Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Sospetto di doping: le spiegazioni di Poojacar

Mentre molti osservatori e persino alcuni corridori sono rimasti sorpresi dalle prestazioni ottenute negli ultimi mesi, Tadej Pujakar lo vede come il risultato dei progressi tecnologici.

Tre vittorie di tappa e più di quattro minuti di vantaggio sul secondo classificato: Tadej Poujacar è stato intoccabile durante il Tour de France. Le sue frequenti dimostrazioni di forza sulle strade del Grand Boucle non hanno mancato di sfidare. Tanto che la sua vittoria schiacciante è stata accompagnata da dubbi e perplessità di ogni genere. Lo sloveno non è certo l’unico a fare domande.

Leggi anche: Pogacar, ombra di dubbio (grande)

Come dimostra il tweet di Roman Bardet dopo la splendida vittoria di Primoz Roglic nel tour di Emily. ” Era la Moto GP quest’anno?Alcuni sono rimasti sbalorditi anche dal racconto di Julien Alaphilippe sui campionati del mondo, lo spettacolo che i piloti negli ultimi mesi hanno offerto con domande sempre più veloci sulle corse, ma Tadej Pojjakar ha la risposta.

Non credo di allenarmi in modo diverso dagli altri

“Oggi andiamo più veloci di dieci anni fa, e questo è innegabile. I metodi di allenamento si sono evoluti, anche l’attrezzatura, magliette, pantaloncini, caschi, anche occhiali e scarpe…, Spiegato nelle colonne L’Equipe. Le moto sono più leggere, più aerodinamiche e comunque manovrabili, anche a più di 70 km/h, ed è chiaro che i giovani sono quelli che più beneficiano di questi miglioramenti tecnologici. Qualcuno dirà: sì, ma dieci anni fa avevamo già ottimi scatti, ma oggi sono ancora meglio. Oggi abbiamo freni a disco, cruise control elettronici… fino a poco tempo fa non era così. È più facile andare veloci con le bici esistenti, è semplicemente un dato di fatto. “

D’altra parte, il leader degli Emirati Arabi Uniti Tian ha più difficoltà a spiegare il suo dominio. “Non lo so. Non mi piace guardare cosa fanno i miei avversari. Ho piena fiducia nel mio allenatore, e gli dico quando non fa per me, a volte è troppo, a volte non è abbastanza, e così lontano sta andando molto bene, Ha detto della sua formazione. Non credo di allenarmi diversamente dagli altri, lavoro come tanti a Monaco, su strade bellissime, dove non mi preoccupo del traffico. Ogni stagione prendo una taglia leggermente più grande. L’anno scorso ha percorso 27.000 chilometri nonostante il Covid. Nel 2021 non finirò lontano dai 30K”.

Leggi anche:Pogacar, una confessione scioccante a MerckxPogacar, offerte d’altri tempi…Pogacar potrebbe innovare nel 2022

READ  Champions League: il PSG è visto come la squadra da battere? Pochettino e Marquinhos - Calcio