Giugno 14, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Una nuova emergenza all’orizzonte in Europa prima del discorso di Powell – 26/08/2022 alle 08:52

In apertura si sono registrate le più importanti borse europee

In apertura si sono registrate le più importanti borse europee

di Claude Shingo

PARIGI (Reuters) – Le principali borse europee hanno indicato un rally in apertura venerdì in vista del tanto atteso discorso del presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell al simposio di Jackson Hole mentre persiste l’incertezza sul ritmo del rally della banca centrale . Tassi di interesse nel contesto delle preoccupazioni per la situazione economica.

I futures su indici puntano a un aumento dello 0,37% per il CAC 40 a Parigi, così come per il DAX a Francoforte. Il FTSE 100 a Londra dovrebbe aumentare dello 0,26% e l’EuroStoxx 50 potrebbe aumentare dello 0,41% in apertura.

Rafael Bostic, un funzionario della Federal Reserve, ha dichiarato giovedì di aver diviso su un aumento di 50 o 75 punti base dei tassi della banca centrale statunitense a settembre, dopo un aumento di 225 punti del costo del credito da marzo, mentre si teme sempre una recessione nel Stati Uniti. Stati.

Tuttavia, la seconda stima del PIL statunitense per il secondo trimestre ha mostrato una contrazione leggermente inferiore a quella inizialmente prevista (-0,6% tasso annualizzato contro -0,9% nella prima stima).

Gli investitori guarderanno al discorso di Jerome Powell, previsto per le 14:00 GMT alla conferenza annuale dei banchieri centrali, per determinare se è probabile che il rallentamento economico alteri la strategia della banca centrale statunitense, affermano gli analisti.

Nel frattempo, sembra che gli investitori stiano scegliendo di assumersi dei rischi e continuare ad acquistare a buon mercato, in particolare i principali titoli tecnologici, che rimangono sensibili all’aumento dei tassi di interesse.

READ  Renault: leggero aumento dell'orario di lavoro in Francia per sostenere le prestazioni

“Il mercato è ora una sorta di pio desiderio che la Fed si salverà in caso di problemi”, ha affermato Todd Lowenstein, analista azionario di Union Bank. Tuttavia, ritiene che la banca centrale statunitense sarà impegnata nella sua lotta contro l’inflazione.

Wall Street

Giovedì la Borsa di New York ha chiuso in rialzo, guidata dai titoli tecnologici a causa del calo dei rendimenti obbligazionari prima del discorso di Jerome Powell.

Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,98% a 3.3291,78 punti, il più ampio indice S & P-500 è aumentato dell’1,41% a 4.199,12 punti e il Nasdaq Composite è aumentato dell’1,67% a 12.639,27 punti.

In Asia

La Borsa di Tokyo ha chiuso in chiusura venerdì, sulla scia di Wall Street e delle azioni tecnologiche. La media del Nikkei è aumentata dello 0,57% a 2.8641,38 punti e il più ampio Topix è aumentato dello 0,14% a 1979,34 punti.

In Cina, l’indice Shanghai SSE Composite è salito dello 0,14% e l’indice CSI 300 dello 0,08%, guidato dai rapporti del Wall Street Journal secondo cui Washington e Pechino sono vicine a un accordo che consentirà alle autorità statunitensi di recarsi a Hong Kong per rivedere i record di audit. Società cinese quotata a Wall Street.

L’indice Hang Seng di Hong Kong ha guadagnato lo 0,49%, mentre la Borsa di Seoul ha guadagnato lo 0,15%.

modificata

Il rendimento del Tesoro a 10 anni è leggermente aumentato al 3,0425% e il rendimento a 2 anni ha raggiunto il 3,3803% poiché la probabilità di un aumento del tasso della Fed a settembre di 75 punti base è ora del 60% sui mercati.

Il rendimento dell’obbligazione tedesca a 10 anni, benchmark per l’eurozona, è uscito venerdì all’1,233%, quasi invariato rispetto alla chiusura di giovedì.

READ  Insolito: un tonno rosso di 212 kg è stato venduto per 257.000 euro in una grande asta a Tokyo

i cambiamenti

Il dollaro USA è salito leggermente, dello 0,11%, contro un paniere di valute principali, mentre le valute esposte alle materie prime come il dollaro australiano e il dollaro neozelandese sono scese rispettivamente dello 0,3% e dello 0%, del 48% dopo la forte ripresa del precedente giorno.

L’euro è in calo dello 0,11% e viene scambiato a $ 0,9963, incapace di salire permanentemente al di sopra della parità con la valuta statunitense da lunedì.

La sterlina è scesa dello 0,27% a $ 1,1806 quando Ofgem, l’autorità britannica di regolamentazione dell’energia, ha annunciato venerdì un aumento dell’80% del tetto dei prezzi dell’energia per i consumatori da ottobre, portando la bolletta annuale della famiglia a una media di £ 3.549 (4.203 euro).

olio

Venerdì il prezzo del petrolio è tornato a salire, dopo aver perso circa $2 il giorno prima, in risposta alle aspettative di una continua stretta monetaria negli Stati Uniti, che potrebbe incidere sulla domanda di greggio e alla possibilità di una ripresa delle esportazioni iraniane in un contesto di ripresa dal un accordo sul suo programma nucleare. I guadagni sono limitati, tuttavia, in attesa di un discorso di Jerome Powell.

Il greggio Brent è salito dell’1,01% a 100,34 dollari al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate WTI) dell’1,09% a 93,53 dollari al barile.

(Montaggio di Claude Shingo, Montaggio di Kate Enteringer)