Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Una gara di scialpinismo “vero falso” tra Francia e Italia

Una gara di scialpinismo “vero falso” tra Francia e Italia

224 partecipanti francesi e italiani prenderanno il via con gli sci da alpinismo questa domenica 26 marzo, dalle alture di Valfrages in Savoia, per la 16a “Traversata dei Re Magi”. La direzione è condivisa tra il Monte Tabor e il Piemonte italiano, i vicini alpini delle Alpi, per il divertimento di una gara di sci alpinismo.

“Il piccolo mondo dei migliori atleti che scuoiano a 1.200 o 1.500 metri all’ora è composto da 500-600 persone. D’altra parte, per quelli come noi che vanno da 500 a 600 metri all’ora, ciò significa migliaia di persone!” Xavier Lett, uno degli ideatori e attuale direttore della “Traversée des Rois Mages”, giustifica il numero record di partecipanti registrati per questa 16a edizione: un totale di 224 persone, che lasceranno Valfréjus questa domenica 26 marzo.

16 anni fa nasceva questo raduno come gara di scialpinismo: vie, ramponi, corridoi di arrampicata… Ma dopo un po’, non si superavano gli 80 o 90 partecipanti, e poi si è verificata una specie di inflazione. Numero di gare, abbiamo rivisto i nostri piani. Più che una gara di ‘pipette appiccicose’, ci siamo detti. (Scialpinisti agonisti, ndr) E’ bene cercare di soddisfare la crescente domanda del pubblico che vuole andare a sciare in tutta sicurezza.

Ovviamente una scelta saggia visto che questa 16a edizione è stata gremita di partecipanti. Più di trenta voci hanno dovuto essere respinte. Questo entusiasmo è condiviso su entrambi i versanti delle Alpi.

READ  Grida in Italia mentre DAZN va giù

“Da parte nostra, non abbiamo mai avuto così tante richieste”., spiega Chiara Nervo dal suo rifugio nei pressi di Bartonechia in Piemonte. “Dalla Val de Sousa(Valle dal Traforo del Fréjus a Torino), Ma da Torino, e da Cuneo… due giorni dopo l’inizio delle registrazioni, avevamo già il tutto esaurito”.

Alla fine, gli italiani saranno 65 dei 224 partecipanti che partiranno da Valfréjus domenica dalle 7 del mattino. In questa versione della Traversée des Rois Mages ci sono alpinisti di età compresa tra gli 11 e i 74 anni, una soglia alta per mantenere il giusto livello di sicurezza.

“I giovani di solito vengono con i loro genitori, che per lo più sono già addestrati. Ma ci sono sempre persone che sono nel panico e in difficoltà. Ecco perché partiamo alle 7 del mattino, questo dà a tutti spazio per passare. Pass.”Xavier Lett spiega.

Il percorso è seguito da 18 guide, dieci delle quali dotate di radio, affinché questo crocevia dalla Francia all’Italia non diventi una stazione crucis per i meno esperti. Personale di sicurezza rafforzato da alcuni partecipanti. Quest’anno tra gli iscritti ci sono due medici, tre tracker e due guide alpine. Anche se le previsioni del tempo di domenica hanno costretto l’azienda a mantenere solo uno dei tre percorsi previsti, ce n’era uno promettente per tutti: il percorso attraverso la stretta valle.

Una valle stretta, (o Valle Stretta, come dicono i piemontesi) che, ogni anno, è il passaggio dei Re Magi. È a questo punto, dopo aver attraversato la catena montuosa, che inizia la seconda parte di questo incontro tra savoiardi, hauts-alpins e piemontesi: tutti si riuniscono attorno ai tavoli di due rifugi in una piccola valle alle porte di Bardonecchia.

READ  La Norvegia non ha faticato, settima vittoria consecutiva record nella staffetta, l'Italia quinta perfetta

“Questo giorno d’incontro non ha nulla a che fare con il brindisi duo”Xavier Lett spiega. “Questo è un vero atto di cooperazione transfrontaliera. Entrambi al di sopra del sistema, durante l’attraversamento. Tra vicini di confine, facciamo cose insieme, non solo mangiamo. Anche se vogliamo mantenere il lato amichevole di questa giornata. . “

Dall’altra parte del confine, se siamo felici di essere riusciti a stabilire questa “traversata dell’amicisia”, uno dei valichi più antichi tra Francia e Italia, abbiamo l’ennesima rivincita. I nostri amici francesi.

“Quando si siedono intorno al tavolo del mio rifugio, i francesi fanno meno fatica a parlare italiano di noi. Lo sottolinea Ciara Nervo, titolare del rifugio “I Re Magi”. Tra vicini, ognuno dovrebbe sforzarsi di saper parlare la lingua dell’altro: ed è una buona occasione per partecipare alla traversata».