Febbraio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Perché non puoi più visitare il Metaverso alla Disney?

Perché non puoi più visitare il Metaverso alla Disney?

La parola “metaverso” era molto popolare nel 2022. Metaverso qui, Metaverso là, abbiamo tutto, comprese le parolacce. Oggi l’hype intorno a questa direzione si sta esaurendo e manca l’arrivo di progetti concreti in questo campo. Al contrario, la tendenza è piuttosto verso l’abbandono del settore. Questa volta è stato il gigante Disney a rinunciare alle sue ambizioni per un mondo virtuale.

La Disney è sempre stata interessata alle nuove tecnologie

C’è qualcosa che non va nel metaverso. Se c’è un dibattito sulla definizione di questa tecnologia, non c’è dubbio che le aziende che hanno intrapreso questo percorso dal grande annuncio di Facebook sono state tutte spinte dalla stessa idea: creare un mondo 3D accessibile al maggior numero di persone . Delle persone, dove i confini tra realtà e realtà sono particolarmente fragili, come l’estensione o la debolezza del mondo materiale.

Sin dal suo debutto, la Disney non ha nascosto che il marchio ha grandi ambizioni per il Web 3. Sono passati quasi due anni da quando la società ha messo radici nell’ecosistema, vendendo token virtuali da collezione (NFT) con diversi personaggi dello studio presenti sul Veve app.

Oltre agli NFT, la Disney è stata particolarmente interessata all’idea di contribuire a mondi virtuali 3D, comunemente indicati come Metaverso. Data la varietà di possibilità offerte, l’idea sembra avere del potenziale, soprattutto nei parchi tematici.

Una vera rivoluzione o un semplice concetto di marketing?

Nonostante l’entusiasmo, la prossima generazione del Metaverso deve ancora apparire e l’entusiasmo generale non sembra aver ancora superato la pura curiosità. Tanto che molti si chiedono se il Metaverso sia, dopotutto, solo un concetto di marketing vuoto.

READ  Più di 214 milioni di euro di ammendes dressés par la Cnil, une année « record »

Nessun M-mondo

La Walt Disney Company potrebbe essersi vista un po’ troppo bene nel settembre 2022. Poi il suo ex CEO Bob Chapek (che sarà licenziato due mesi dopo) ha annunciato che il suo team avrebbe fatto un grande passo nello spazio digitale. Vengono menzionati i token non fungibili (NFT), Web3 e persino “M-World” (secondo lo stesso Bob Chapek).

La sezione Metaverse abbandonata

Ma secondo il Wall Street Journal del 28 marzo 2023, citando “fonti informate”, la Disney ha semplicemente deciso di annullare la divisione del lavoro nel Metaverso.

Come parte di una “ristrutturazione più ampia” del grande conglomerato dell’intrattenimento – che potrebbe interessare fino a 7.000 posti di lavoro – la chiusura della divisione metaverse comporterà 50 licenziamenti. Quest’ultimo è stato originariamente creato nel febbraio 2022.

Grande piano di ristrutturazione

In un contesto economico difficile, l’azienda sta per licenziare l’intero team, ovvero 50 dipendenti, dedicati allo sfruttamento della tecnologia. Questa decisione fa parte del piano di ristrutturazione generale dell’azienda. Questi licenziamenti si aggiungono a quasi 7.000 altri posti di lavoro che potrebbero essere influenzati dalle scelte strategiche del gigante dell’intrattenimento.

Uno dopo l’altro, i giganti stanno abbandonando il Metaverso

La Disney non è la prima azienda ad abbandonare un simile progetto. Giant Microsoft, ad esempio, ha deciso di smettere di spendere soldi per il Metaverso per ragioni simili.

Ancora più sorprendente è che Meta, la società madre di aziende come Facebook e Instagram, si appoggia maggiormente all’intelligenza artificiale, ovvero, mentre Metaverse era un cavallo di Troia un anno e mezzo fa.

La fine dell’hype

In quanto tale, l’hype che circonda il Metaverso sembra aver colto di sorpresa le aziende. Con l’ambizione di raggiungere un mercato stimato di 5 trilioni di dollari entro il 2030, negli ultimi anni diverse società giganti si sono imbarcate in progetti di metaverso.

READ  Circa il 70% dei dipendenti delle raffinerie francesi è in sciopero, secondo CGT

anni di ricerca avanti

Ora che il folle clamore sul potenziale (ma molto reale) del Metaverso è passato, rimangono solo piani concreti. Questo aspetto dell’Internet del futuro, costituito dal mondo digitale interconnesso (il Web), richiederà ancora anni di lavoro e di ricerca prima che assuma una forma sufficientemente tangibile da portare a una vera (e sicuramente forte) adozione.