Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Test dell’altoparlante wireless Ikea / Sonos Symfonisk “Frame”: Alchemy funziona ancora

I mobili Ikea del nostro tempo sono diventati un’immagine di Épinal, forse anche una definizione del dizionario dell’espressione “semplice ma efficace”. Il framework Symfonisk non fa eccezione a questa regola. La sua struttura in plastica e le sue finiture assumono una banalità: l’oggetto trae il suo fascino estetico dalla modernità e dalla semplicità. Difficilmente, tranne negli interni più lussuosi, può davvero macchiarsi.

Tuttavia, prima di decidere il sito che occuperà la recinzione, è necessario prendere in considerazione il suo spessore di 6 cm. Certo, questo relativo peso in più è giustificato e necessario da un punto di vista acustico, ma il fatto è che impedisce all’amplificatore di passare completamente inosservato – soprattutto se illuminato da luci pastore, e quindi provoca un’ombra molto ampia.

A sua volta, è questo spessore che consente al telaio di fornire un ampio spazio per riporre il cavo di alimentazione (lunghezza 3,5 m).

I cuscinetti in gomma consentono di posizionare il telaio su un mobile senza dover praticare fori nel muro.

I cuscinetti in gomma consentono di posizionare il telaio su un mobile senza dover praticare fori nel muro.

Il diffusore può essere appeso al muro sia in posizione verticale che orizzontale, grazie alla presenza delle alette di montaggio sul retro.

La staffa a parete, fornita con il telaio, deve essere fissata alla parete con viti.

La staffa a parete, fornita con il telaio, deve essere fissata alla parete con viti.

La griglia frontale è removibile e, ovviamente, può essere sostituita con uno dei diversi design venduti nei negozi Ikea, con prezzi che vanno dai 20 ai 30 euro.

Le persone che hanno familiarità con il mondo di Sonos non avranno alcuna sorpresa quando utilizzano le funzionalità collegate al frame di Symfonisk: è un altoparlante Sonos S2 come qualsiasi altro, niente di più, niente di meno, con i molti vantaggi che ne derivano e i pochi inconvenienti.

Per i secondi, ci rammarichiamo come sempre di un ecosistema multi-room completamente chiuso, che quindi funziona solo con altoparlanti e altri dispositivi Sonos. Rispetto al primo, detto ecosistema rimane la soluzione audio più completa, più efficiente e più piacevole da usare sul mercato. L’applicazione mobile è molto matura, e può essere utilizzata in modo del tutto intuitivo – soprattutto durante la configurazione iniziale, che ci accompagna passo passo attraverso una guida molto ben progettata. A ciò si aggiunge l’integrazione nativa di quasi tutti i servizi di streaming musicale e radio Internet esistenti, il supporto per Spotify Connect, Chromecast, AirPlay 2… Totale!

Non ci si può che avvicinare con sospetto alle prestazioni di un diffusore come questo, le cui caratteristiche fisiche (dimensioni ridotte, profondità molto ridotta) sono a priori in contrasto con le buone pratiche acustiche. Ma è chiaro che questo “a priori” non è stato messo lì per caso.

Risposta in frequenza per impostazione predefinita (nero) e dopo la calibrazione automatica TruePlay (puntini verdi).

Risposta in frequenza per impostazione predefinita (nero) e dopo la calibrazione automatica TruePlay (puntini verdi).

Mentre si può legittimamente temere le basse frequenze, in particolare se soggette a forti risonanze e causare significative vibrazioni parassite al telaio del case, non è così. Il basso, seppur piuttosto profondo, è perfettamente padroneggiato: non c’è purtroppo nessun “effetto quadrato”, anzi ne apprezziamo la piacevolissima nitidezza.

Ciò è particolarmente vero quando puoi sfruttare la calibrazione audio automatica di TruePlay, disponibile tramite l’app mobile Sonos su iOS. Senza di esso, e al di là delle questioni relative all’adattamento del display alle caratteristiche acustiche della stanza di ascolto, la risposta in frequenza predefinita è molto ridotta. È un vero peccato, come sempre, che questa soluzione sia per i possessori di iPhone e iPad … Per altri, i bassi possono ancora essere abbassati di qualche tacca nelle impostazioni del tono dell’applicazione – ma il risultato è chiaro ancora meno convincente, con potenza di picco a 60 Hz È impossibile eliminarlo.

Risposta in frequenza con TruePlay, impostazione del tono predefinita (verde), senza TruePlay, impostazione dei bassi a -5 (puntini blu)

Risposta in frequenza con TruePlay, impostazione del tono predefinita (verde), senza TruePlay, impostazione dei bassi a -5 (puntini blu)

A parte questa precisione, il telaio Symfonisk produce un tono molto equilibrato, a malapena caratterizzato da un piccolo ritiro graduale negli alti. Quest’ultimo però non manca di precisione, e garantisce una buona riproduzione dello spazio sonoro delle registrazioni – nei limiti di quanto può fare un amplificatore monofonico. È possibile combinare due frame in una coppia stereo o anche come altoparlanti surround con un subwoofer Beam o Arc! -, ma non siamo riusciti a provarlo durante i nostri test e ne abbiamo solo una copia a nostra disposizione. Tuttavia, osiamo immaginare che lo spettacolo debba essere abbastanza convincente, a causa della bassa direzionalità del suono. Un punto eccellente, il che significa anche che un singolo fotogramma non avrà problemi a fornire un suono omogeneo per una stanza grande.

Nonostante il picco tra 1 e 2 kHz, la distorsione armonica rimane quasi impercettibile su tutto lo spettro.

Nonostante il picco tra 1 e 2 kHz, la distorsione armonica rimane quasi impercettibile su tutto lo spettro.

Sicuramente non stiamo nemmeno parlando di una sala da ballo nel palazzo; Ci si troverebbe allora di fronte ai limiti della forza del recinto, relativamente modesti. Ma questa non è una cosa negativa: si assicura di sapere come mantenere le sue dinamiche in tutte le circostanze.

Alla fine, la migliore qualità del suono del frame di Symfonisk è la dimensione perfetta per le sue prestazioni. Non è con lui aggiungere suono a una frenetica serata elettrica o indulgere in un ascolto analitico che vorremmo permetterci di discernere ogni minimo dettaglio della musica. Per formare un sottofondo musicale in soggiorno o in camera da letto, invece, producono un suono morbido e spazioso che si adatta perfettamente.

READ  Dopo Safari e Firefox, Chrome si prepara all'arrivo di WebGPU