Maggio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

TOP 14 – “Non credo di essere un sognatore”: fine stagione con USAP, management, impegno personale, segreti di Frank Azeema

TOP 14 – “Non credo di essere un sognatore”: fine stagione con USAP, management, impegno personale, segreti di Frank Azeema

Due giorni dopo la grande vittoria allo stadio Montpellier (20-25), Frank Azima ha accettato di sedersi per 45 minuti per analizzare le notizie del club. L'allenatore dell'USAP parla della sua squadra, delle potenziali qualifiche e del suo approccio alla gestione. Senza avvolgimento.

Dopo la vittoria di Montpellier (20-25), la permanenza tra le prime 14 è diventata quasi certa. L’USAP è riuscita nella sua missione?

Avrai successo quando sarà fatto matematicamente. Oggi il nostro obiettivo è guardare avanti alla prossima partita contro il Clermont (Sabato 11 maggio ore 15, ndr). è la verità. Stiamo vivendo una bella dinamica positiva ed è importante farla crescere e continuare a mantenerla. Ma quando sei un allenatore sai benissimo che potresti perdere le prossime quattro partite e giocarne le successive 13H posto. Quindi non vedo perché dovremmo discostarci da questo. Dobbiamo garantire la manutenzione. Ma questo non ci impedisce di guardare avanti.

All'inizio della stagione ero l'unico, al Midi Olympique, a pronosticare che l'USAP sarebbe stato tra i primi sei del campionato a fine stagione. Cosa te lo ha fatto pensare?

È legato alla mia personalità e alla mia conoscenza delle persone intorno a me. Conosco la formazione che abbiamo. Forse questo è troppo ambizioso. Ma non credo di essere un sognatore.

Esattamente qual era l'obiettivo che si era presentato internamente ad inizio stagione?

Lavora sempre e concentrati sulla prossima partita.

Dopo le prime quattro partite perse, hai cambiato retorica o obiettivo?

No, non è cambiato assolutamente nulla.

Dopo un inizio di stagione perso, ha chiesto un po' di tempo libero. Era questo il tempo necessario per creare integrazione nel gruppo?

È difficile da dire. In generale, dicono che ci vogliono 18 mesi per cercare di far sì che qualcosa inizi a trattenere l'acqua. Quindi siamo ancora lontani da ciò. Ma questo era chiaro con la Coppa del Mondo (9 giocatori assenti, ndr) E tutti i cambiamenti nel gruppo non avverranno in un batter d'occhio. Era un passo necessario. Ci sono stati sprechi e perdite, sì. Spero che non ci sia nulla.

Come valuti i progressi della squadra?

Trovo che tutti, in tutti i settori, abbiano voglia di migliorare. Nel modo in cui giochiamo, in difesa, in apertura, nella preparazione medica e fisica. Tutti hanno l'ambizione di aiutare ogni giocatore a progredire, coltivare se stesso, imparare e restituire qualcosa alla squadra. Importante.

READ  Le trophée gagné par le XV de France at-il fini au fond de la Seine ?

C’è stata una svolta in qualche momento della stagione?

Non so se c'è un fattore scatenante. Penso che sia arrivato nel corso di settimane, grazie all'investimento di tutti. Vedi che mentre il giocatore sviluppa e lavora su un argomento, vede le cose accadere e realizzarsi. Nutre quell'energia. Poi, ovviamente, quando eravamo in una spirale negativa, abbiamo ottenuto la prima vittoria contro il Tolone (26-22 4 novembre) Era importante. Riuscire a vincere in trasferta a Castries (13-17, 31 dicembre), era anche importante. Proprio come quando siamo riusciti ad ottenere una serie di vittorie consecutive. Queste sono le cose che ti mettono in una dinamica positiva. Questi tre punti sono importanti secondo me.

Esatto, stai parlando di dinamiche positive. Ci sei già nel bel mezzo adesso. C’è l’ambizione di andare oltre?

Non so dove ci porterà tutto questo! Oggi mancano quattro partite. Siamo concentrati sulla fase successiva e su come ci posizioneremo per raggiungere questo obiettivo. Se riusciamo a convalidare questo incontro, ci rimarranno tre incontri. Vedremo dove ci porterà. Oggi penso che ci siano abbastanza squadre che pianificano la fase finale e le qualificazioni. Alcuni lo hanno annunciato fin dall'inizio del torneo. Per ora non andremo oltre.

Alcuni specialisti parlano di una squadra accelerata. Cosa ne pensi?

Non penso che stiamo andando troppo veloce. Perché ciò significa che sei in uno stato di forma stabile, e non credo che sia così. Perché ogni volta abbiamo due partite, una pausa, due partite, una pausa. Quindi non esiste tale usura. Siamo attenti nella nostra gestione. Pertanto, essere in uno stato di velocità con il nostro gioco significa che non abbiamo certezze e che non sappiamo dove stiamo andando. Non so chi lo dice, ma no, non è così.

Diversi mesi fa ho annunciato ad alcuni giocatori che non sarebbero stati confermati a fine stagione. Tuttavia, la stragrande maggioranza, come Kilian Galltier sabato, è ancora preoccupata al 100%. Come hai ottenuto questo risultato?

Penso che questa sia la forza dello spogliatoio. È il rispetto che hanno l'uno per l'altro. La storia è iniziata molto tempo fa. Stiamo raccogliendo i frutti di ciò che è stato inserito nella Pro D2 e ​​nelle ultime due stagioni della Top 14. All'USAP c'è sempre stato uno spogliatoio forte. Ma deve essere forte nel modo giusto. Se si tratta di lavoro, prestazione e competizione, è sempre positivo. Ma se ti allontani da questo, non è un buon spogliatoio.

“Soprattutto cerco di aderire il più possibile all'identità della squadra, del club e degli uomini”.

Sabato eri molto emozionato alla fine della partita contro il Montpellier, anche se nella maggior parte dei casi eri in controllo. Questa volta l'emozione ha preso il sopravvento?

READ  diretto. Con i tifosi dello Stade Rochelais per la semifinale di Coppa dei Campioni contro l'Exeter a Bordeaux

NO. Ma è importante condividere. C'era una compagnia. Ci impegniamo tantissimo e c'è tempo per tutto. Lì abbiamo trascorso una settimana senza gare, quindi volevo approfittarne un po’. Ma da questo lunedì tornerò alla prossima partita.

A volte ti senti come se stessi posando un guscio. È per proteggerti?

Il mio lavoro è cercare di convincere tutti a eccellere e ad avanzare. Non penso di interpretare un ruolo. Non ho un guscio, cerco di essere me stesso e di essere il più reale possibile con le persone intorno a me. Forse questa potrebbe essere considerata una protezione, ma io non gioco a niente.

Sei molto calmo e molto razionale, e questo si riflette sul tuo gruppo, che ha esattamente lo stesso stato d'animo…

Spero di trasmettere cose belle, soprattutto ciò che per me è importante. Stiamo giocando il torneo più forte del mondo. Non puoi esitare. Ciò significa, in effetti, che devi essere duro. Ma soprattutto cerco di aderire il più possibile all'identità della squadra, della società e degli uomini. Non penso che siamo un team “piano piano” bloccato nelle operazioni. Penso che abbiamo bisogno di certezze, ma anche di prendere molta iniziativa ed esprimerci. Hai bisogno di una combinazione di tutto questo. Non mi piace quando è bianco o nero. La vita, come il rugby, è sempre grigia.

Al Tolone dicono di te che sei un allenatore che sa tirare fuori il meglio dai giocatori. All'USAP, alcuni non hanno mai avuto questo livello di gioco prima, puoi migliorarli?

Non mi piace parlare molto di me…forse a volte le stelle si allineano. Abbiamo un team laborioso e molto impegnato. Forse il momento è buono anche per me. L’equilibrio è ancora fragile, ma dobbiamo trarne vantaggio. Cerco di inviarmi il più possibile e di inviare. Se i giocatori sono d'accordo, tanto meglio. Ma gli do anche da mangiare molto.

A Tolone molti sentono la tua mancanza e, per di più, sono felici di vederti avere successo a Perpignan. Questo ti riguarda?

READ  Apertura dell'Australia - Alizee Cornet al terzo turno dopo il suo successo contro Garbine Muguruza

SÌ. Sarebbe un piacere per me. Ciò significa che siamo rispettati, che siamo voluti, ma soprattutto che siamo sulla strada giusta. C'è ancora molto da stabilizzare. Siamo in un progetto enorme e sento che tutti vogliono parteciparvi. Anche per questo ho voluto creare un progetto regionale.

Dobbiamo rimanere attenti e vigili, ma anche guardare avanti.

Un anno fa, quando sono arrivato, il club faticava a restare tra i primi 14. Oggi gioca tra i primi 6. Pensi che andrà così velocemente?

Vogliamo sempre che le cose vadano velocemente. Ma ho una piccola prospettiva e so che ci vuole tempo. Poi, quando si presentano le opportunità, bisogna saperle cogliere. Dobbiamo rimanere attenti e vigili, ma anche guardare avanti.

Nel programma USAP hai riportato cose dalle tue precedenti esperienze?

Non puoi fare la stessa cosa due volte. D'altra parte, l'esperienza ti aiuta a risparmiare tempo. Ti permette di anticipare in modo da non fare la stessa cosa stupida due volte. Ma non credo che sia possibile fare le stesse cose due volte. In alcuni argomenti ci sono delle somiglianze con ciò che abbiamo vissuto a Clermont o Tolone, che dobbiamo riconoscere rapidamente e poter dire a noi stessi che sono simili a ciò che abbiamo vissuto, ma non sono la stessa cosa.

Altrimenti cosa fa Frank Azima al di fuori del rugby?

Mi piace godermi la mia famiglia. Questi sono momenti speciali. Mi piacciono le cose semplici, gli amici, condividere un buon pasto… Oltre al mare e alla montagna, anche qui abbiamo un ottimo terreno e cerco di sfruttarlo.

Hai qualche legame con XIII e il Drago Catalano?

non abbastanza. Mi piacerebbe andare a vederli più spesso, sia alle partite che agli allenamenti. Se posso, questa settimana cercherò di superarlo. Ho uno Steve normale (McNamara, Addestratore di draghi) E Neil (McIlroy, direttore sportivo) Al telefono. Seguo quello che fanno perché mi piace, ma anche perché mi hanno accolto così bene in un momento in cui ero in difficoltà. Mi sono divertito moltissimo con loro e mi ha aiutato molto. Ci siamo trovati bene. Mi sento frustrato perché vorrei che lavorassimo di più insieme, ma le diverse stagioni lo rendono complicato tanto per loro quanto lo è per noi.