Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Thierry Henry racconta il suo ritorno al promoter della L1

Consigliere principale della Ligue 1 francese per Amazon Prime Video, Thierry Henry sfida la sua struttura ai margini dei campi del campionato francese. Mantenendo una chiara complicità con i giocatori di L1, l’ex capocannoniere dei Gunners (228 gol, 105 assist in 376 partite) sembra essere molto soddisfatto di questo nuovo ruolo, come testimoniano le sue dichiarazioni a parigino : “È solo divertente. Ci hanno messo in ottime condizioni. Sono fortunato ad essere con i bravi ragazzi, Ben (Chiro), Thibaut (Le Roll), Ismail (Boabdallah). Siamo una buona squadra e mi permette anche di riconnettersi con il pubblico francese e L1. Ovunque negli stadi riceviamo un’accoglienza davvero fantastica. C’è una bella atmosfera, bei prati e anche se non possiamo più giocare, ovviamente troviamo buone vibrazioni”.

Cosa segue dopo questo annuncio

Impressiona i compagni con il suo rigore e la precisione di analisi, e anche l’attuale assistente di Roberto Martinez alla guida della selezione belga evoca i sentimenti sotto questo nuovo vestito: “Trovo naturale lavorare per preparare le partite. Ho sempre fatto così e mi piace. A parte il mio breve periodo da allenatore a Monaco, è passato molto tempo da quando ho lasciato la Francia, da quando ho perso quella vicinanza a L1 e al pubblico. Mi permette il ruolo di consigliere. Su amazon rigioco il mio viaggio e recupero delle sensazioni Quando arrivo allo stadio percorro le corsie e vado nell’erba e le emozioni tornano… tornato a Monaco, dove tutto è iniziato per me, dove ho segnato i miei primi gol in L1. Qualcosa da fare. Sabato, ho rivisto Boullert, mi sono ricordato che è lì che ho vissuto la mia prima scelta per la squadra francese. Ho anche ricordava un gol che avevo segnato a Worms, l’azione che lo precedeva. Ovunque ricordo i ricordi belli, le partite e i momenti. Ma a Bolert è stato ancora più intenso”.