Settembre 26, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uno studio multigenerazionale mostra un legame familiare tra iperattività e morbo di Alzheimer

Sebbene i meccanismi di trasmissione genetica, comuni nel disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e nel morbo di Alzheimer, siano tutt’altro che provati, un team di ricercatori svizzeri ha appena segnalato un’associazione tra queste due malattie, studiando un gruppo di oltre due milioni di persone Persona. legati ai loro genitori biologici.

Sarai interessato anche a te


[EN VIDÉO] Presto un esame del sangue per rilevare il morbo di Alzheimer?
Presto sarà possibile fare un esame del sangue per il morbo di Alzheimer nello studio del tuo medico.

Disturbo da deficit di attenzione con Iperattività È un disturbo comportamentale infantile che può persistere fino all’età adulta. Questa malattia colpisce il 5% dei bambini in tutto il mondo e il 2,5% degli adulti. È caratterizzato da sintomi inappropriati di disattenzione, impulsività e irrequietezza psicomotoria (iperattività). Il Il morbo di Alzheimer che è Malattia neurodegenerativa Caratterizzato da deterioramento cognitivo e perditaAutonomia Che porta a malattia mentale. È associato all’invecchiamento e può comparire dall’età di 60 anni (prevalenza tra il 5 e il 7% a livello mondiale nelle persone di età pari o superiore a 60 anni).

Qual è il ruolo della genetica nell’ADHD e nella malattia di Alzheimer?

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un Malattia neurologica È complesso e molti fattori contribuiscono al suo verificarsi. che è Malattia genetica Sembra che molti Genova intervenire nel suo sviluppo. Inoltre, la quotagenetica Nel Il morbo di Alzheimer Rimane raro con meno dell’1% dei casi legati alla causa ereditario (mutazione in alcuni geni di predisposizione).

I possibili meccanismi dell’associazione tra queste due malattie non sono stati dimostrati, tanto più che Diagnosi Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è una sfida nonostante la maggiore consapevolezza e conoscenza di questo disturbo negli ultimi anni.

READ  La data science è uno sport di squadra, come si scelgono i giocatori giusti?

È stata avanzata l’ipotesi dell’ereditarietà condivisa, sebbene non sia stata dimostrata alcuna variante genetica comune. Tuttavia, uno studio del 2015 pubblicato su American Journal of Medical GeneticsSi suggerisce che i polimorfismi nucleotidici possano svolgere un ruolo nelle basi molecolari dell’ADHD negli adulti. Inoltre, queste differenze saranno localizzate all’interno o vicino ai geni coinvolti nei processi di Malattie neurologiche.

Schema schematico di un polimorfismo a singolo nucleotide: variazione della singola coppia di basi del genoma. © David Eccles, Wikimedia CommonsCC di-sa 4.0

Legame tra disturbo da deficit di attenzione e iperattività e morbo di Alzheimer

studio reggimento Multigenerazionale in Svezia e pubblicato questo mese in Giornale dell’Associazione Alzheimer. L’obiettivo era esaminare se i genitori più anziani di persone con ADHD fossero stati diagnosticati malattia mentale. Sulla base di vari registri nazionali – che riportano nascite, dati dei pazienti, cure e decessi – sono state tracciate più di 2 milioni di persone nate tra il 1980 e il 2001, di cui oltre il 3% con diagnosi di ADHD. Queste persone sono state poi collegate ai loro genitori biologici (genitori, nonni, zii e zie) al fine di rilevare potenziali legami familiari tra ADHD e Il morbo di Alzheimer.

Gli autori dimostrano un’associazione tra l’ADHD e il morbo di Alzheimer attraverso le generazioni. I parenti delle persone con ADHD hanno un rischio maggiore di malattia di Alzheimer rispetto ai parenti delle persone con ADHD. Questa associazione diminuisce al diminuire della parentela genetica (parenti di secondo grado).

Sebbene in questo studio non sia stata dimostrata una relazione causa-effetto, gli autori hanno suggerito meccanismi che spiegano queste associazioni. Varianti genetiche non ancora dimostrate, fattori di rischio ambientale o impatto sulla salute fisico L’ADHD indotto può a sua volta aumentare la demenza e tutte le ipotesi che sono state sviluppate in questo studio. I ricercatori hanno anche suscitato interesse nell’esplorare queste diverse strade nella ricerca futura.