Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quando le piramidi erano sulle rive del Nilo

Quando le piramidi erano sulle rive del Nilo

In che modo la scoperta del braccio perduto del Nilo, da parte di un team internazionale di ricercatori, getta nuova luce sulla costruzione e l’ubicazione delle piramidi egiziane?

Era noto che il fiume Nilo, il fiume più grande e turbolento dell’Africa, svolgeva un ruolo centrale nella costruzione delle piramidi per trasportare materiali e lavoratori, ma rimaneva una grande questione che doveva essere risolta: perché i più grandi complessi piramidali non crollarono? ? Sulle rive del fiume Nilo, ma a pochi chilometri di distanza, ai margini del deserto. Tuttavia, all’epoca in cui furono costruite le piramidi, non era ancora un deserto.

Dopo un lungo periodo chiamato Periodo Umido Africano, il Nilo ebbe un flusso molto più elevato e molti rami e bracci serpeggiarono attraverso la pianura alluvionale. Scoprendo e seguendo il percorso di una di queste armi sepolte oggi sotto la sabbia, ricercatori egiziani e americani lo hanno appena dimostrato in uno studio pubblicato sulla rivista comunicazioni per la terra e l’ambiente, Che 4000 anni fa, le piramidi d’Egitto si trovavano sulle rive del fiume, sulla sponda di questo braccio del Nilo, oggi scomparso.

Si chiama Braccio delle Piramidi, o Braccio delle Piramidi in arabo, e per una buona ragione. Lungo questi 64 chilometri si trovano le piramidi più grandi dell’Egitto, dalle più famose delle quali sono le piramidi di Giza a nord fino a Lisht a sud, e sono almeno 31 le piramidi che hanno messo i piedi nell’acqua!

Un corso d’acqua di grande importanza

Bisogna immaginare un paesaggio completamente diverso ricreato da questo team internazionale. Grazie al radar satellitare, alla geografia altamente sofisticata e alle tecniche di perforazione, si è potuto iniziare a creare un’antica mappa idrologica della zona, mostrando in particolare che questo braccio delle piramidi, il Braccio delle Piramidi, era un corso d’acqua di grande importanza che correva intorno ad esso. A ovest il Nilo dista talvolta più di 10 chilometri dall’attuale Nilo e il suo progressivo prosciugamento è legato a una diminuzione delle precipitazioni, il che spiega anche perché nel tempo le piramidi e le dinastie egiziane li costruirono più in basso per stare più vicini al fiume. il fiume Nilo. acqua.

READ  Lo schermo del tuo smartphone presto si sistemerà da solo: "Non è più fantascienza"

Altri ricercatori francesi lo avevano già fatto in uno studio pubblicato nel 2022 su una rivista procedure Un team dell’Accademia Americana delle Scienze è riuscito a ricostruire parte del fiume scomparso ai piedi delle Piramidi di Giza. Tutte queste ricerche sull’entroterra del fiume Nilo e questo nuovo approccio geografico ed ecologico permettono di chiarire alcuni segreti delle piramidi, in particolare dei giganteschi complessi piramidali dell’altopiano di Giza, ai piedi dei quali si trovano i ponti che conducono ai templi sottostanti. I templi erano allora situati sulla riva di questo braccio in via di estinzione del Nilo, e fungevano quindi da porti per il trasporto di uomini e materiali.

Fino a che punto possiamo tracciare lo scorrere del tempo e le fluttuazioni del fiume Nilo lungo le sue sponde, su cui furono costruite le piramidi d’Egitto?