Ottobre 5, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Un naso elettronico per battere gli effetti?

Un naso elettronico per battere gli effetti?

Gli scienziati stanno cercando di sviluppare uno strumento per superare gli effetti della perdita olfattiva, che si riscontra particolarmente nei casi di malattia prolungata da Covid-19.

Richard Costanzo dirige il Dipartimento di Fisiologia e Biofisica della Commonwealth University in Virginia, negli Stati Uniti. Da 40 anni studia casi di anosmia, cioè perdita parziale o totale dell’olfatto.

E il verificarsi della pandemia di Covid, che ha portato alla sua forte diffusione Eccessiva perdita dell’olfattoGli diede un altro motivo per voler combattere i suoi effetti.

Il naso robotico: un progetto ambizioso

L’idea è di sviluppare una protesi per sostituire i sensori olfattivi. Questo non è facile, perché piace Ci ricorda Le PointQuasi 400 tipi di questi sensori sono in grado di distinguere 1.000 miliardi di profumi.

Con l’aiuto di Daniel Coelho, professore specializzato in otorinolaringoiatria, vuole così “cortocircuitare” questo sistema incredibilmente complesso. Era già necessario scegliere il sensore di odore, che in questo caso è una tecnologia basata su materiali semiconduttori sviluppata da altri laboratori. Basti pensare che l’opera è gigantesca perché gli strumenti a disposizione finora non sono in grado di riconoscere più di qualche decina di profumi.

Trasmissione di segnali al cervello

Ma poi, come garantire che i segnali vengano inviati a un file cervello ? La via di segnalazione olfattiva è complessa. Sono i chemocettori nel naso che forniscono la trasmissione ai bulbi olfattivi situati dietro la cavità nasale. Una volta elaborato, viene rimandato ad altre parti del cervello dedicate, tra le altre cose, alla memoria e alle emozioni.

Resta solo da sapere in quali parti del cervello vengono trasmessi i segnali captati dal naso robotico. Nel frattempo, quello che è certo è che gli impianti cocleari come quelli già utilizzati per migliorare l’udito saranno responsabili del trasferimento.

READ  I 10 articoli consigliati dalla redazione di Pour la Science

Secondo i ricercatori, esso “Ci vorranno altri 10-15 anni per consegnare una protesi funzionale”. Altri ricercatori scommettono sulle cellule staminali per il “riavvio” Aree colpite dal virus covid.