Luglio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Una battuta d’arresto per Pechino a Taiwan

Una battuta d’arresto per Pechino a Taiwan

Pubblicato il 24 novembre 2023 alle 17:49Aggiornato il 24 novembre 2023 alle 18:37 ET.

È un terremoto politico che da Parigi potrà sembrare lieve, ma che disturberà molto Pechino. Preannuncia tensioni tra Cina, Taiwan e il suo alleato americano nei prossimi mesi. A Taiwan, i candidati dei due principali partiti di opposizione, favorevoli alla pacificazione o addirittura al compromesso con Pechino, venerdì hanno stracciato in modo spettacolare l’accordo che avrebbe permesso loro di competere insieme alle elezioni presidenziali previste per il 13 gennaio.

Il candidato del KMT Hu Yue e il candidato del TPP Ko Wen-ji non sono riusciti a mettersi d’accordo su chi si sarebbe candidato alla presidenza e chi sarebbe stato solo vicepresidente contro il candidato presidenziale del partito. Potere, Partito Democratico Progressista, attuale vicepresidente Lai Ching-te. I due uomini si sono scambiati parole dure e insulti in diretta giovedì sera durante un dibattito televisivo. Quindi hanno registrato la loro domanda separatamente venerdì mattina, poco prima della scadenza.

Pechino esprimerà la sua insoddisfazione

Che apre una strada che conduce a Lai Ching-te. Ciò è carico di significato geopolitico, perché il Partito Democratico Progressista è determinato a opporsi ai tentativi del regime cinese di integrare eventualmente “l’isola ribelle”, volontariamente o con la forza. Inoltre, la stragrande maggioranza dei taiwanesi non vuole essere assorbita dal regime comunista ad ogni costo. Lai Cheng Te era sicuramente in testa nei sondaggi negli ultimi mesi, con il 35% dei voti, ma era vulnerabile a un’alleanza tra Ho Yu-Ah, che ha ottenuto il 17,8%, e Ku ​​Wen-Te, che ha ottenuto il 17,1%. Mentre l’11,6% dei voti è andato al miliardario Terry Joe (che venerdì ha annunciato la sua resa).

READ  Il Washington Post ha affermato che l’esercito israeliano ha utilizzato armi al fosforo bianco nel sud del Libano

Pechino, che considera Taiwan parte del suo territorio in quanto è stata sotto la sua sovranità dal 1683 al 1895, è profondamente ostile al DPP e ha interrotto i contatti ad alto livello con il governo della presidente uscente Tsai Ing-wen. . Le forze navali e aeree cinesi si avvicinano quotidianamente allo spazio e alle acque di Taiwan, stancando i nervi dei piloti dell’isola, costretti a decollare per effettuare missioni di intercettazione.

L’estate scorsa, il regime cinese definì Lai Ching-te un “piantagrane” e lo accusò di voler dichiarare l’indipendenza formale di Taiwan, che porterebbe automaticamente alla guerra, nonostante l’impegno a mantenere lo status quo dal 1949. All’epoca, il regime cinese le forze del Partito nazionalista Kuomintang si erano ritirate nell’isola dopo la sconfitta nel continente da parte di Mao Zedong.

Caso strano

Taiwan, ufficialmente conosciuta come la “Repubblica di Cina”, si trova in una strana posizione, perché pretende ancora, fittiziamente, di rappresentare tutta la Cina, ma è stata riconosciuta come stato sovrano solo da una dozzina di piccoli paesi che possono permetterselo. essere indifferente alla Cina. . Proteste di Pechino.

Gli occidentali lo riconoscono solo come uno “Stato sovrano di fatto” o “un’entità con diritto all’autodeterminazione”, anche se Washington non esclude il suo sostegno militare in caso di invasione… Ciò che rende la questione più complicata è che Pechino è il primo partner economico della Turchia. Taiwan, senza dubbio un modo per portarlo al rinascimento. Il gruppo di Terry Gu, Foxconn, uno dei principali subappaltatori di Apple, ad esempio, è molto attivo nella Cina continentale e il suo ritiro dalle elezioni presidenziali è stato senza dubbio ordinato da Pechino, che non vuole vedere le voci dell’opposizione.

READ  Le forti piogge provocano inondazioni mortali a Kinshasa

Sollievo per Washington

Se la spartizione del “biglietto” tra i principali candidati dell’opposizione rappresenta un passo indietro per Pechino, costituisce logicamente un “sollievo per Washington”, come conferma Zhou Zhao-hsiang, professore dell’Università nazionale di Taiwan. Il candidato preferito, Lai Ching Tee, è noto per essere filoamericano; Il suo candidato alla vicepresidenza è anche un ex ambasciatore negli Stati Uniti. Dobbiamo anche aspettarci che Pechino alzi la voce da qui al 13 gennaio e aumenti la sua temibile posizione militare nello stretto lungo 160 chilometri che separa l’isola dal continente.

Il presidente cinese Xi Jinping è ossessionato da Taiwan, in seguito alla reintegrazione di Hong Kong nella madrepatria. Il che, salvo l’elezione di un candidato dell’opposizione disposto a negoziare la reintegrazione, fa presagire un giorno l’invasione dell’isola, che conta solo 24 milioni di abitanti (ma è cruciale per l’industria globale dei semiconduttori) da parte della Cina, che ha una popolazione di 1,45 miliardi di abitanti. La seconda economia più grande del mondo.

Si suppone che l’esercito di Pechino sia il secondo al mondo in termini di numero ed equipaggiamento, ma nessuno conosce il suo valore in combattimento, poiché nessuno dei suoi soldati è stato colpito dal fuoco dal 1979, in Vietnam.