Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Test Audio Technica ATH-M50xBT2 Altoparlanti beduini: l’ampiezza della poesia è tutt’altro che perfetta

Lanciato di recente nell’autunno del 2021, l’ATH-M50xBT2 porta con sé l’eredità della linea M50 e si posiziona come vettore standard della conoscenza audio del marchio giapponese per il grande pubblico nel mercato degli altoparlanti Bluetooth portatili. Non sorprende quindi che Audio Technica metta in risalto la storia di questa gamma per distinguersi: il suono “da studio” combinato con una “deliziosa esperienza di ascolto wireless” sono i primi argomenti addotti.

“v2” non porta reali cambiamenti a livello audio, tutte le novità puntano a migliorare l’esperienza di utilizzo dell’auricolare: connettività multipoint, porta USB-C, migliore qualità di connessione, autonomia della batteria più generosa, compatibilità con codec LDAC, app per smartphone per ampliare le possibilità di personalizzazione…e tutto questo senza vedere gli alti prezzi del marketing. Al contrario, l’M50xBT2 è commercializzato a 199 euro, ovvero 20 euro in meno rispetto al suo predecessore quando è stato lanciato.

Sembra che tutti i componenti siano stati uniti per rendere questa ATH-M50xBT2 un’ottima cuffia Nomad, che è ciò che proveremo a verificare durante questo test…

Produzione e accessori

L’ATH-M50xBT2 è completamente identico ai suoi predecessori in termini di design. Di volta in volta, queste cuffie beneficiano della loro eredità “studio/watch” e sono quindi funzionali, con il rischio di non essere le più eleganti e discrete di tutte. Non c’è molto da criticare per la durata e la maneggevolezza complessive: l’arco resiste alla torsione senza cedere e le cerniere consentono un perno super generoso per i padiglioni nonché sull’asse orizzontale piuttosto che sull’asse verticale, consentendo a quest’ultimo di piegarsi verso la curva.

Tuttavia, l’aspetto “ruvido” e formidabile dell’ATH-M50xBT2 – così come il piccolo effetto “buldog” del rivestimento in similpelle ad arco quando si indossa il casco – non piaceranno a tutti. Da un punto di vista puramente oggettivo, le finiture sarebbero state meglio rielaborate un po’ di più per questa versione, soprattutto in corrispondenza delle giunzioni.

L’elenco degli accessori è in linea con quello che ci si aspetterebbe da un auricolare di questo tipo senza essere abbondante: non è presente una custodia rigida, ma viene fornita una custodia flessibile per il trasporto per ospitare l’auricolare e i suoi due cavi staccabili. (il cavo da mini USB-C a USB-A e il cavo mini-jack sono lunghi circa 1,2 m).

Senza un cambiamento fondamentale nel design, l’ATH-M50xBT2 offre la stessa esperienza di comfort del suo predecessore. Il volume impressionante delle cuffie Audio Technica non si fa assolutamente sentire sulla testa: il peso delle cuffie (310 g) è ben bilanciato, così come i punti di pressione e gli effetti di stabilizzazione che rimangono, peraltro, discreti. Il generoso dispiegamento dell’arco scanalato del casco consente al casco di trovare il suo posto senza alcun problema sulla testa, grande o piccola che sia.

Il contatto con i cuscinetti in pelle è un po' ruvido la prima volta che li usi, ma i cuscinetti si ammorbidiscono rapidamente.  Inoltre è staccabile, a differenza del rivestimento che protegge l'arco.

Il contatto con i cuscinetti in pelle è un po’ ruvido la prima volta che li usi, ma i cuscinetti si ammorbidiscono rapidamente. Inoltre è staccabile, a differenza del rivestimento che protegge l’arco.

Gli atri non lasciano spazio alla bestia per ospitare le sue orecchie, ma rimangono sufficienti in larghezza e altezza. Il buon spessore dei cuscinetti consente un contatto delicato pur non consentendo alle orecchie di respirare. Il posizionamento nella parte posteriore è un po’ stretto e non è raro che l’ala dell’orecchio, in particolare a livello dell’elica, venga leggermente premuta contro la griglia che protegge l’amplificatore. Fortunatamente questo elemento è protetto da una morbida copertura in tessuto, e quindi è raro provare disagio a questo livello.

Esperienza utente

Come accennato in questa demo di prova, l’ATH-M50xBT 2nd Edition è ampiamente giustificato dalle numerose modifiche ergonomiche che rendono il casco così divertente per l’uso quotidiano.

Pugno infantile. Diversi avvisi sono integrati per guidare l’utente. A meno che tu non sia totalmente arcaico – gli aiuti audio sono offerti solo in inglese – i principianti non avranno problemi a orientarsi. L’auricolare ha un set di 4 pulsanti meccanici che danno accesso a tutti i controlli di base, e anche poco più: il pulsante circolare serve infatti a riattivare l’assistente vocale dello smartphone, e può anche fungere da scorciatoia per interagire con Amazon Alexa , poiché l’auricolare mostra la compatibilità avanzata con questo plugin. Come nel modello precedente, possiamo ancora segnalare le piccole difficoltà nel distinguere a volte alcuni pulsanti l’uno dall’altro, ma il pulsante circolare che appariva su questo modello viene comunque utilizzato come guida per trovare più istintivamente il pulsante giusto.

Per coloro che vogliono andare oltre, Audio Technica ha in serbo alcune belle sorprese con l’app Audio Technica Connect (iOS/Android). Questo ci dà il piacere di offrire una gamma completa di funzionalità correlate e impostazioni avanzate mantenendo l’interfaccia semplice e intuitiva. Sono presenti i classici indicatori del livello della batteria e del volume, alcune guide per l’utente e la possibilità di individuare più facilmente le cuffie o selezionare un codec Bluetooth (SBC, AAC o LDAC quando il dispositivo di riproduzione lo consente). Ma non è tutto…

App Audio Technica Connect (Android).

App Audio Technica Connect (Android).

L’applicazione permette di regolare più o meno il volume delle cuffie (a 16, 32 o 64 livelli): un’attenta attenzione evita alcune frustrazioni. La risposta in frequenza delle cuffie può essere personalizzata con vari gradi di ingegno: i principianti hanno a disposizione alcuni preset incorporati, chi è più a suo agio può provare l’equalizzatore grafico a 5 bande, mentre secchioni L’audio può essere riprodotto utilizzando i parametri più accurati forniti da Parametric EQ. A quanto pare Audio Technica ha anche inserito un controllo del bilanciamento sinistra/destra, un’opzione per attivare il feedback audio del microfono per le chiamate e una modalità a bassa latenza, la cui importanza analizzeremo più avanti in questo test.

App Audio Technica Connect (Android).

App Audio Technica Connect (Android).

Come ogni buon auricolare beduino moderno che si rispetti, l’ATH-M50xBT2 può ovviamente essere utilizzato in modalità wireless tramite Bluetooth, poiché la connessione non ha mostrato alcun punto debole durante il nostro periodo di test. Siamo lieti che la funzionalità multipoint sia stata introdotta su questo modello e consenta alle cuffie di connettersi contemporaneamente a due dispositivi sorgente. Le cuffie possono essere utilizzate anche cablate tramite un mini jack. Tuttavia, un piccolo rammarico va notato a questo livello: il telecomando e il microfono integrati non sono più inclusi nel cavo in dotazione con l’ATH-M50xBT, il che limita le possibilità nell’uso passivo/cablato (cuffie spente).

Non c’è da stupirsi quando si tratta delle prestazioni sonore dell’ATH-M50xBT2 perché è molto vicino a quello dell’ATH-M50xBT2.ATH-M50xBT Nome. Ti consigliamo di leggere l’ultimo test per avere un’idea più precisa possibile. Nel complesso, le cuffie offrono un’ottima esperienza di ascolto con una firma leggermente gradevole, ma controllata, e un’ottima riproduzione della scena sonora, il tutto abbinato al rispetto della dinamica e a un timbro molto soddisfacente. Ci sono solo alcuni piccoli difetti di accuratezza, che a volte causano alcuni problemi di confusione, che gli impediscono di rivendicare la nota finale.

Misura della risposta in frequenza: no EQ (nero), con esempio EQ (verde)

Misura della risposta in frequenza: no EQ (nero), con esempio EQ (verde)

Infatti, senza alcuna interazione dell’utente nell’equalizzatore dell’applicazione – e in effetti nell’uso passivo – l’ATH-M50xBT2 sceglie una firma W relativamente accurata che preserva bene il timbro della strumentazione. Questa colorazione del suono si fa sentire negli estremi di basso/basso: il basso ha un lato più caldo e rotondo. Fortunatamente, questo miglioramento non va a scapito delle frequenze più alte. L’allungamento nelle frequenze più basse è sempre impeccabile e la sede e la sensazione dell’effetto sono riprodotte molto bene.

Misura della reazione di membrana: onde quadre a 50 Hz.

Misura della reazione di membrana: onde quadre a 50 Hz.

Anche se si desidera un basso più neutro (“più secco” o “più piatto”), cosa ora possibile grazie all’equalizzazione, il piccolo deficit di risposta dei subwoofer della serie ATH-M50xBT rimane. Quindi, dopo ogni attacco, c’è un momento piuttosto evidente di galleggiamento prima che le membrane si assestino completamente. Questo si traduce in meno effetti di pattern, piccoli “echi” (che esaltano anche la rotondità del basso), e su alcuni mix molto affollati, un po’ di confusione in quest’area. L’identificazione di certi strumenti non è sempre così istintiva come ci si aspetterebbe, come ad esempio nella canzone. padella Di Plini: Bass tom, grancassa, note di basso e persino chitarra a volte richiedono un po’ più di attenzione per essere distinti correttamente.

Misura della reazione di membrana: onde quadre a 500 Hz.

Misura della reazione di membrana: onde quadre a 500 Hz.

Anche se qui stiamo toccando un campo molto sottile, l’intervento dell’EQ permette di ripristinare un po’ più di equilibrio nel supporto per perfezionare la riproduzione delle campane che, come abbiamo detto, è già molto buona. Come con i bassi, questo cambiamento nell’ordine delle frequenze non ha alcun effetto contro la leggera mancanza di fedeltà che si può ancora sentire alle frequenze medie più alte. Il suono “sibilante” che si sente sulla voce, ma anche su altri strumenti come il charleston, il sassofono o la tromba, non è particolarmente piacevole da ascoltare e talvolta può risultare fastidioso ad un volume generoso. , su tracce ricche di armoniche (con chitarre elettriche, voci molto sature e piatti molto attuali, per esempio). In ogni caso, questo non pregiudica sostanzialmente il piacere di ascolto che le cuffie offrono e soprattutto il modo in cui riproducono il palcoscenico sonoro: tutti gli elementi sono disposti in modo naturale, in termini di larghezza e larghezza. Sorgenti ed effetti da camera (eco, eco).

READ  UFL, un nuovo videogioco di calcio contro FIFA ed eFootball