Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Test di Google Pixel 7 Pro: un successo a tutto tondo

Unità principale: 50 MP, f/1.85

In Google, lo è binning dei pixel O niente, perché non può scattare foto con 50 megapixel del suo sensore. Il produttore li combina con quattro per offrire foto più leggere, 12,5 megapixel.

In questo modello Pro troviamo le qualità che sono state osservate nelle precedenti generazioni di Pixel. Se possiamo sempre dare la colpa a un trattamento che manca di un po’ di scorrevolezza, il livello di dettaglio è chiaramente tra i più alti del mercato degli smartphone. Il tessuto viene ripristinato ovunque nell’immagine, ad eccezione di una leggera sfocatura agli estremi, ei colori sono chiari. Tuttavia, il Find X5 non è da meno in termini di nitidezza, anche se la colorimetria tende al rosso.

Oppo Find X5 (12.5 MP, f/1.8, ISO 186, 1/250 sec)
Google Pixel 7 Pro (12,5 MP, f/1,85, ISO 50, 1/88 sec)

Il divario si allarga di notte, poiché lo smartphone Google mostra le sue prestazioni. Il Pixel 7 Pro ammorbidisce un po’ l’immagine – vedendo una testa di leone – e non rimuove la saturazione del colore della scena tanto quanto la concorrenza.

Oppo Find X5 (12.5 MP, f/1.8, ISO 5201, 1/20 sec.
Google Pixel 7 Pro (12,5 MP, f/1,85, ISO 836, 1/24 sec)

Modulo ultra grandangolare: 12 MP, f / 2.2

Il Pixel 6s ha un modulo ultragrandangolare alquanto deludente. Il Pixel 7 Pro intende fare un lavoro migliore adottando un sensore più grande (1/1,31 pollici) e guadagnando l’autofocus. Con questo modulo è ora possibile accedere alla modalità macro, puntando sui 3 cm. Questa modalità è davvero efficace, consente di scattare fotografie molto ravvicinate e con una definizione sufficiente per renderle utilizzabili.

Nella modalità grandangolare tradizionale, le difficoltà di messa a fuoco osservate rispetto al suo predecessore non sono più rilevanti. La distorsione è moderata, anche se è leggermente visibile al centro dell’immagine, la scala dei colori è rispettata e, soprattutto, la nitidezza è molto più alta. La gestione del software gestito da Google è all’altezza, con la sua solita tendenza a evidenziare le funzionalità.

Samsung Galaxy S22+ (f/2.2, ISO 80, 1/100 sec, equivalente a 13 mm)
Google Pixel 7 Pro (12 MP, f / 2,2, ISO 58, 1/78 sec)

Non sorprende che notiamo un livellamento più presente negli scatti notturni, ma con una conservazione misurabile di alcuni dettagli fini e una colorimetria abbastanza naturale. Contro il Galaxy S22+, che fatica a fornire la trama della maggior parte degli elementi del nostro panorama, il verdetto è chiaro.

Samsung Galaxy S22+ (f/2.2, ISO 2500, 1/100 sec, equivalente a 13 mm)
Google Pixel 7 Pro (12 MP, f / 2,2, ISO 3954, 1/21 sec)

Nota, tuttavia, che il Find X5 si concentra maggiormente sull’ultra grandangolo con il suo sensore da 50 MP (e binning dei pixel Ciò consente di ottenere filmati da 12,5 mega-pixel). Fornisce inoltre una migliore nitidezza in condizioni di scarsa illuminazione.

Oppo Find X5 (12,5 MP, f/2,2, 16 mm equivalente, ISO 6326, 1/10 sec)
Google Pixel 7 Pro

Unità teleobiettivo: 48 MP, f / 3.5, eq. 120 mm

Il Pixel 7 Pro ha un terzo modulo immagine che manca al Pixel 7. Consiste in un sensore da 48 megapixel collegato a un’ottica zoom 5x. Offre anche uno zoom 2x, che si basa sul sensore principale dello smartphone e mira a fornire livelli di zoom fluidi. Nel mondo digitale, arriva fino a 30 volte, dove la potenza degli algoritmi di Google è più evidente. A questo zoom abbiamo dedicato un intero articolo:

Unità frontale, posizione verticale e video

Il Pixel 7 Pro, come il Pixel 7, si basa su un’unità frontale da 10,8 MP (rispetto agli 11,1 MP del Pixel 6 Pro) i cui risultati sono soddisfacenti. A parte le ciocche particolarmente ribelli, i selfie sono un successo e il trattamento True Tone (che è destinato alla riproduzione precisa del tono della pelle) sembrava funzionare per noi durante i nostri test. Il ritaglio azionato dal ritratto è efficace, a parte le serrature davvero ribelli, e consente selfie molto soddisfacenti.

Lato video, Google ci mette la gomma e offre una modalità video 4K 60fps su tutte le sue unità, la possibilità di girare in HDR a 10 bit e una stabilizzazione elettronica abbastanza efficace. Apprezziamo la conservazione della colorimetria omogenea quando ci si sposta da una lunghezza focale all’altra.

READ  su un servizio di saggio ce nouveau