere la porta d’ingresso”, ha detto Natalie Melkirk, direttore della ricerca presso Inserm, che dirige un team dell’Istituto Pasteur di Lille che sta lavorando su un naso vaccino contro la pertosse.

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite denuncia la disuguaglianza nell'accesso ai vaccini.

“Utilizzando i vaccini intramuscolari, siamo in grado di indurre una risposta immunitaria nelle mucose ma non per troppo tempo e non troppo forte, è più interessante che la vaccinazione venga eseguita a livello nasale”, aggiunge Morgan Pomsel, immunologo, direttore della ricerca presso il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica di Cochin. . Istituto.

– “Come un + booster +” –

Di fronte al virus Covid-19, i vaccini attualmente in commercio offrono una forte protezione contro i casi gravi della malattia, inferiore al rischio di trasmissione.

Vaccinando nel naso, l’idea è quella di combattere il virus ma anche contro la sua diffusione. “Abbiamo meno virus che infettano i polmoni in seguito, e quindi meno forme pericolose perché la carica virale è inferiore e il rischio di trasmissione ad altre persone che possiamo incrociare è inferiore”, spiega Natalie Melkirk.

Ma questi vaccini nasali rimangono, per la maggior parte non ancora valutati nell’uomo, anche se uno è già stato utilizzato negli Stati Uniti contro l’influenza stagionale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, otto vaccini nasali sono attualmente in fase di valutazione clinica, cioè in test sull’uomo, e il più avanzato di questi è quello sviluppato da un gruppo di università e aziende cinesi.

Ci sono anche decine di vaccini nelle fasi precliniche.

In Francia, l’Istituto Pasteur associato a Theravectys Biotechnology, dopo l’emergere di Covid-19, ha sviluppato un vaccino che codifica per l’antigene Spike, la proteina che consente al SARS-CoV-2 di entrare nelle cellule.

“Abbiamo provato diverse vie di somministrazione e osservato, negli studi preclinici, che quando iniettato per via intranasale, abbiamo avuto l’eradicazione completa del virus negli animali”, osserva Laleh Majlesi, direttore della ricerca presso il Joint Laboratory.

READ  Più di 11.000 pazienti in ospedale

Un altro vantaggio di questa iniezione attraverso il naso: impedisce la diffusione del virus nel cervello.

Infine, sarà efficace anche contro le varianti geneticamente più lontane di SARS-CoV 2 (ad es. beta, gamma, delta, brasiliana, sudafricana…), secondo Laleh Majlessi.

Tuttavia, i laboratori hanno bisogno di fondi per sviluppare la loro ricerca su questi vaccini.

Se la maggior parte della popolazione nei paesi ricchi ha già ricevuto vaccini di prima generazione, i ricercatori evidenziano il beneficio dei booster con queste iniezioni intranasali.

“Possiamo vedere che l’immunità provocata dai primi vaccini non dura e siamo determinati a offrire il nostro vaccino come booster+”, offre Laleh Majlesi. Poiché consentono di ridurre la trasmissione del virus, “questo potrebbe consentire un ritorno alla vita prima dell’epidemia, senza gesti di distanziamento sociale e senza mascherine”, vuole credere persino a Isabelle Demiere Poisson.