Giugno 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uno squilibrio amministrativo porta a un vero e proprio fallimento dello Stato

Uno squilibrio amministrativo porta a un vero e proprio fallimento dello Stato

[Article mis à jour le 23/03/2023 à 19h45]

Un segnale poco gradito, a pochi giorni dall’adozione della Legge sull’accelerazione delle energie rinnovabili: mentre il governo ribadisce la volontà di semplificare le procedure per l’installazione di queste infrastrutture di produzione a basse emissioni di carbonio, l’ultimo bando di le gare per l’eolico onshore, di cui sono stati proclamati gli esatti vincitori, un fiasco storico.

In realtà, Su 925 megawatt (MW) chiamati (l’equivalente del doppio del parco marino di Saint-Nazaire), solo 54 MW È stato determinato, ovvero è stato inviato poco più del 5% dei file! Nella domanda: un difetto nella forma in cui era. Può essere evitato ‘, secondo diversi professionisti che ha intervistato Tribuna. Ma chi non lo era? mancanza di mezzi Stimano, ritardando di diversi mesi la consegna delle capacità in questione, che sarebbero state pronte dall’inverno del 2024. Ciò che aggrava il ritardo in termini di energie rinnovabili in Francia, che è già in ritardo rispetto ai suoi obiettivi. Ma deruba anche lo stato di potenziali entrate, in un momento in cui i prezzi dell’elettricità continuano a salire sui mercati.

Mancanza di pedagogia?

In termini specifici, il problema nasce da ” Una banale questione procedurale “Ha detto Corentin Sivy, responsabile dello sviluppo per l’operatore di parchi di energia rinnovabile BayWa.re France. Alcuni mesi fa, le specifiche per le richieste di offerta sono state modificate, al fine di rafforzare le garanzie finanziarie che gli operatori di parchi eolici devono fornire.” Poiché i progetti richiedono tempo per dare i loro frutti, l’idea era di evitare che il produttore potesse uscire troppo presto dal suo contratto con lo Stato per poter acquistare e vendere a tassi più vantaggiosi. Proprio qui: la stragrande maggioranza dei candidati non aveva incorporato questo nuovo requisito, il che ha comportato il rifiuto della loro candidatura.

“I difetti di corrispondenza riguardano principalmente i modelli di garanzie finanziarie proposti dai candidati, che sembrano essere stati oggetto di errata interpretazione da parte di alcuni dei candidati dopo una modifica apportata al disciplinare applicabile al periodo in corso”. La Commissione per la regolamentazione dell’energia (CRE), l’autorità amministrativa indipendente responsabile del controllo dei file, ha scritto, nelle sue deliberazioni.

Ma questo ciarlatano rivela Problema profondo afferma Nicholas Goldberg, specialista in energia presso Columbus Consulting. ” Il lavoro educativo non è stato svolto dai responsabili del progetto, il che avrebbe evitato questa complicata situazione aggiunge Matthias Vandenbulke, direttore della strategia per il consorzio France Energie Eolienne. ” Avremmo dovuto comunicare meglio con gli sviluppatori, ma anche con tutta la buona volontà del mondo, CRE non ha abbastanza personale per farlo. È pieno di un formatore in energie rinnovabili che ha chiesto di non essere nominato. La mancanza di risorse umane come sottolinea Corentin Sevey:

CRE si è resa conto all’inizio di febbraio che la maggior parte dei periodi di garanzia sembravano troppo brevi rispetto alle nuove specifiche. Se la DGEC diff [Direction générale de l’Énergie et du Climat, ndlr] Se ne avessero avuto il tempo, avrebbero potuto arbitrare diversamente, semplicemente contattando gli sviluppatori per chiedere loro di modificare il certificato in questione. Avrebbero fatto una telefonata alla banca, steso un girata, pagato 1500€ e il caso sarebbe stato risolto entro 2 ore! “, lancio.


Tutto sommato, CRE organizzato Officina Due ore sono aperte a chiunque desideri spiegare queste modifiche alle specifiche. Finalmente, UN SuccessivoIl DET avrebbe potuto decidere di ricercare alcuni dei capi progetto respinti (a differenza del CRE, che non ha il diritto di farlo), ma” Non l’ha fatto nota una fonte a conoscenza della questione.

READ  Le recul de Wall Street a étouffé le rebond des actions in Europa - 26/04/2022 alle 20:57

Meno entrate per gli enti pubblici

Tuttavia, questa capacità aggiuntiva avrebbe potuto portare molto denaro allo Stato, supponendo (molto probabilmente) che i prezzi dell’elettricità fossero ancora alti. Infatti, i contratti prevedono compensi economici agli operatori delle energie rinnovabili quando i prezzi di mercato sono inferiori al prezzo obiettivo fissato durante le gare, al fine di incoraggiarne lo sviluppo… ma anche, in cambio, per pagare l’eccedenza al autorità pubbliche quando tali prezzi sono più elevati.

Tuttavia, i megawattora pre-acquistati e consegnati entro la fine del 2024 sono attualmente scambiati per oltre 200 euro sulla borsa Epex, contro un prezzo di media tenuta di 76 euro per megawattora per chiamare il vento per le gare in questione . ” Rifiutando quasi tutte le pratiche, il Paese si è potenzialmente privato di introiti per milioni di euro Corentin Sivy.

Vai “da tre mesi a tre settimane” di elaborazione dei file

In queste circostanze, il Comitato Investimenti ha chiesto al management, all’inizio di febbraio, di lanciare quanto prima un nuovo invito a presentare offerte. Giusto Da parte sua, l’autorità esecutiva si è prefissata un obiettivo. Avere nuovi vincitori all’inizio di giugno “, ricordando che il tempo di istruzione” Si basa su CRE Il risultato: i progetti di parchi eolici pianificati per l’inverno del 2024 vedranno la luce più di due mesi dopo la data inizialmente prevista, nella migliore delle ipotesi.

“È più di una botta, come emerge dalla cosiddetta legge dell’accelerazione, in cui il sistema elettrico si trova in difficoltà, e per i prossimi 15 anni almeno, saranno le energie rinnovabili ad avere l’onere di compensare per questa mancanza di produzione se non vogliamo ricorrere ai fossili”, osserva Matthias Vandenbulke.

Tuttavia, il direttore della strategia Eolienne di France Energie è ottimista. ” Dovremmo cogliere l’occasione per interrogarci sulle priorità, e finalmente mettere insieme una vera spinta di accelerazione! dice. In altre parole, Pubblica immediatamente il presente bando bis “e altri” Passa da 3 mesi a 3 settimane per curarlo Ha continuato. Quindi la palla è dalla parte del governo, determinato a “ Fai le cose più velocemente Lo diciamo al Dipartimento per la Transizione Energetica.

READ  Jeff Bezos diventa ancora una volta l'uomo più ricco del mondo e detronizza Elon Musk per 2 miliardi di dollari