Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quali misure vengono adottate per pagare in Italia, Germania e Regno Unito?

Con un’inflazione che si aggira in media intorno al 10% in tutta l’UE, tutti i vicini della Francia si trovano ad affrontare la questione del potere d’acquisto. Chi dice che il potere d’acquisto è salario? Ovunque, gli aumenti di prezzo li hanno superati. E ovunque, i dipendenti chiedono aumenti significativi. Una panoramica delle risposte fornite in Italia, Germania e Regno Unito.

Contributi per contributi in Italia

L’inflazione in Italia ha raggiunto il 9 per cento. Di fronte a questa inflazione generale, il governo di Mario Draghi vara regolarmente decreti chiamati “”Aiuto“, che significa “assistenza”. Attualmente sono stati firmati tre decreti di questo tipo. Riguardano i dipendenti con un reddito lordo inferiore a 35.000 euro annui. Hanno beneficiato della riduzione da luglio almeno fino a fine dicembre. I contributi dei dipendenti, che vanno dal 9% al 7% va, rappresenta un beneficio di € 25 per € 2.000 di stipendio. Sebbene non ci siano costi per i datori di lavoro, è discrezione dei datori di lavoro utilizzarlo. Per i meno abbienti, chi guadagna a meno di 1.500€ al mese viene distribuito anche un bonus di 150€.

Non abbastanza per soddisfare i sindacati che chiedono aumenti salariali generali. Chiedono anche la creazione di un salario minimo che in Italia non esiste. Sono state organizzate proteste sporadiche e bruciature delle bollette del gas. Elettricità E l’acqua, in particolare Prima della Caisse des dépôts et consignations italiana, azionista di maggioranza del grande gruppo petrolifero ENI. Qui, questi grandi gruppi devono pagare una tassa extra sui super profitti per finanziare le operazioni del governo. Il governo incoraggia le aziende a rimborsare le fatture dei propri dipendenti fino a 600 euro, che vengono poi detratti dai risultati aziendali.

READ  In Italia, il ritorno a scuola in piena ondata di omigron abbatte il personale docente

In Germania, un aumento di Smik

L’inflazione è molto alta anche in Germania, con un aumento anno su anno del 10% a settembre. Dall’altra parte del Reno si apriranno presto le trattative sui salari. Se i sindacati chiedono spesso rilanci a doppia cifra, il primo passo è più modesto. Il 1 ° ottobre, il cancelliere Olaf Schalz ha aumentato del 15% il salario minimo orario promesso durante la sua campagna. Quindi è passato da € 10,45 a € 12. La mossa è stata anticipata con impazienza e ha beneficiato più di sei milioni dei 45 milioni di dipendenti tedeschi.

In questo ambiente travagliato, anche altri dipendenti stanno aspettando un aumento di stipendio. Tra i settori che si preparano a negoziare i loro salari ci sono l’industria siderurgica, chimica, automobilistica ed elettronica. IG Metall, il primo sindacato tedesco, chiede un aumento dell’8,5% per compensare l’aumento dei prezzi e ha promesso di scioperare se non si raggiunge un accordo entro la fine del mese. Aspettatevi scioperi presso le aziende durante queste trattative, poiché gli aumenti richiesti sono significativi.

In particolare, tutti i sindacati si sono impegnati in qualche tipo di azione aggiuntiva per chiedere questo aumento salariale. Un altro sindacato, Verdi, sta fissando una soglia minima per un aumento del 10,5% per 2,5 milioni di dipendenti della pubblica amministrazione. Pochi giorni fa, i datori di lavoro hanno invitato Verdi a mostrare moderazione nelle sue richieste e tenere conto della situazione delle aziende. Perché questa mobilitazione dei sindacati si aggiunge a una lunga lista di preoccupazioni per i datori di lavoro, che già devono fare i conti con l’aumento dei prezzi delle materie prime, dei trasporti, del gas e dell’elettricità.

READ  Incendies in Catalog, disparità giornalista britannique au brésil, inflazione in Italia

Nel Regno Unito, aumenti al di sotto dell’inflazione registrata

Il Regno Unito non è immune dall’inflazione, anzi. Il paese ha uno dei tassi di inflazione più alti del G7 al 10,1%. In particolare i prezzi dell’energia sono aumentati, con bollette quasi raddoppiate in un anno e prezzi di gas ed elettricità destinati a salire fino all’80% da aprile, quando il blocco sarà terminato. Continuano a salire anche i prezzi della benzina e dei generi alimentari. Di fronte a ciò, sono allarmanti gli aumenti salariali nel Paese, con un aumento medio del 6% nel settore privato e del 2,2% nel settore pubblico. Non sorprende che si senta il malcontento sociale, soprattutto perché il clima politico è così ambiguo che un primo ministro, Liz Truss, ha buttato fuori dalla finestra la sua intera politica economica.

>> Regno Unito: come il primo ministro Liz Truss ha fatto precipitare il Paese in crisi in poche settimane

Aumentano gli scioperi nel Paese. Nonostante il popolare motto “mantieni la calma e vai avanti”, gli inglesi hanno deciso di alzare la voce. Si sono mobilitati in particolare i dipendenti delle ferrovie e delle poste. Il sindacato Royal Mail ha già organizzato sei giorni di sciopero. E lo sciopero di 16 giorni rischia di finire in tre mesi. Ciò influenzerà la distribuzione di Natale. Un altro movimento sta guadagnando slancio attraverso il canale: “Basta abbastanza”, tradotto come “troppo”. Questo movimento vuole combattere la crisi del costo della vita e cercare di trovare soluzioni per le famiglie povere.