Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Senza essere imperiale, Novak Djokovic domina Kei Nishikori

Non sono sicuro che il numero uno del mondo sia uscito leggero e completamente soddisfatto di questo terzo turno a New York vinto dallo junior contro Kei Nishikori. Devo ammettere che alla fine non ha avuto i brividi, padroneggiando con calma i dibattiti negli ultimi due set per vincere in quattro set (6-7). [4], 6-3, 6-3, 6-2) ma non è sempre stato il bonus. In una partita fatta di noie e dossi, senza tanti passaggi indimenticabili, il serbo alterna instabilità e duttilità nei primi due set e ben più precisione negli ultimi due.

Il suo primo tour, in particolare, non è stato convincente. Dominato dall’aggressività, viene sbalzato con un rovescio da un giocatore che ha imbattuto per sette anni e ha collezionato quindici sconfitte consecutive, tra cui l’ultima Rust (6-2, 6-0) alle Olimpiadi di Tokyo, ‘Noll’ torna dentro, rallenta Un po’ a tratti, lasciando logicamente il gruppo a rompere il pareggio, sbagliando un calcio di rigore sul 4-4 nel match decisivo.

Anche in una giornata normale, Djokovic non si è fatto prendere dal panico

Il Joker, il concorrente dietro la grande storia del tennis mondiale, non vede l’ora di conquistare il 21° posto a New York, ma soprattutto il grande calendario degli Slam, che è stato raggiunto di più da Rod Laver nel 1969. L’incontro era solenne e magnifico e la pressione per abbinare senza il minimo dubbio. Ma, anche in una giornata normale, Djokovic non si è fatto prendere dal panico.

Con un break prima di un rovescio leggermente permaloso all’inizio del secondo set, il numero uno del mondo ha avuto il coraggio tremendo di recuperare sette break point in due match di servizio consecutivi e mal negoziati. In una partita in cui nelle prime due ore di gara sono caduti falli non compulsivi come il freddo (63, di cui 33 per Djokovic in due set), il serbo ha bloccato logicamente, senza fretta.

READ  La stampa spagnola era disgustata dal fallimento di Kylian Mbappe per raggiungere il Real Madrid, l'ultimo periodo di trasferimento pazzesco che il Barcellona aveva sperato.

Il miglior ritmo di Djokovic a fine partita

Il resto sarebbe molto meglio, senza arrivare al trascendentale. Grazie alla qualità della prima palla, Djokovic è finalmente emerso più in controllo all’inizio del terzo set. Al contrario, il giapponese, l’ex numero quattro del mondo, che ora è scivolato al 56° posto dopo un’operazione al gomito e altri infortuni, sembra inciampare fisicamente.

Ma anche lì, Nol non ha reso le cose facili, ha sparato un contropiede prima del 4-2, mentre era in vantaggio per 40-0, e pensavamo che Nishikori fosse troppo lontano dai conti ora. Inoltre, nel match successivo, il giapponese ha spinto e il serbo ha completato il set senza brillantezza, ma con alcune sequenze il suo rovescio si sentiva bene suggerendo che avrebbe potuto tenere un po’ sotto la suola.

Sempre più tentazione del corso corto

Sabato, Djokovic non era in una forma irresistibile, ma ha concluso molto meglio e più fresco di Nishikori. Sempre più tentato dallo short track man mano che la partita procedeva, il finalista degli US Open 2014 non aveva più i bastoni, e il serbo, lui, aveva una grande conoscenza della negoziazione dei punti chiave. Più flessibile, più a suo agio, e anche più giocatore nel quarto set, anche con il pubblico, Djokovic ha rotto 2-2 per nascondersi e ha terminato la partita sul tennis molto meglio e più vicino ai suoi standard. Come se si stesse rassicurando prima di dirigersi verso l’1/8, che gli presenterebbe il vincitore della partita tra il qualificato americano Jenson Broxby e il russo Aslan Karatsev.

READ  Rummenigge ha chiesto a gran voce Cristiano Ronaldo e Paris Saint-Germain