Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Twisted Fury: la scienza dietro il tornado EF-4 che ha devastato l’Iowa

Twisted Fury: la scienza dietro il tornado EF-4 che ha devastato l’Iowa

Vista satellitare dei danni causati dal tornado a Greenfield, Iowa, catturata il 25 maggio 2024 da Operational Land Imager su Landsat 8.

Durante una delle stagioni dei tornado più attive negli Stati Uniti, un potente tornado EF-4 ha devastato Greenfield, Iowa, con venti che hanno raggiunto i 185 mph. Il devastante tornado ha distrutto case, rovesciato turbine eoliche e linee elettriche, spezzato alberi e strappato tetti.

Questa è stata una delle stagioni di tornado più trafficate negli Stati Uniti da anni. Al 28 maggio, i meteorologi del Servizio Meteorologico Nazionale hanno confermato 875 tornado. Uno dei tornado più forti e distruttivi è stato un potente tornado che si è formato nell’Iowa sudoccidentale il 21 maggio 2024. Il tornado ha tracciato una linea di distruzione per circa 44 miglia e ha attraversato la città di Greenfield, Iowa.

Il tornado faceva parte di una serie di tornado che si formarono quando un fronte freddo produsse una linea di forti temporali che attraversarono il Midwest. Una tempesta particolarmente grande e lunga con correnti ascensionali rotanti (supercella) ha prodotto un tornado EF-4, che ha colpito Greenfield con venti massimi sostenuti di 185 miglia (300 chilometri) all’ora.

Valutazione dei danni

Il percorso dei danni attraverso Greenfield è visibile in questa immagine, scattata il 25 maggio 2024 utilizzando OLI (Operational Land Imager) su Landsat 8. Secondo i rapporti sulla tempesta pubblicati da NoèAl Toronto Storm Prediction Centre, il tornado mortale ha distrutto case, rovesciato turbine eoliche e linee elettriche, spezzato alberi e strappato tetti.

Le immagini satellitari del sistema tempestoso che ha preceduto l’uragano hanno fornito sottili indizi sulla devastazione imminente. Dati sulla temperatura di luminosità mostrati di seguito, acquisiti con MODIS (spettroradiometro per immagini a risoluzione moderata) in funzione NASAIl satellite Aqua è stato raccolto circa un’ora prima che il tornado colpisse Greenfield. Le cime delle nuvole bianche e viola chiaro sono più fresche delle cime delle nuvole viola scuro e gialle.

I dati sulla temperatura e sulla luminosità sono stati catturati il ​​21 maggio 2024 dallo spettroradiometro per immagini a risoluzione moderata sul satellite Aqua della NASA.

L’importanza delle formazioni nuvolose

Notare le aree più fredde (più bianche) sulle superfici delle nuvole. Si tratta di cime nuvolose prominenti: creste a forma di cupola di nuvole temporalesche guidate da correnti convettive ascensionali. Queste nubi possono sollevarsi oltre la tropopausa e la porzione di incudine di una nube temporalesca, a volte penetrando nella bassa stratosfera.

READ  Varcare le soglie planetarie e l'ingiustizia sociale

Secondo Christopher Bedka, uno scienziato atmosferico del Langley Research Center della NASA, il picco che si estendeva a sud-ovest di Greenfield era il picco più freddo e più grande presente in Iowa all’epoca. “Ciò significa una tempesta ben organizzata con una forte corrente ascensionale”, ha detto Bedka. “Quando questo tipo di corrente ascensionale inghiotte una massa d’aria altamente instabile con un ampio wind shear verticale, spesso si producono tornado catastrofici e grandine di grandi dimensioni”.

Progressi nella previsione delle tempeste

I ricercatori tengono d’occhio le nuvole sovrastanti e altre caratteristiche che avvertono della presenza di tornado, grandine dannosa e fulmini intensi. Bidka e altri scienziati della NASA hanno sviluppato tecniche automatizzate innovative per identificare rapidamente queste caratteristiche nelle immagini satellitari.

“Abbiamo applicato queste tecniche ai record di dati satellitari geostazionari a lungo termine per determinare la frequenza e il rischio di forti tempeste”, ha aggiunto Bedka. “Ciò ci ha permesso di fornire al settore della riassicurazione informazioni nuove e altamente dettagliate sull’attività e sui rischi delle tempeste violente, che sono particolarmente preziose nei paesi in via di sviluppo che non dispongono di copertura radar meteorologica”.

Immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Michala Garrison, utilizzando i dati Landsat dell’USGS e i dati MODIS della NASA EOSDIS LANCE e GIBS/Worldview.