Luglio 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questo poster è per le seconde case che danno alveari alla gente del posto

Questo poster è per le seconde case che danno alveari alla gente del posto

IONon sono solo i disturbi fisici a causare l’orticaria sulla costa basca. Un cartellone mobile, affisso lungo la costa nei giorni scorsi, ha sollevato pulsanti di indignazione su molti residenti. In questo poster che promuove il progetto immobiliare Erreka ad Anglet, situato vicino al centro commerciale BAB 2 e al torrente Aritxague, …

IONon sono solo i disturbi fisici a causare l’orticaria sulla costa basca. Un cartellone mobile, affisso lungo la costa nei giorni scorsi, ha sollevato pulsanti di indignazione su molti residenti. Su questo poster che rende omaggio al progetto immobiliare Erreka ad Anglet, situato vicino al centro commerciale BAB 2 e al torrente Aritxague, c’è questo slogan: “Vuoi l’oceano come seconda casa?”. L’abertzale di EH Bai è stato il primo a prudere: “In un contesto in cui non sono trascorse due settimane in tre anni senza una manifestazione contro la speculazione e le seconde case, l’abbiamo trovato molto esaltante. È una provocazione”, riassume il loro coordinatore Nicholas Blaine .

Il programma è in costruzione vicino al Carrefour BAB e lungo il torrente Aritxague.

Bertrand Labegue

La piattaforma ha inviato una lettera al sindaco di Anglet Claude Olive, per sapere cosa intende fare. Su X (ex Twitter), Nicholas Blaine ha lasciato intendere che questa convocazione è stata fatta “sicuramente con l’approvazione della città”. Il consigliere comunale LR ha avuto poco gusto nell’accusa, ma entrambe le parti si sono unite per condannare l’iniziativa del promotore, Carrefour Property. “Lo trovo del tutto fuori luogo rispetto a quanto stiamo attualmente assistendo sulla costa basca. Detto questo, non accetto di essere discriminato da nessuno dei due. Non sono stato consultato e, se così fosse, lo farei hanno rifiutato.” Al-Aqaria: “Abbiamo concordato una comunicazione congiunta, non l’hanno rispettata”.

“Se continuano con questa campagna, emetterò un divieto”.

Durante la stesura del Regolamento intercomunale della pubblicità locale (RLPI), EH Bai esorta Claude Olive a usare i suoi poteri, tramite l’emissione municipale (Regolamento della pubblicità locale, RLP) per porre fine a questo tipo di pubblicità. “Potrebbe per esempio decidere di imporre una tassa molto alta, che sarebbe un deterrente. Almeno”. necessario Il manifesto è scomparso.

READ  Hautes-Pyrénées : un contratto di 275 M€ per l'uso CAF de Bagnères qui va construire 77 rames du tramway de Montpellier

controverso progetto

Alla domanda, Carrefour Property osserva che la loro campagna “locale e breve, ora è finita”. Doveva svolgersi ad Anglet, Saint-Jean-de-Luz e Hossegur l’11, 12 e 13 agosto. Lo sviluppatore conferma che “il prezzo al metro quadro2 degli alloggi offerti è inferiore ai programmi immobiliari situati nelle vicinanze per consentire ai residenti locali di diventare acquirenti (da € 249.000 per T2 di 43 m22cioè più di 5800 €/m², ndr).Inoltre, “più dell’80% degli alloggi liberi commercializzati era con locali (o sezioni attigue) e più del 50% per abitazione principale e/o pied à terre”, senza specificare la differenza tra “pied beach” e “residenza secondaria”.

Il progetto Rica, che comprende cento unità abitative, il 40% delle quali sociali, non è alla prima polemica. Alla fine di settembre 2022, è stato segnato da un video del giornalista Hugo Clement. Abbiamo visto ricominciare un cantiere su mucchi di immondizia. Nel suo comunicato stampa, Carrefour Property ha ora sottolineato: “Tutte le procedure di bonifica della contaminazione nei rifiuti inerti (cernita, evacuazione e trattamento dei rifiuti) sono state eseguite in conformità con le normative applicabili. Se il promotore e Eiffage, responsabile dei lavori, non sono disturbati, è in corso un procedimento giudiziario contro il project manager Ingecobat, la decisione è del 5 settembre, la consegna del progetto è annunciata a marzo 2024.