Giugno 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Rafael Nadal si ritira dal Roland Garros, la sua prima assenza dai Campionati di Parigi dal 2005

Rafael Nadal si ritira dal Roland Garros, la sua prima assenza dai Campionati di Parigi dal 2005

Non esiste una catena eterna, e il tempo finisce sempre per raggiungere chi cerca di sfuggirgli. All’età di circa 37 anni, e dopo aver spinto i suoi limiti per molto tempo, Rafael Nadal lo ha messo alla prova. L’uomo con quattordici titoli al Roland Garros ha annunciato giovedì 18 maggio che non difenderà il suo titolo all’edizione 2023 del Grande Slam di Parigi (22 maggio-11 giugno). Da quando ha debuttato a Porte d’Auteuil nel 2005, all’età di 18 anni, il Maiorca non ha mai perso il più grande torneo su terra battuta del mondo. Chi lo ha reso re e ne ha fatto una statua nella sua vita nel 2021.

“Purtroppo il mio infortunio non è progredito come immaginavo ed è impossibile per me giocare il Roland Garros quest’anno. Lo ha annunciato il tennista spagnolo nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sua accademia a Manacor (Isole Baleari). Puoi immaginare quanto sia stato difficile per me. È una decisione presa dal mio corpo. » Per consentirgli di recuperare, Nadal ha scelto di posticipare la sua stagione: “Non ho intenzione di continuare a giocare nei prossimi mesi”. Almeno fino alla Coppa Davis in autunno.

Dopo aver corso contro il tempo, come tante volte in passato, quest’anno Nadal non è riuscito a domare il suo dolore per entrare nel Tour di Parigi. Ad eccezione dei primi due anni da professionista, ancor prima di raggiungere la maggiore età, il giocatore aveva partecipato a tutte le edizioni del Roland Garros ininterrottamente dal 2005. E solo un infortunio al polso, nel 2016, lo ha costretto al ritiro il alla vigilia del suo terzo giro.

È stato eliminato al secondo turno degli Australian Open dall’americano Mackenzie McDonald (6-4, 6-4, 7-5), Rafael Nadal, molto contratto a causa di un infortunio al muscolo iliaco della gamba sinistra, « [espérait] Solo che non è niente di grave e che non starò lontano dai tribunali per molto”.. Il detentore del record per il numero di titoli del Grande Slam maschile (22, a pari merito con Novak Djokovic) non ha giocato una sola partita da allora e i suoi problemi di salute si stanno accumulando.

READ  Mercato - Paris Saint-Germain: Rombo di tuono nella serie Mbappe?
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Rafael Nadal, impotente e poi in declino, lascia l’Australian Open dalla porta sul retro

2024 ‘forse l’ultimo’

Per due anni, il fuoriclasse spagnolo ha avuto una carriera saltuaria, punteggiata da periodi di dominio e stop per infortuni. Abbastanza per nutrire la sua leggenda – soprattutto mentre è tornato al Roland-Garros, dove ha sempre vinto – e riempire la sua bacheca dei trofei, ma anche per fare domande sul resto. Il suo infortunio al muscolo anulare della gamba sinistra, che non è guarito per diversi mesi (inizialmente pensava che sarebbe durato dalle sei alle otto settimane), è solo l’ultimo dei problemi fisici che ha accumulato; Compresa la sindrome di Müller-Weiss al piede sinistro che è tornata nell’estate del 2021 (la necrosi lo ha costretto a svilupparsi sotto infiltrazione lo scorso anno) o un infortunio addominale.

“È uno sport, devi fare del tuo meglio fino alla fine, indipendentemente dalle possibilità che hai di vincereTuttavia, il giocatore si è infortunato a gennaio, dopo essere stato eliminato durante gli Australian Open. Questa è la filosofia e l’essenza dello sport. Ho cercato di seguire questo principio per tutta la mia carriera. » Infortunato, visibilmente diminuito, il Maiorca ha scelto di non arrendersi, quando non poteva correre o colpire un rovescio. “Volevo finire il giocoHa continuato, indicando una scelta personale. Non volevo arrendermi come eroe in difesa. »

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Australian Open: Rafael Nadal non vuole sapere del suo ritiro

Rafael Nadal è abituato a lottare, a manovrare il proprio corpo per competere sui campi, e getta la spugna prima dell’inizio della sua “settimana” parigina, la settimana in cui ogni anno festeggia il suo compleanno (3 giugno), e che finisce – quasi – ogni volta la sua incoronazione.

READ  Mathieu van der Poel è campione del mondo per la sesta volta

“Amo quello che faccio, [et] So che questa vita nel tennis, che già rappresenta più della metà della mia vita, non sarà eterna., ha rassicurato il maiorchino dopo la sua eliminazione agli Australian Open. Per dirla così, anche se ha passato buona parte della sua carriera a destreggiarsi tra i protocolli terapeutici, ne è valsa la pena. evocazione “Anni difficili diluiti dalle vittorie”Giovedì, il giocatore ha insistito che voleva ” Mettere [sa] Una carriera a parte per potersi rigenerare [son] corpo », prima del ritorno. Forse per l’ultima volta. Durante la sua conferenza stampa, Rafael Nadal lo ha annunciato “Pensavo che il 2024 sarebbe stato l’ultimo anno” dalla sua vita professionale.

Torneo aperto in assenza del presidente

Fantasticando su di lui ogni anno, e poi vedendolo spingere i suoi limiti – a volte, mettendo a repentaglio il suo futuro, come l’anno scorso, quando vinse il campionato nonostante diversi fuorigioco in Il suo piede sinistro – abbiamo finito per dimenticarcene. Dal 2005, Rafael Nadal e Roland Garros sono diventati in qualche modo sinonimi. In 115 match presentati dall’Auteuil, il Majorquin non è incline as… trois fois – contro Robin Söderling nel 2009 e Novak Djokovic nel 2015 e 2021. 115 match che non sono fait prince de la ville, puis roi Dal mondo.

le notizie

Parigi 2024

Le Monde analizza le novità e le sfide dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.

Registrati

L’edizione 2023 del Roland-Garros sarà dunque la prima della vita, quella in cui Rafael Nadal non affronterà più la terra parigina – anche se lo spagnolo, giovedì, non esclude di tornare a schierarsi al Rolland-Garros tra un anno . Se Nadal è sempre presente alla Porte d’Auteuil, grazie alla sua statua a grandezza naturale inaugurata due anni fa, il trono di sindaco parigino è vacante. E i favoriti stanno affilando le loro lame per i prossimi incontri, a cominciare dallo spagnolo prodigio Carlos Alcaraz, nuovo numero uno del mondo che non avrebbe nulla in contrario a subentrare senza aspettare il suo imponente connazionale.

READ  Florian Morris valuta la fine del mercato invernale allo Stade Rennes
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Con il Roland-Garros alle porte, è stato Carlos Alcaraz a conquistare la pole position

Dopo il ritiro di Roger Federer, pacchetto Nadal, dei tre grandi che hanno sorvolato il ventunesimo tennisH Secolo, lasciando solo Novak Djokovic per questa edizione. Doppio vincitore a Parigi (2016 e 2021) con preparativi primaverili vanificati. Quando gli è stato chiesto mercoledì, dopo la sconfitta nei quarti di finale del Masters 1000 di Roma, se si sentisse un favorito al Roland Garros, Nol non ha fatto mistero: “Tutto dipende dal fatto che Nadal giochi o meno”. Anche per il suo grande rivale, il Roland Garros non sarebbe lo stesso senza Rafael Nadal.