Maggio 25, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Storia della medicina: epidemiologia, scienza del rischio

Anno buono, anno cattivo, metà del XIX secoloe Qarn, una donna incinta su sei, o anche una su cinque, è morta di febbre puerperale dopo aver partorito in uno dei reparti di ostetricia del Vienna General Hospital. Il secondo servizio ha registrato un tasso di mortalità solo del 3% a causa di questa lesione nei reparti di maternità degli ospedali, che all’epoca era attribuita alla scarsa ventilazione delle stanze oltre che alla mescolanza dei pazienti.

Entrambi i reparti utilizzavano essenzialmente la stessa attrezzatura e vedevano lo stesso tipo di pazienti. D’altra parte, i medici praticanti o formati forniscono assistenza nel primo caso mentre le ostetriche si prendono cura della seconda unità.

Attraverso l’osservazione, l’ostetrico austro-ungarico Ignas Philip Semmelweis (1818-1865) alla fine si rese conto che i medici praticanti trasferivano “particelle di inquinamento” dai cadaveri nelle sale autopsie al reparto di ostetricia. Ha anche spiegato che lavarsi le mani con l’ipoclorito ha ridotto drasticamente il tasso di contaminazione e la mortalità dei pazienti.

La teoria delle malattie germinali non esisteva ancora. La conclusione causale del medico viennese sarebbe stata contestata e il lavaggio delle mani richiederebbe tempo per affermarsi. L ‘”effetto Semmelweis” si riferisce alla tendenza a rifiutare prove che sconvolgono credenze consolidate, o a impedire la scoperta di un fatto scientifico importante, o addirittura a punire chi lo scopre.

Il tempo e la ragione hanno fatto il loro lavoro e “l’invenzione del lavaggio delle mani” si è diffusa ovunque durante l’attuale pandemia. In effetti, il dottor Semmelweis (morto per abusi in manicomio) è ora riconosciuto come uno dei padri dell’epidemiologia moderna, spiega lo storico medico Pierre-Olivier Mithaux nel narrare questo sorprendente aneddoto.

“Il suo approccio scientifico e di osservazione e il suo uso di statistiche e gruppi di controllo avranno comunque seguaci”, afferma. Non stiamo ancora parlando di epidemiologia come la conosciamo nel XX secoloe Secolo, ma il passo compiuto è molto importante. »

READ  Commenta faire disparaître naturellement les Cheveux blancs ? Astuces prouvées par la science!

Giuramento di Ippocrate

L’epidemiologia studia i problemi di salute in una particolare popolazione cercando i fattori che influenzano l’insorgenza e la distribuzione della malattia. Questa branca marginale della medicina è diventata improvvisamente centrale nei due anni di pandemia.

Il professor Mitho si trova nella posizione ideale per fare luce sulla nascita e lo sviluppo di questa disciplina. È la nuova cattedra di ricerca canadese in discipline umanistiche mediche e storia del pensiero biologico annessa alla Facoltà di Filosofia dell’Université Laval. Questa è la prima sedia del suo genere in francese nel paese.

Le scienze umane mediche prendono la medicina e le scienze della vita come materia di studio, ma mirano anche a trasmettere conoscenze non mediche ai futuri medici. Questo addestramento aggiuntivo con il fucile è obbligatorio in molti paesi. Il Quebec è rimasto indietro in questo senso, secondo il professor Mithu.

Il filosofo, specializzato in storia delle idee e delle pratiche mediche, fa risalire il suo interesse per la salute della popolazione a Ippocrate. Infatti, quasi 2.500 anni fa, il padre della medicina collegò fattori ambientali e stili di vita (compresa la dieta) alle malattie umane.

“All’epoca, non pensavamo di creare grandi gruppi di individui”, spiega il professore in Quebec. Quindi ogni stato di malattia è distinto nelle sue cause ed effetti. La salute era veramente individuale nell’antichità, anche se il ruolo dell’ambiente era stato riconosciuto fin dall’inizio. Ma poi non c’è pensiero di massa. »

L’influenza di Ippocrate si estenderà fino al diciannovesimo secoloe secolo, e l’influenza di Semmelweis è stata in parte spiegata dalla forza dell’antico paradigma centrato sul miasma. La medicina comincerebbe a interessare la popolazione (e non solo gli individui) prima con grandi epidemie, e poi nel Seicento.e corno con fatture di morte Di John Graunt, predecessori delle nostre valutazioni quotidiane dell’attuale pandemia.

società del rischio

La grande svolta nell’epidemiologia è arrivata dai ricercatori di biostatistica nel XXe secolo, in particolare gli inglesi, tra cui Carl Pearson e Ronald Fisher, e in particolare Austin Bradford Hill (1897-1991), il padre degli studi clinici randomizzati, una metodologia molto importante per lo sviluppo di vaccini, compresi i vaccini contro il COVID-19. Ha anche dato il suo nome ai criteri per passare dalla correlazione alla causalità. Ne definisce nove (tra cui la forza, la stabilità, la specificità dell’associazione, ecc.). Questi criteri sono stati sviluppati nell’ambito dell’indagine degli anni ’60 sul fumo di tabacco come fonte di cancro ai polmoni.

READ  "De la science fiction métaphysique..." Jean-Marc Barr à l'affiche de "La Corde", nouvelle série d'Arte

Uno studio a lungo termine è apparso anche dopo la seconda guerra mondiale. La prima, Framingham (una città del Massachusetts vicino all’Università di Harvard), che si concentra per prima sul rischio cardiovascolare, è stata lanciata nel 1948 e ha ammesso la terza generazione di partecipanti nel 2002. L’arretrato del lavoro epidemiologico comprende migliaia di articoli scientifici.

“Questo passaggio rappresenta un’importante interruzione dalla descrizione all’eziologia”, afferma il professor Metho. Invece di concentrarsi su intere popolazioni […] Studieremo gruppi di individui formati per fare osservazioni attente secondo le ragioni che cerchiamo di capire. Dagli anni ’50, gli epidemiologi hanno condotto indagini sui casi di controllo per identificare i fattori di rischio, come il consumo di tabacco. Fattore di rischio è il termine chiave per distinguere la disciplina moderna. »

Lo abbiamo visto con l’attuale gestione della crisi. “Il pericolo, che ha una lunga storia, è diventato un concetto centrale nel pensiero medico contemporaneo”, spiega il professore. Cerchiamo di misurarlo e prevederlo. Stiamo gestendo i rischi su base giornaliera in questa pandemia. »

Anche gli attuari della compagnia di assicurazioni ne sono ossessionati. La genetica, che è la scienza principale degli ultimi decenni, ha introdotto nuovi fattori di rischio. Ha anche contribuito a spostare l’attenzione degli studi sull’individuo. Abbiamo visto gli effetti di ciò in studi che evidenziano i fattori di comorbilità per COVID-19: gli anziani o le persone obese sono maggiormente a rischio di contrarre forme gravi del virus.

a sbalzo

La disciplina è ora incarnata in personalità ben note e riconosciute. Per comunità Horacio Arruda, Grace Mashof e Teresa Tam.

Gli epidemiologi hanno raccomandato e imposto chiusure, coprifuoco e chiusure scolastiche. Pochi leader hanno osato disobbedire loro, come il presidente Donald Trump, in costante tensione con il dottS Fauci.

READ  Il lungo covid è psicologico? Conclusioni chiave dello studio controverso che mette in dubbio il legame tra sintomi e infezione

“Molti osservatori hanno sottolineato la vicinanza al potere del Direttore nazionale della sanità pubblica in Quebec, afferma il professor Mithaux. L’epidemiologia sta godendo di una visibilità crescente e gli epidemiologi hanno acquisito voce in capitolo nella società che prima non avevano. Questa posizione deriva da una posizione eccezionale situazione globale che colpisce tutte le sfere della società, anche l’AIDS non ha avuto un tale effetto”.

Ciò premesso, bisogna anche ammettere che, subito prima della crisi, la salute pubblica è rimasta marginale e impopolare, poco ascoltata e sottofinanziata, non solo in Quebec, anche con lo sviluppo di malattie epidemiche (SARS, Ebola, ecc.). Il che dà un netto contrasto: una scienza basata su fattori di rischio che non è stata preparata male dalle autorità pubbliche per la massiccia minaccia di una pandemia.

Il professor Pierre-Olivier Mithaux, in conclusione, spiega: “Dall’epidemiologia sono stati sviluppati modelli matematici di sviluppo delle malattie e sono state pubblicate raccomandazioni d’azione dalla primavera del 2020. Ma la sanità pubblica, che basa le sue raccomandazioni sull’epidemiologia, si trova sempre seduto tra due sedie: se non fa abbastanza è criticato per essere lento ad agire, se lo fa troppo è accusato di creare panico, in ogni caso quello che ha sorpreso tutti è stato vedere il pessimo stato di salute pubblica in tutti i paesi quando l’epidemia ha colpito”.

Vediamo nel video