Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Prezzi bassi, marketing consolidato e proliferazione di collezioni. Cambiare arredamento, come le camicie, è una tendenza che nasconde un “disastro ambientale”.

Prezzi bassi, marketing consolidato e proliferazione di collezioni. Cambiare arredamento, come le camicie, è una tendenza che nasconde un “disastro ambientale”.

Tre organizzazioni mettono in guardia in un rapporto dal consumo eccessivo di mobili e decorazioni. Un fenomeno alimentato dai marchi “fast decor” che inondano gli scaffali di prodotti tanto economici quanto effimeri.

pubblicato


Tempo di lettura: 6 minuti

Il motivo pop estremo e decorativo, preso in prestito dagli anni '60 e '70, spopola sui social network.  (Pauline Le Nord/Francia Info)

Nell’appartamento di Alexia nulla è lasciato al caso. Dalle sedie vintage dai colori vivaci, ai piccoli mobili ispirati ai migliori designer, fino alle stoviglie a forma di frutta: il design degli interni della 29enne lionese riflette la sua personalità “Emozione” È il momento dell’arredamento pop e massimalista. Uno stile in gran parte ispirato agli anni ’60 e ’70, popolare nei negozi e sui social media. “Ho iniziato qualche mese fa comprando il tavolo di formica verde, poi una vetrina gialla, e quello è stato l’inizio della fine.”“Scherza la giovane, seduta comodamente davanti ad un gruppo di cuscini multicolori.

Alexia, nel suo appartamento alla periferia di Lione, 4 giugno 2024. (ALICE GALOPIN / FRANCEINFO)

Come Alexia, un numero crescente di francesi ama rinnovare regolarmente la propria casa. Tra il 2017 e il 2022, il numero di mobili e oggetti decorativi commercializzati è quasi raddoppiato, da 269 a 505 milioni di unità, secondo i dati dell’Agenzia per l’ambiente e la gestione dell’energia (Ademe). Più della metà delle famiglie acquista oggetti decorativi più volte all’anno e circa il 10% di loro li regala ogni mese, avvertono Zero Waste France, Amici della Terra e Rete nazionale francese di risorse e riciclaggio. un report Pubblicato a maggio. Tutte e tre le organizzazioni sono preoccupate per il consumo eccessivo che ha favorito “L’emergere di un modello di decorazione rapida basato sulle stesse pratiche.” Confronto con il fast fashion nel settore dell’abbigliamento: produzione frenetica di prodotti a basso costo, in condizioni ambientali e sociali critiche.

I marchi stanno capitalizzando la mania esplosa dopo la crisi sanitaria, quando la casa è diventata un luogo di reclusione forzata e di rifugio. “Il contenimento ha rafforzato l’idea che sia essenziale sentirsi a proprio agio a casa”.Analizza Pascale Heppel, specialista dei consumatori e direttore associato presso la società di marketing C-Ways. “Lo vedo nei clienti del mio negozio: l’arredamento è diventato importante anche tra coloro per i quali prima non era necessario”.“Alexia, che lavora in un negozio di decorazioni nel cuore di Lione, è d’accordo.

READ  Sempre più francesi stanno lottando per estinguere i loro prestiti

In cambio, l’offerta è aumentata di conseguenza. Oltre ai tradizionali negozi di mobili e decorazioni, “I grandi negozi alimentari si concentrano sempre di più su questi prodotti”.Apprezza Gloria Al-Tawsi, Project Manager di advocacy e comunicazione presso la National Resource and Recycling Network. Con i loro prezzi scontati, marchi in liquidazione come Action o Noz “Anche negli ultimi anni ha riscosso un grande successo.”, aggiunge. Dopo i marchi del ready-to-wear (Zara Home e H&M Home), è il turno delle piattaforme “ultra-fast fashion” (Shein e Temu) a posizionarsi nel campo della decorazione.

“Ci sono costantemente nuovi operatori che arrivano per abbassare ulteriormente i prezzi.”

Pascale Heppell, specialista dei consumatori

In Francia Informazioni

In questo mercato altamente competitivo, i marchi fanno affidamento su promozioni costanti e sul costante rinnovamento delle loro collezioni. In media, IKEA e Maisons du Monde aggiungono rispettivamente 2.000 e 3.000 nuove referenze all’anno, secondo uno studio sulla decorazione rapida. Acquistando l’inventario in eccesso, Action introduce nuovi prodotti ogni settimana. “Anche se la durata di vita di un mobile o di un oggetto decorativo dovrebbe essere di diversi anni, o addirittura decenni, i marchi producono ogni anno diverse collezioni stagionali, integrate da collezioni “capsule” a tempo limitato, intese a incoraggiare un maggiore consumo”.In segno di protesta contro gli autori del rapporto.

Nel suo salotto, Alexia ammira la lampada colorata che ha comprato pochi giorni fa: un prodotto da supermercato in collaborazione con un artista moderno brasiliano.

“Per questo tipo di prodotto in edizione limitata, vado dritto perché so che si esaurirà molto rapidamente.”

Se è la Cina “Più volte al mese” Nei mercatini delle pulci e trova oggetti nei siti di seconda mano, intenditore, chi “Cammina verso il cuore”ammette che sta comprando Anche “molto” Delle cose nel negozio e cose del genere “rotto” Spesso per le ultime tendenze. Da quando ha acquistato il suo appartamento con due camere da letto nel 2020, ha ridipinto anche quello “Tre o quattro volte le mura del suo ingresso.”Recentemente, l’arancione è un colore di grande tendenza nel 2024.

READ  Netflix: account abbonati, ricerca non abbonati, geolocalizzazione... Cosa cambierà sulla piattaforma di streaming

Alexia trae la maggior parte della sua ispirazione dai social network. Su Instagram e TikTok, alcuni influencer francesi che mettono in mostra i loro interni contano decine di migliaia di iscritti. Per suo conto, Alexia condivide le sue scoperte con quasi 8.000 persone. Questo numero è quintuplicato da gennaio. “Tutto è iniziato quando ho pubblicato una foto della mia nuova sedia e ho identificato il marchioDice. Molto velocemente sono arrivato a 2.000 e poi a 3.000 iscritti… non ho capito niente”.

Vista la sua nuova popolarità, sta ricevendo sempre più richieste da parte di brand che vogliono presentare i loro prodotti sul suo profilo. I social network gli permettono di farlo “Rivolgiti a un pubblico altamente qualificato interessato ad argomenti di arredamento a differenza di altri tipi di annunci.”la relazione pone l’accento sulla decorazione rapida.

Su richiesta del fast fashion, “Questo settore sta prendendo una svolta tragica in termini di impatto sociale e ambientale”.“, avverte Gloria Tausi, della Rete nazionale dei centri di risorsa e riciclaggio. LL’impronta di carbonio del nuovo armadio è stimata in 900 kg di CO2 equivalente Di AdeemAnche Tanto quanto il volo Parigi-New York. ARappresenta la fase produttiva, che comprende l’estrazione, la lavorazione e l’assemblaggio delle materie prime “Tra il 50% e l’80% dell’impatto ambientale dei mobili”secondo il rapporto.

A preoccupare sono le associazioni promotrici dello studio “Conseguenze serie” Da questa industrializzazione sfrenata delle risorse forestali. “La produzione avviene a scapito di alcune foreste primarie in cui gli alberi vengono chiaramente disboscati”.Lo denuncia Pauline Debrabander, membro di Zero Waste France. Nel mese di febbraio è stata condotta un’indagine documentaria in merito rivelando di IKEA stima che il colosso svedese dei mobili abbatta un albero ogni due secondi.

READ  Più di 700 persone manifestano a Caen contro l'inizio dell'EPR di Flamanville

Quando “Le cose hanno una vita sempre più breve.” Come sottolinea Gloria Tosi, anche la decorazione veloce contribuisce all’accumulo di rifiuti. Il rapporto indica che nel 2022 in Francia sono state raccolte circa 1,3 milioni di tonnellate di rifiuti di mobili da parte di organizzazioni ambientaliste dedicate, ovvero 18,7 kg per abitante. Tuttavia, solo il 3% di questi rifiuti viene riutilizzato.

“A differenza dei vecchi armadi degli anni ’50, i nuovi mobili non possono più essere riutilizzati dopo uno o due traslochi.”

Gloria Al-Tawsi, responsabile delle comunicazioni presso la Rete nazionale di risorse e riciclaggio

In Francia Informazioni

“La stragrande maggioranza viene inviata all’incenerimento o, nella migliore delle ipotesi, al riciclaggio”.Gloria denuncia Al-Taousi. Anche se notiamo una crescita significativa nel settore dei beni usati, questa è ancora minore rispetto a quelli nuovi.Lei continua. Con Zero Waste France e Friends of the Earth, la sua rete va altrettanto beneChiama per “Raddoppia i soldi” Destinato al riutilizzo e per rendere più attraente la ricompensa della riparazione.

Il loro rapporto raccomanda anche Un sistema di “bonus extra”, simile a quello adottato dai parlamentari a marzo per regolamentare il fast fashion. Le tre organizzazioni propongono inoltre di regolamentare ulteriormente la pubblicità su questi prodotti e di includere nella legge un percorso per ridurre il numero di prodotti di arredamento in vendita. “Tra le più grandi uscite sul mercato, “Il numero di tavolini e appendiabiti sta esplodendo.”, Gloria Tausi ricorda. E chiedere: “Abbiamo davvero bisogno di avere sugli scaffali tre o quattro nuovi modelli di appendiabiti ogni anno?”